Pinterest LinkedIn

© Riproduzione riservata

Talento, classe e sostenibilità: tre dettami preziosi per i bar e i bartender contemporanei, che in una sola sera si sono ritrovati al banco di uno dei cinque stelle più apprezzati di Milano. Allo Stilla Bar del Four Seasons ha fatto tappa il Paradiso di Barcellona, con il sostegno di Onestigroup.

Lo scorso anno incoronato come miglior bar al mondo, il Paradiso è creatura dell’italianissimo Giacomo Giannotti, che dalla sua Toscana è arrivato a conquistare il tetto del mondo della miscelazione. Al suo fianco anche Gianluca Basso, che ha appunto tenuto banco(ne) allo Stilla, per una serata incentrata su Bareksten Spirits. Con indosso l’identitaria divisa floreale del Paradiso, Basso ha sfoggiato con le sue ricette, le intuizioni e la filosofia che hanno contribuito al successo del bar numero uno al mondo.

Protagonista delle miscele, dunque, la selezione Bareksten Spirits, elemento di spicco del portfolio di Onestigroup, rappresentato dal Global Brand Ambassador (ed ex campione di flair bartending) Simone Bodini. Animo e ingredienti norvegesi, eredità di Sting Bareksten, la gamma del brand spazia dalle tre varianti di gin alla vodka, passando per un interessante assenzio e un aquavit, che Basso accoppia, infuso al pesto, con una soda allo zafferano nel suo Marco Polo. Kriptonita, dal colore fedele al leggendario materiale antagonista di supereroe, era invece miscelato con Bareksten Botanical Gin macerato con lemongrass, Pepe di sichuan, foglie di shiso e riboflavina, liquore elettrico, cordiale al pompelmo rosa, bitter al cioccolato.

Lo stile di Paradiso, che tradizionalmente accoppia ingredienti ricercati e dal basso impatto ambientale (celebri i sottobicchieri del locale, realizzati con materiali di scarto) si materializza anche in Top Gun, con Bareksten Botanical Gin, Pedro Ximénez sherry, corteccia di quercia, succo di limone, mole al cacao, frutto della passione e arancia, e nel potente Sound of Waves, fatto con Bareksten Botanical Gin, Bareksten Botanical Aquavit, cordiale al pino, marmellata di Irish moss e limone.

Tutto intorno è pienone, di fronte agli affreschi vivi e all’atmosfera internazionale che contraddistingue il Four Seasons di via Gesù, e sotto lo sguardo vigile e attento al dettaglio del bar manager dello Stilla Bar, Luca Angeli.

Luca Angeli bar manager dello Stilla Bar 
Luca Angeli bar manager dello Stilla Bar

© Riproduzione riservata

Scheda e news:
Onestigroup SpA

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Scrivi un commento

uno × 5 =

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina