Eleonora Minafra
| Categoria Notizie Birra | 2185 letture

Cotta inaugurale per il nuovo microbirrificio Cascina Motta

Motta Marco Malaspina Cascina Piemonte Alessandro Beltrame Inaugurale Massimo Prandi Cotta Tap Room Cascina Motta Mastro Birraio

Piemonte Motta Massimo Prandi Cotta Mastro Birraio Alessandro Beltrame Inaugurale Cascina Motta Cascina Marco Malaspina Tap Room

Il 2019 si apre all’insegna della nascita di un nuovo birrificio agricolo, Cascina Motta, storica impresa con sede a Sale, in Piemonte, ha infatti inaugurato lo scorso giovedì 17 gennaio la propria sala cotta, con la brassatura della prima birra, la Cavagna.

 

Scarica gratis l'Annuario Microbirrifici
Annuario Microbirrifici

 

Un ulteriore tassello a completamento di  un progetto innovativo nato 10 anni fa con la conversione dell’intera superficie aziendale di 12 ettari  al regime di agricoltura biologica per la coltivazione di orzo distico ed altri cereali da birra e luppolo. Infatti, la peculiarità dell’azienda è proprio quella di coltivare tutte le materie prime necessarie alla realizzazione delle proprie birre, completando anche in sede il processo della maltazione e della prima lavorazione dei coni.

Come spiega Marco Malaspina, che si occupa della gestione agronomica delle colture, riuscire a realizzare la produzione di orzo e cereali idonei alla trasformazione in malto e birra è stata una sfida non facile: “Le difficoltà di conversione alla gestione in agricoltura biologica e la necessità di rivedere i sistemi colturali per le specifiche esigenze tecnologiche dei cereali ad uso maltario ci hanno impegnati in numerose prove di coltivazione, durate sostanzialmente 8 anni. Ora però siamo in grado di coltivare nel migliore dei modi e nel pieno rispetto dell’ambiente, non solo l’orzo distico, ma anche varietà di frumento, segale, avena e riso  che trovano e troveranno in futuro impiego come ingredienti delle nostre birre.  Allo stesso modo, anche avviare la coltivazione del luppolo su una superficie di circa mezzo ettaro è stata una  impresa non di poco conto, ma le piante, ormai al terzo anno di produzione stano fornendo validi risultati, soprattutto per alcune varietà”.

Massimo Prandi,  l’ispiratore e pioniere del progetto, nonché importante cultore del settore birrario in qualità di docente e divulgatore, sottolinea come la scelta della realizzazione completamente aziendale sia stata onerosa non solo in termini di investimenti, ma anche di osticità tecnica. “E’ soprattutto la maltazione a creare difficoltà, ma anche a spingerci ad una continua sperimentazione. Con la nostra malteria da 6 quintali riusciamo comunque ad trasformare direttamente i nostri cereali in una gamma piuttosto variegata di malti, non tutti. In ogni caso, la scelta di voler utilizzare solo ingredienti derivanti dai nostri campi, limitrofi al maltificio e birrificio, se da una parte risulta limitante in termini di stili di birra producibili, è un punto di forza insostituibile e caratterizzante della nostra mission. La nostra birra non la consideriamo, infatti, solo birra artigianale e riteniamo limitante pure il concetto di birra agricola: per questo abbiamo coniato il marchio birra contadina, che vuole proprio rappresentare il legame diretto, unico ed insostituibile che  unisce le nostre produzioni al territorio ed al microclima locali, ed in termini assoluti, ai nostri campi ed al nostro lavoro quotidiano. Una italianità finalmente oggettiva della birra, dettata non solo dal luogo di ultima trasformazione degli ingredienti, ma che abbiamo voluto estremizzare anche reperendo in Italia tutti gli impianti di cui siamo dotati, dai silos di stoccaggio dell’orzo, alla malteria, fino alla imbottigliatrice isobarica”.

Il Mastro birraio, Alessandro Beltrame, formato presso il corso biennale dell’ITS agroalimentare di Torino,  non nasconde l’emozione nel raccontare le sensazioni che si provano a realizzare la birra in una struttura ricavata dalla attenta ristrutturazione di una antica stalla, annessa alla maestosa villa padronale napoleonica, testimonianza di  un radicamento secolare di Cascina Motta nel contesto rurale alessandrino.  “ Produrre birra contadina non è solo il nostro marchio di fabbrica, ma una scelta di vita, una consapevolezza etica, una filosofia produttiva. Un’opportunità, da vivere al costo della consapevolezza di limitazioni. In primo luogo la birra contadina a filiera interamente aziendale non può prescindere dalla variabilità della produzione. Ogni campo di cereale, ogni annata agraria, ogni ciclo di maltazione e ciascuna cotta presentano delle peculiarità che portano ad una costante variabilità del prodotto finito. Variabilità non tipica di molte produzioni di birre artigianali ed agricole, che si avvantaggiano rispettivamente dell’uso in toto o in grande misura – fino al 49% – di materie prime di origine industriale, come i malti, o luppoli provenienti da diversi parti del globo, quindi acquistabili sempre ad immagine e somiglianza di quanto richiesto in ricetta.

