Autore

Carlo Carnevale

Browsing
Carlo Carnevale su Instagram


I consumi fluttuano, le richieste variano, ma la certezza nelle abitudini degli italiani rimane: il caffè è tra i prodotti (e i rituali) più radicati nelle giornate nostrane. Tuttavia, alla luce di un sempre maggiore affinamento dei desideri dei bevitori, Nespresso propone Nespresso Professional, per portare il caffè di qualità anche nel comparto Ho.Re.Ca.

Con le dovute cautele, che per fortuna vanno via via allentandosi, il mondo guarda finalmente al consumo post COVID-19. E lo fa con un confermato interesse verso soluzioni analcoliche, soprattutto quelle che hanno dimostrato attenzione ai consumatori affezionati e capacità di adattamento: non deve sorprendere, allora, che Coca-Cola sia (ancora una volta) sul gradino più alto nella classifica delle bevande senza alcool di maggior valore. 

Il caprone Olda è tornato ad aggirarsi in piazza Gae Aulenti. Nel weekend appena trascorso, la mascotte di Birra Kozel, parte del gruppo Peroni, si è affacciata nel cuore del centro futuristico di Milano, con un’installazione alta quattordici metri e un intero villaggio dedicato, volto a ricostruire Velké Popovice, il pittoresco e minuscolo centro della Repubblica Ceca dove Kozel è nata.

C’è stato un tempo in cui l’ora dell’aperitivo aveva un prodotto principe, indiscusso. Italiano fin nell’essenza, tanto da essere normato già nel 1933, poi elevato con Regolamento Europeo nel 1991. Il vermut (conosciuto anche come vermouth nella dicitura francese, altra cultura legatissima al prodotto) è fin dal Diciottesimo Secolo uno dei protagonisti indiscussi dei momenti di convivialità italiani, e non solo. E con 1757 di Cinzano, Campari Group vuole riportarlo dove merita, insieme a una stella della miscelazione mondiale.

Sarebbe stato sorprendente il contrario: alla 46esima edizione di Hospitality Riva, conclusasi lo scorso 24 marzo, grande spazio è stato conquistato dalla grappa, distillato italiano per eccellenza e a maggior ragione identitario di questa zone del territorio. Anche i produttori più storici hanno però compreso l’importanza di spingere su alternative in distillazione, forte della ormai galoppante crescita della miscelazione.