0
Pinterest LinkedIn

Il 68° congresso nazionale di Assoenologi, apertosi giovedì 4 nel teatro civico di Alba e chiusosi domenica 7 luglio, ha visto un susseguirsi di qualificati interventi attorno al tema centrale, “Cinquant’anni di Doc: il territorio, il vino e l’enologo”. Un tema, come ha rimarcato il direttore generale di Assoenologi, il novarese Giuseppe Martelli, ancora di strettissima attualità: «A distanza di mezzo secolo, il confronto sui vini Doc è ancora aperto. Quarant’anni fa i vini italiani erano per il 90% vini “generici”; oggi per il 40% sono a denominazione d’origine, e se ci aggiungiamo anche le Igt arriviamo ad un 70% di prodotti che hanno un legame con il territorio, la sua cultura e le sue tradizioni. Sta a noi ora tralasciare individualismi e personalismi, nella consapevolezza che il mercato non perdona e che solo uniti si può vincere».

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice

Il mercato odierno, rispetto a quello di 50 anni fa, ha subito un cambiamento epocale. Lo ha sottolineato il neopresidente di Assoenologi Riccardo Cotarella: «Prima era il produttore che dettava le regole. Oggi siamo di fronte non più ad un pubblico di semplici bevitori, ma di amanti e studiosi del vino. E noi non possiamo esimerci dal tenere in considerazione il loro pensiero». Perché il mercato, insieme con la tecnologia, «rappresenta la via per il rinascimento del comparto vitivinicolo». «Per alcuni – ha proseguito il presidente – non è ancora chiaro che produrre vino di qualità significa mettere in campo una dottrina complessa che va ben oltre i concetti semplici e “naif” di chi sostiene che “il vino viene da solo”. Se il nostro Paese può dirsi enologicamente avanzato, lo si deve a quelle persone che hanno voluto credere in ciò che la scienza metteva a loro disposizione». Le condizioni climatiche cambiano, così some i gusti del mercato, i competitors aumentano, anche in zone del mondo finora mai interessate dalla produzione vinicola. «E di fronte a questi cambiamenti epocali – ha sottolineato Cotarella – noi tecnici dobbiamo metter in campo tutta la nostra esperienza.

Non dobbiamo porci in maniera altezzosa e superba, ma essere pronti ad ascoltare le esperienze altrui. Soprattutto di chi, con l’uso della tecnologia e della scienza, è riuscito ad ottenere risultati inimmaginabili. Utilizzare scienza e tecnologia non significa produrre vini privi di passione». Il 20 per cento delle bottiglie di vino vendute nel mondo, da Pechino a New York, da Londra a Mosca e Tokyo, sono made in Italy. Sugli scaffali dei supermercati, nei ristoranti alla moda, nei bar dove i giovani si danno appuntamento per l’happy hour, l’«Italian Wine» influenza i gusti e fa tendenza. E’ questo il forte risultato dell’export italiano che colloca il settore vitivinicolo in contro-tendenza rispetto alla crisi generale. Tutto ciò è merito anche di una professionalità in cantina e in vigneto, espressa attraverso il contributo indispensabile degli enologi. Il presidente, Riccardo Cotarella, spiega così i risultati raggiunti: «In cantina meno poesia e più professionalità. Il vino è il miglior marcatore del territorio, un prodotto che si fa solo sul posto e non è replicabile».

Il direttore generale di Assoenologi, Giuseppe Martelli ha inoltre sottolineato gli ultimi trend in materia di export dei nostri vini. :“cresce il valore dell’export di vini italiani, +10% nel primo trimestre del 2013, per un totale di 1,1 miliardi di euro. Non è più così lontano il primato della Francia, che ha chiuso il 2012 con 7,8 miliardi di esportazioni contro i 4,7 dell’Italia. E la distanza si riduce al netto dell’export dello champagne, 2,2 miliardi, e degli spumanti italiani, pari a 624 milioni. In quattro anni il valore del vino italiano esportato ha avuto un incremento del 25%, passando da 1,75 a 2,20 euro a bottiglia. L’Italia del vino ha tutte le potenzialità e le carte in regola per superare i “cugini” francesi. La tendenza all’incremento delle nostre esportazioni é incessante. Nonostante la crisi a fine 2012 è stato registrato un aumento di 6,5% in valore e -8,8% in volumi. Esportiamo meno vino – prosegue il direttore Assoenologi – ma incassiamo di più, il che significa che mandiamo all’estero prodotti con sempre maggiore valore aggiunto. E anche nei primi tre mesi del 2013 si registra un incremento del 10 per cento in valore, superando la soglie di 1,1 miliardi di euro a fronte di un decremento di 1,1% in quantità L’Italia, che già oggi ha una netta supremazia sui mercati cosiddetti “maturi” (Usa, Germania, Svizzera, Canada) è quindi lanciata – conclude – nella corsa per raggiungere e superare la Francia a livello globale”.

 Fonti: www.oknovara.it/news/?p=81464www.winenews.it/

 

No.3 London Dry Gin - nuova bottiglia - The Art of Perfection - esclusiva di Pallini

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

5 × tre =