 

Databank Birrifici Birra Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web Aziende Produttori

 

Produrre birra in un birrificio contadino significa avere la consapevolezza di non poter brassare tutte le birre che si vorrebbe, o che i consumatori desiderano: il frutto dei nostri campi è l’unica risorsa da cui partire, con uno spettro di potenzialità ampio, ma non enorme, che trova una vasta gamma di possibilità di trasformazioni, pur sempre con le limitazioni tecnologiche che un impianto artigianale impone. Una scelta che fa sì che il primo “operaio” delle nostre produzioni sia la natura. Nei nostri tini sta già fermentando la Cavagna, la nostra ambrata afferente allo stile vienna lager, a cui a breve si affiancheranno le nuove cotte di Sloira, una pils classica, molto ricca di aromi e sensazioni di cereale. Non resta che attendere qualche settimana per poter brindare con i nostri primi boccali interamente realizzati con materie prime dell’annata 2018!”

Nel corso dei prossimi mesi presso Cascina Motta verrà allestita anche una Tap room, che probabilmente già entro l’estate evolverà in un vero e proprio luogo di ospitalità, per permettere agli appassionati di degustare la birra contadina proprio nei campi da cui trae origine.

 

+ INFO:
Cascina Motta
info@cascinamotta.it

 

+ COMMENTI (1)

Beer&Food Attraction 2020, Rimini 15-18 febbraio

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Motta Cascina Piemonte Massimo Prandi Alessandro Beltrame Marco Malaspina Tap Room Cascina Motta Inaugurale Cotta Mastro Birraio


Annuario Birra Birritalia beverfood

ARTICOLI COLLEGATI:

Arriva la quinta edizione di Bolle di Malto a Biella

Arriva la quinta edizione di Bolle di Malto a Biella

17/08/2019 - Bolle di Malto, l'appuntamento dedicato alle birre artigianali italiane e allo street food di qualità è pronto a tornare anche per il 2019 a Biella, dal 28 agosto al 2 se...

Mine Wine: una carica esplosiva nel cuore di Gavi

Mine Wine: una carica esplosiva nel cuore di Gavi

14/08/2019 - Un mina vagante, una carica esplosiva nel cuore della già dinamica zona di Gavi. Del resto il nome Mine Wine ci dice già molto su questo nuovo progetto davvero interessan...

Cascina Motta: la birra contadina a filiera interamente aziendale

Cascina Motta: la birra contadina a filiera interamente aziendale

29/07/2019 - Il Birrificio contadino Cascina Motta di Sale (Alessandria) è l’unico birrificio italiano che produce birra impiegando esclusivamente materie prime biologiche (orzo, lupp...

Vinitaly, terroir a confronto: Borgogna vs Piemonte

Vinitaly, terroir a confronto: Borgogna vs Piemonte

15/04/2019 - Vinitaly, il Salone internazionale di Vini veronese giunto quest’anno alla sua 53° edizione come ogni anno è la cornice di numerosi eventi e degustazioni tematiche arricc...

Il Teatro Della Birra arriva a beer attraction

Il Teatro Della Birra arriva a beer attraction

13/02/2019 - Dopo il successo ottenuto sin dal 2015 negli Eventi Slow Food, Quality Beer Academy porta il suo Teatro della Birra anche a Beer Attraction, con un format inedito e la st...

Royal Nebbiolo Grape, una masterclass per fotografare le differenze tra Lessona, Barbaresco e Barolo

Royal Nebbiolo Grape, una masterclass per fotografare le differenze tra Lessona, Barbaresco e Barolo

27/11/2018 - Quello che più colpisce del Nebbiolo è la sua capacità di annidarsi con il suolo in cui nasce mantenendo le sue caratteristiche strutturali intatte, fedeli alla sue radic...

La chiocciola ha fatto tredici: appuntamento a Cherasco per il Festival della Chiocciola in cucina

La chiocciola ha fatto tredici: appuntamento a Cherasco per il Festival della Chiocciola in cucina

22/09/2018 - I nostalgici della schedina e del Totocalcio, si potranno consolare. Il tredici è ancora sinonimo di vittoria, di avercela fatta. Coincidenza fortuite, come nel caso dell...

Un Commento

  1. Federico

    Mi congratulo con i ragazzi che hanno lavorato al progetto, ma pregherei beverfood di modificare l’ articolo in quanto non si tratta del primo birrificio agricolo che produce birra dai suoi prodotti in Italia.
    Io in prima persona lo faccio nella mia azienda a ciclo chiuso da inizio 2018 seppur in minori quantità e sicuramente in Italia qualche altra piccola realtà è già esistente.

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

9 + sedici =