Pinterest LinkedIn

© Riproduzione riservata

Beer&Food Attraction 2020 si è rivelata un’ulteriore edizione di successo per il mondo brassicolo italiano e non solo. Dalle singole proposte ai forum, fino alla competizione per il “Birrificio dell’Anno”: ogni componente è stato sinonimo di passione e dedizione per la birra. Brewrise ha messo in mostra l’intera corazzata, confermandosi come player di rilievo assoluto, spaziando dall’Europa agli Stati Uniti sulla linea comune dell’eccellenza.

Gianni Arecco di Brewrise a Beer&food Attraction 2020

Eccellenza nell’importazione e nella distribuzione di birre di qualità. Nata nel 2016 da un’idea di più menti, come racconta Gianni Arecco, uno dei co-titolari: “Una realtà giovane, che ama le birre, tutte”. Belgio, Inghilterra, Stati Uniti rimangono il focus principale, creando un ponte prezioso tra gli appassionati italiani e le realtà più celebri del mondo del luppolo.

Alessandro Bonin di Chimay a Beer&Food Attraction 2020

Chimay è uno dei marchi di punta. Autentico diamante storico, la birra trappista più famosa del mondo, come racconta Alessandro Bonin, responsabile export: “Chimay ha una storia lunghissima anche in Italia, presente da circa quarant’anni. Lavoriamo in modo ragionato e ragionevole, cerchiamo la qualità per soddisfare le potenzialità e le richieste del nostro mercato”. Attenzione maniacale all’aspetto qualitativo, che si traduce in una gamma strepitosa: dubbel triple storiche, insieme alla dorèe più leggera.

Francesco Erario di Brouwerij De Halve Maan a Beer&Food Attraction 2020

De Halve Maan, l’unico birrificio presente nel centro storico del Belgio. Lo descrive  il brand ambassador Francesco Erario: “Siamo la realtà autentica della città di Bruges, con la particolarità della pipeline: un sistema di tubi lungo tre chilometri e trecento metri che collega il birrificio alla zona industriale, dove infustiamo, imbottigliamo e soddisfiamo i nostri clienti”. Brugse Zot, Straffe Hendrik e Blanche de Bruges sono le tre proposte di qualità.

Ronald de Waal di The Flying Dutchman allo stand di Brewrise a Beer & Food Attraction 2020

Ampio spazio alle realtà internazionali di altissima gamma. La leggenda Ronald de Waal con The Flying Dutchman, che dedica all’Italia la novità: Cappuccino Porter, tostata con note di caffè importanti, e una linea analcolica a base di Kombucha, declinata nelle varietà alla rosa o al ribes nero. “Un trend già in crescita nel Nord Europa, è solo questione di tempo perché arrivi anche nelle zone mediterranee, dove lo stile healthy sta prendendo piede”.

Ian Houghton di EMEA Bundaberg Brewed Drinks a Beer & Food Attraction 2020

A proposito di analcolici: Ian Houghton, responsabile vendite di EMEA Bundaberg Brewed Drinks, presenta un prodotto che vive da cinquant’anni, all’avanguardia in quello che è un costume sempre più comune oggi: “Fermentati analcolici, lontani parenti della birra: gusto pieno e profondo, completamente naturale. Abbiamo iniziato con la ginger beer, per poi allargarci a qualsiasi tipo di palato e cultura. In Italia con Brewrise inizieremo l’ingresso in Italia, e i primi sei mesi ci hanno già dato segnali meravigliosi”.

Jesse Kercheval di Oskar Blues Brewery - stand BrewRise a Beer & Food Attraction 2020

Brewrise coinvolge anche lo stile street e alla mano tipico dei birrifici USA. Come Oskar Blues, fresco di lancio in Italia rappresentato da Jesse Kercheval. Grand entusiasmo per il tratto distintivo del bere americano, la lattina: la classica Dale’s Pale Ale, oppure varianti più luppolate che attirano maggiormente il pubblico italico, come la One-Y IPA e la Tropical Can-O-Bliss.

Tim Sprake di Wells & Co. - stand Brewrise a Beer & Food Attraction 2020

Terra d’Albione, terra di grande tradizione birraria. Orgoglio inglese per il birrificio Charlie Wells, raccontato da Tim Sprake: “Uno dei primi birrifici presenti in Italia, circa quarant’anni fa, da Bedford. Avremo una nuova selezione dopo l’apertura del nostro nuovo punto a luglio, e proporremo i nostri nuovi prodotti Brewpoint”.

Harry Kennedy di O’hara’s Carlow Brewing Company, stand di Brewrise a Beer & Food Attraction

Dall’Irlanda i pionieri della birra artigianale locale, il birrificio O’Hara’s, a conduzione familiare come spiega Harry Kennedy. Proposte tutte alla spina, la pluripremiata Irish Stout, la Irish Red Ale (Nitro) e la Irish Pale Ale, la più venduta d’Irlanda. Non manca una ricerca di respiro internazionale, con la 51 State New England IPA ispirata agli USA.

Marco Weber di Veltins / Grevensteiner stand Brewrise a Beer & Food Attraction 2020

Non solo Gran Bretagna: Marco Weber, responsabile export di Veltins / Grevensteiner racconta la storia centenario dell’azienda. “Nacque duecento anni fa a conduzione familiare nel Sauerland in Germania. Grevensteiner è una bierspezialitäten tedesca, una lager fresca non filtrata. Veltins invece è una Pilsner tradizionale”.

Philippe Dumont di Lindemans - Stand Brewrise a Beer & Food Attraction 2020

Dal 1822 il birrificio Lindemans è orgoglio nazionale belga: “Cerchiamo di entrare stabili nel mercato italiano” racconta il sales manager Philippe Dumont. “Cinque anni fa non eravamo conosciuti per nulla, adesso stiamo cominciando a toglierci qualche soddisfazione. E siamo sicuri con Brewrise continueremo a migliorare”.

 

Scheda e news: BREWRISE Srl

© Riproduzione riservata

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Nino Negri - 5 Stelle Sfursat

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Annuario Birra Birritalia beverfood

Scrivi un commento

sedici − 1 =