Pinterest LinkedIn

© Riproduzione riservata

In una prestigiosa sala del Portrait di Milano, Sagna storico importatore dello Champagne Louis Roederer ha ufficialmente presentato l’ultima release del progetto Collection, il 244, dove il numero rappresenta il numero degli assemblaggi svolti dalla Casa dal 1776, anno della sua fondazione. Jean-Baptiste Lécaillon, chef de cave della Maison da oltre trent’anni, ha spiegato che Collection non nasce per motivi di marketing ma per contrastare gli effetti del cambiamento climatico ma sopratutto per svincolarsi dall’immagine degli Champagne non millesimati degli anni settanta. “Bisogna reinterpretare lo Champagne, cercare di trovare l’identità dello Champagne di domani” – ha affermato JBL. Se fino a qualche decade fa le grandi annate erano meno frequenti, dall’inizio del nuovo millennio le cose sono cambiate, sono moltissime quelle meritevoli di essere espresse tal quali, millesimabili”.

 

CAMBIAMENTO CLIMATICO Collection è figlio di un lavoro attento in campagna, di un’agricoltura efficace in risposta agli effetti del cambiamento climatico, che creano un nuovo ambiente e una diversa qualità delle uve: da vendemmie più anticipate ad acini più sani e maturi, ricchi di sapori, polpa e consistenza ma con meno acidità. L’uva appare come espressione del luogo, la voce del suolo in cui nasce; in breve, c’è un’identità più forte. Forte di questo cambiamento per Jean-Baptiste era tempo di nuove sfide. L’acidità, che non gioca più il ruolo principale, lascia spazio a nuove freschezze e a una rinnovata forma di leggerezza. I Pinot neri diventano più strutturati ma è necessario preservane il lato più dinamico. Pertanto l’assemblaggio della Maison ha subito un radicale cambiamento, l’impiego dei vini di Riserva (affinati in legno) è finalizzato a una resilienza stilistica del vino, l’uso di annate diverse diventa un punto di forza, una vera opportunità. La scelta delle date di raccolta diventa un lettura del millesimo, stigma del futuro vino; la vinificazione può diventare meno « invasiva » e agevolare una produzione di vini orientati al terroir, volti di ogni nuova annata.

LA LIBERTÀ DELLO STILE ROEDERER L’obiettivo di Collection – spiega Lécaillon – è mostrare nuove sfumature e intensità fruttate complesse nonché un maggiore potenziale d’invecchiamento del vino. Composto per la metà dell’assemblaggio da uve d’annata provenienti da vigneti di proprietà e di vigneron partner, che seguono protocolli imposti dalla Maison, Collection enfatizza il carattere di ogni millesimo. Il risultato? “Un multimillesimato buono come un vintage” realizzato creando il migliore assemblaggio possibile ogni anno, capace di esprimere i diversi terroir della Champagne (Côte des Blancs, Montagne de Reims e Vallée de la Marne) e lo stile della vendemmia; uno champagne che, prima di essere tale, è un vino coinvolgente, avvolto da un finale materico e salino. La vinificazione separata di ogni parcella, poi assemblata, rivela la singolarità del luogo, Louis Roederer si concede la libertà di scegliere quali appezzamenti far rientrare in Collection per una ricetta che, se da un lato resta coerente a se stessa, dall’altra riesce a catturare la singolarità del millesimo poi impreziosito dai vini di riserva di altre grandi annate. Nel bicchiere si ottiene una maggiore consistenza e una capacità d’invecchiamento che supera la decade. Nel retro-etichetta, la Maison restituisce dettagliatamente tutte le informazioni sul vino, dall’assemblaggio alla data di sboccatura.

A SPASSO NEL TEMPO CON COLLECTION Dall’assaggio dei vini preparatori al debutto di Collection (238, 239, 240), avvenuto con la release 242, si comprende come Roederer abbia ricercato sempre più tensione passando dalla riduzione della fermentazione malolattica a una maggiore presenza di composti fenolici (dati dalle tailles e fermentazioni in rovere) alla riduzione del dosaggio (passato nel tempo da 9 a 7 g/l come nel caso del 244). Nei 241 e 242, il sorso offre sensazioni materiche e profili aromatici più impattanti, più precisi, di grande concentrazione e persistenza. Il confronto tra il 243 e 244, invece, sottolinea un perfetto equilibrio tra struttura e freschezza dato da una maggiore presenza di Chardonnay.

COLLECTION 244

Data di sboccatura il 17/01/2023. Annata 2019, un millesimo arido e continentale, ha battuto tutti i record storici delle temperature durante una successione di ondate di caldo torrido. Rese moderate e dalla splendida maturazione caratterizzano i vini, densi e freschi al tempo stesso. La vendemmia si è svolta dal 10 al 21 settembre.
CARATERISTICHE 1/3 “la Rivière” 1/3 “la Montagne” 1/3 “la Côte”. Si integrano le uve dei vigneti di proprietà con quelle provenienti da parcelle selezionate “Cœur de Terroir” presso vigne di viticoltori partner. Uve: 41% Chardonnay, 33% Pinot noir, 26% Meunier
244° ASSEMBLAGGIO RESERVE PERPETUELLE: 36% (2012/2013/2014/ 2015/2016/2017/2018 ) VINI DI RISERVA AFFINATI IN LEGNO: 10% ( 2012, 2013, 2014, 2015, 2016, 2017, 2018) VENDEMMIA 2019: 54% (di cui il 5% vinificati in legno) FERMENTAZIONE MALOLATTICA: 35% DOSAGGIO: 7g/l

NOTE DI DEGUSTAZIONE Dal bouquet ampio e profondo, con sensazione di frutti gialli maturi e agrumi. Le note iodate, affumicate, dovute all’autolisi e all’affinamento in legno, aggiungono freschezza aromatica. Seguono note di gesso, e di leggera riduzione, che lasciano intravedere un vino concentrato e potente. Attacco piacevole e dalla texture invitante e ricca. Sensazione molto succosa e concentrata; la materia è delicata e carezzevole, avvolge il palato subito alleggerito da una delicata effervescenza. Le note affumicate prendono poi il sopravvento per sostenere un finale ricco di sapore. Collection 244 segna il ritorno del Meunier della Valle della Marna e della Montagna de Reims. Grande espressività per i Pinot noir e gli Chardonnay, che si presentano strutturati e salini.

INFO www.sagna.it

© Riproduzione riservata

Scheda e news:
Sagna SpA

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

1 × cinque =

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina