Pinterest LinkedIn

Nel tardo pomeriggio di venerdì 2 dicembre scorso, presso l’Enomuseo Toso si è svolta la presentazione del numero di dicembre della rivista di enogastronomia intitolata Barolo & Co, da 34 anni presente sulle scene dell’informazione vitivinicola.Presentazione-Barolo-&-Co-alla-TosoCasa Toso e Barolo & Co hanno unito l’impegno per celebrare i positivi risultati che la rivista sta poco per volta riconquistando nel contesto del settore vitivinicolo ed enogastronomico e per sottolineare il ruolo sempre più autorevole che l’azienda Toso sta acquisendo nella realtà produttiva piemontese.

Per Barolo & Co si è trattato di una delle prime iniziative di presentazione dopo che è cambiata la proprietà (passata Vignaioli Piemontesi) ed è stata rinnovata da direzione (affidata a Giancarlo Montaldo). A queste novità sono seguite la profonda revisione dell’impostazione editoriale che ha trasformato la rivista in un vero strumento di approfondimento e anche il radicale rinnovamento della veste grafica.

I contenuti del fascicolo di dicembre

L’incontro del 2 dicembre scorso a Casa Toso si è aperto con la presentazione dei temi trattati da Barolo & Co nel fascicolo di dicembre, in particolare la speciale attenzione dedicata ai cosiddetti “vini aromatici”: le originalità del Moscato d’Asti, gli elementi preziosi della Malvasia di Castelnuovo Don Bosco, l’origine precisa dei vitigni aromatici piemontesi, il fascino e l’orgoglio dei “sorì del Moscato” e, infine, l’eleganza dello Strevi.

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

Poi, gli altri temi del mondo del vino, l’Aglianico del Vulture come vino ospite, gli approfondimenti dell’annata 2016 e i temi dei mercati BRIC. Molto spazio è dedicato ai prodotti alimentari, il Castelmagno, il porro, la cioccolata, la cognà e le proprietà culinarie di timo e ginepro. Infine, le rubriche enoturistiche raccontano le originalità di Mondovì e dintorni, il fascino delle vigne di città e le curiosità dei Musei del Castello di Magliano Alfieri.

Per le altre rubriche rimandiamo al sito della rivista: www.baroloeco.it

L’anteprima dei brindisi

A conclusione della presentazione, sono diventati protagonisti i vini e le golosità gastronomiche. Il brindisi di fine anno, anticipato di qualche settimana, ha avuto come protagonisti alcuni Moscato d’Asti di piccoli produttori del territorio unitamente a una curiosità di Casa Toso ovvero la prova sperimentale del cosiddetto “Asti secco”, particolarmente apprezzata dai presenti (giornalisti collaboratori di Barolo & Co, produttori, ristoratori e altri operatori economici e turistici).

Hanno accompagnato i vini alcune proposte gastronomiche di differente stile: da un lato, il Panettone al Moscato della prestigiosa Casa Albertengo di Torre San Giorgio (CN) e, poi, tante gustose curiosità salate, dai classici salami cotti e crudi, alle focacce farcite, alla salsiccia dalla Nocciola Piemonte IGP, alle tartine con le acciughe a quelle con gorgonzola e noci.

Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice

INFOFLASH/TOSO

Fondata nel 1910, la Toso SpA è un’importante struttura produttiva con una riconosciuta specializzazione per gli spumanti e i vermouth, con particolare riferimento allo storico Vermouth di Torino. La produzione aziendale si completa con i vini del territorio, dai bianchi Gavi, Piemonte Cortese e Langhe Arneis ai rossi derivanti dai vitigni autoctoni regionali come Barbera (Barbera d’Asti e Piemonte Barbera) e Nebbiolo (Barolo, Barbaresco e Langhe Nebbiolo). www.toso.it

Info per la Stampa:
STUDIO MONTALDO – tel. 0173 213520 – fax. 0173 214805 – info@studiomontaldo.it

SCHEDA WEB E ALTRE NEWS TOSO

No.3 London Dry Gin - nuova bottiglia disponibile da Marzo 2020 - esclusiva di Pallini

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

quattordici − quattro =