Redazione Beverfood.com
| Categoria Notizie Vino | 1458 letture

La Cantina di Monteverro avvia il processo di conversione al biologico che si concluderà nel 2019

Conversione Monteverro Vini Bio Cantina Processo Biologico Concluderà

Cantina Conversione Biologico Processo Vini Bio Concluderà Monteverro

Un cammino iniziato sin dalle origini della tenuta – nel 2003 – alla ricerca di un equilibrio sostenibile tra terra e vite, un percorso ideale che oggi diventa anche formale. Monteverro – dopo anni di prove e sperimentazioni – ha scelto di dare il via al processo di certificazione biologica che si concluderà nel 2019.

Il concetto di agricoltura convenzionale, dove la soluzione a ogni problema era l’utilizzo di un prodotto sintetico, è lontano dall’approccio di Monteverro al mondo del vino. L’obiettivo da sempre è quello di produrre meglio e non di più. Un diverso approccio all’agricoltura ci permette una visione più ampia e sinergica, arrivando così a comprendere le molteplici sfide che un’azienda viti-vinicola deve affrontare (vigoria del vigneto, siccità, parassiti, longevità dei vigneti, erosione dei suoli …).

La nostra è una strategia che tiene conto di tutti gli elementi che caratterizzano una specifica realtà agricola. Per mettere in pratica questa filosofia di coltivazione abbiamo iniziato un’importante collaborazione con Lydia e Claude Bourguignon – agronomi di fama mondiale, autori di un libro di riferimento come Il suolo. Un patrimonio da salvare, testo fondamentale per comprendere le linee guida dell’agricoltura del futuro.

Il loro supporto è stato sostanziale, prima, per capire i nostri suoli e, poi, per dare inizio a un’attività biologica anche attraverso lavori come lo studio dei profili del suolo, la diminuzione delle lavorazioni e la semina di sovesci. Si è lavorato anche sulla pianta stessa, inserendo nuove tecniche di potatura più rispettose e passando tutte le nuove piantagioni in Guyot, forma di allevamento che ci permette di avere piante più equilibrate.

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

In un secondo tempo, abbiamo deciso di non utilizzare insetticidi, con l’obiettivo di salvaguardare la nostra fauna naturale, e contestualmente aumentare le zone di popolamento degli insetti, piantando, all’interno dei nostri vigneti, più di 1 km di siepe di piante autoctone della macchia maremmana. Per aumentare la biodiversità sono anche stati seminati prati fioriti e posizionati nidi per uccelli e pipistrelli. La natura ha una forza incredibile e questi accorgimenti hanno permesso di ottenere piante più equilibrate e più armoniche, dotate di una maggiore resistenza ai suoi principali nemici. Progressivamente sono stati eliminati i pesticidi sintetici per utilizzare solo prodotti autorizzati in agricoltura biologica, riuscendo – nel tempo – a utilizzarne un basso quantitativo (utilizzo di rame inferiore a 2,5 kg/ha, media sugli ultimi 5 anni).

Il 2016 è stato l’anno della svolta: si è deciso con entusiasmo e grande fiducia di iniziare il percorso di conversione all’agricoltura biologica di tutta la produzione (uva, olive, vino e olio). Questo importante cammino di tre anni porterà nel 2019 alla certificazione ufficiale.

Ufficio Stampa ZED_COMM: Michela Mezzolo
Corso San Gottardo 19 – 20136 Milano Tel: +39.02.36550569
Email: michela@zedcomm.it

+ COMMENTI (0)

Luksusowa - Polish Vodka - Potao Heros since 1928 - esclusiva di Pallini

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Concluderà Vini Bio Biologico Cantina Processo Monteverro Conversione

Tags/Argomenti: ,

ARTICOLI COLLEGATI:

Bianchello del Metauro DOC e la storia di Fiorini: tre generazioni di cura e amore per il territorio

Bianchello del Metauro DOC e la storia di Fiorini: tre generazioni di cura e amore per il territorio

30/07/2019 - È il 1930 quando Luigi Fiorini pianta il primo vigneto, iniziando a praticare una filosofia vocata al territorio e al rispetto della terra. Oggi, dopo tre generazioni, l’...

I due vini biologici di Casalfarneto, il trionfo colorato della natura, al Vinitaly 2017

I due vini biologici di Casalfarneto, il trionfo colorato della natura, al Vinitaly 2017

03/04/2017 - La natura, i colori, il mistero della creazione. Un uomo, una donna, la vita. Gira intorno al mistero della creatività e alla forza ispiratrice della natura, l'ultima cre...

Festambiente 2018: i migliori vini biologici e biodinamici d’Italia

Festambiente 2018: i migliori vini biologici e biodinamici d’Italia

27/08/2018 - Il settore del biologico italiano è sempre più in espansione dai dati del Sinab 2017 emerge che i vigneti coltivati a biologico o in conversione hanno raggiunto 103.545 e...

Amarone Ninfeo: cantina Valpantena scommette sul biologico

Amarone Ninfeo: cantina Valpantena scommette sul biologico

23/11/2017 - Cantina Valpantena lancia l’Amarone Biologico Ninfeo, annata 2012. Una scelta attenta al consumatore, alla qualità e al territorio.   Si chiama Ninfeo ...

Ricerca Winemonitor: cresce l’interesse per i vini bio e sostenibili

Ricerca Winemonitor: cresce l’interesse per i vini bio e sostenibili

24/07/2017 - Negli Stati Uniti 2 consumatori di vino su 10 acquistano vini sostenibili certificati ma la platea dei potenziali interessati è almeno il doppio. La difficoltà ad identif...

Ricerca Wine Monitor: 1 su 4 italiani preferisce il vino bio

Ricerca Wine Monitor: 1 su 4 italiani preferisce il vino bio

27/05/2017 - È quanto emerge dalla ricerca ICE curata da Wine Monitor Nomisma presentata in occasione del convegno di FEDERBIO a Vinitaly 2017. +295% Europa, +280% mondo: sono questi ...

BIO LOGICO RAVAZZI: un vino prodotto con uve biologiche dell’A.A. Gianni Barzi

BIO LOGICO RAVAZZI: un vino prodotto con uve biologiche dell’A.A. Gianni Barzi

01/09/2015 - Negli ultimi tempi stiamo assistendo una riscoperta di vini con di gusti e valori antichi, con una maggiore consapevolezza da parte dei consumatori sempre più attenti all...

Live Wine 2018: Il Salone Internazionale del Vino Artigianale torna dal 3 al 5 marzo a Milano

Live Wine 2018: Il Salone Internazionale del Vino Artigianale torna dal 3 al 5 marzo a Milano

01/02/2018 - Sabato 3, Domenica 4 e Lunedì 5 Marzo torna l’evento più importante dell’anno dedicato alle produzioni vitivinicole artigianali di qualità. Giunto ormai alla sua quarta e...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

quattro × 3 =