Beverfood.com
| Categoria Notizie Latte e latticini, Tecnologia e Packaging | 2636 letture

Decreto sull’ ORIGINE OBBLIGATORIA IN ETICHETTA per latte e formaggi in Italia

Packaging Packaging Latte Latte Etichette Origine Decreto Ministero Agricoltura Italia Obbligatoria Normativa Latte Etichetta Formaggi

Decreto Etichetta Etichette Normativa Latte Packaging Latte Packaging Obbligatoria Formaggi Origine Latte Ministero Agricoltura Italia

Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali rende noto che lo schema di decreto che introduce l’indicazione obbligatoria dell’origine per i prodotti lattiero caseari in Italia è stato inviato per la prima verifica a Bruxelles, avviando così l’iter autorizzativo previsto a livello europeo.  Questo sistema consentirà di indicare con chiarezza al consumatore la provenienza delle materie prime di molti prodotti come latte, burro, yogurt, mozzarella, formaggi e latticini. 

latte-e-formaggi

“Siamo davanti a un passo storico – ha dichiarato il Ministro Maurizio Martina – che può aiutare tutto il sistema lattiero caseario italiano. Parliamo di un settore che nel suo complesso vale più di 20 miliardi di euro e che vogliamo dotare di ancora più strumenti per competere. Ci sono analisi che dimostrano la propensione dei consumatori anche a pagare di più per un prodotto che sia d’origine italiana tracciata. Con questo decreto sarà possibile sfruttare questi spazi, perché finalmente i consumatori potranno essere pienamente informati. L’indicazione chiara ed evidente dell’origine della materia prima è un elemento cruciale per valorizzare il lavoro di più di 34mila allevatori che rappresentano il cuore pulsante di questo settore. Il nostro impegno per salvaguardare il loro reddito è quotidiano e spingiamo perché ci sia un ulteriore rafforzamento dei rapporti di filiera nel nostro Paese. Lavoriamo ancora a Bruxelles perché questa sperimentazione apra la strada ad un passo europeo ancora più forte”.

Da un’indagine demoscopica commissionata da Ismea emerge che il 67% dei consumatori italiani intervistati si dichiara disposto a pagare dal 5 al 20% in più per un prodotto lattiero caseario che abbia chiara in etichetta la sua origine italiana. Per 9 italiani su 10 è importante conoscere l’origine delle materie prime per questioni legate al rispetto degli standard di sicurezza alimentare, in particolare per latte fresco e i prodotti lattiero-caseari. Si è espresso così, infatti, il 95% degli oltre 26 mila partecipanti alla consultazione pubblica online tra i cittadini sulla trasparenza delle informazioni in etichetta dei prodotti agroalimentari, svolta sul sito del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali.

Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice

LE NOVITÀ DEL DECRETO

Il decreto in particolare prevede che il latte o i suoi derivati dovranno avere obbligatoriamente indicata l’origine della materia prima in etichetta con le seguenti diciture:
a) “Paese di mungitura: nome del paese nel quale è stato munto il latte”;
b) “Paese di confezionamento: nome del paese in cui il prodotto è stato confezionato”
c) “Paese di trasformazione: nome del paese nel quale è stato trasformato il latte”;
Qualora il latte o il latte utilizzato come ingrediente nei prodotti lattiero-caseari, sia stato munto, confezionato e trasformato, nello stesso paese, l’indicazione di origine può essere assolta con l’utilizzo di una sola dicitura: ad esempio “ORIGINE DEL LATTE: ITALIA”.
In ogni caso sarà obbligatorio indicare espressamente il paese di mungitura del latte.

Se le fasi di confezionamento e trasformazione avvengono nel territorio di più paesi, diversi dall’Italia, possono essere utilizzate, a seconda della provenienza, le seguenti diciture:

  • origine del latte: Paesi UE
  • origine del latte: Paesi NON UE
  • origine del latte: Paesi UE E NON UE.

Sono esclusi solo i prodotti Dop e Igp che hanno già disciplinari relativi anche all’origine e il latte fresco già tracciato.

Databank excel xls csv Dati Indirizzi e-mail Aziende Beverage Bevande Tabella Campi records

I NUMERI DEL SETTORE LATTIERO CASEARIO IN ITALIA

FASE AGRICOLA
34mila allevatori
1,8 milioni di vacche da latte
11 milioni di tonnellate di latte vaccino prodotto di cui 50% circa trasformato in formaggi DOP.
4,8 miliardi di euro valore della produzione

FASE INDUSTRIALE
3400 imprese
39mila occupati
14,5 miliardi di euro di fatturato

 

+info: www.politicheagricole.it/

+ COMMENTI (0)

Beer&Food Attraction 2020, Rimini 15-18 febbraio

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Packaging Normativa Latte Decreto Formaggi Etichetta Italia Obbligatoria Ministero Agricoltura Etichette Origine Latte Packaging Latte

ARTICOLI COLLEGATI:

Schoeller Allibert: la tecnologia IML utilizzata nelle casse porta bottiglie

Schoeller Allibert: la tecnologia IML utilizzata nelle casse porta bottiglie

10/09/2019 - L'uso di contenitori come strumento pubblicitario è sempre più frequente nel mercato delle bevande. La marchiatura nella massa assicura una lunga durata del colore e del ...

Irplast Food contact tape: il nastro-etichetta in due versioni ancora più green

Irplast Food contact tape: il nastro-etichetta in due versioni ancora più green

29/08/2019 - Il nastro-etichetta di Irplast, idoneo al contatto diretto con tutti gli alimenti, diventa più sostenibile e più “appealing”. Nella nuova versione a basso spessore e in q...

Irplast: etichette roll-fed per ogni applicazione

Irplast: etichette roll-fed per ogni applicazione

02/08/2019 - Etichette preadesivizzate, termoretraibili, shrink sleeve e soluzioni per il multimballo. La sostenibilità al centro di tutte le scelte produttive dell’Azienda. Qualità d...

Finlogic: finalizzato accordo per l’acquisizione della System Code Srl

Finlogic: finalizzato accordo per l’acquisizione della System Code Srl

25/07/2019 - Finlogic S.P.A, attiva nel settore dell’Information Technology con soluzioni complete per la codifica e l’identificazione automatica dei prodotti, comunica che la control...

Una nuova pelle per Sirene Bitter

Una nuova pelle per Sirene Bitter

21/06/2019 - Curato nei minimi dettagli, il nuovo packaging di Sirene Bitter è la rinnovata interpretazione stilistica di un’eccellenza del territorio italiano. Cambia la bottiglia ch...

Cous cous per insalate Bia: un nuovo goal per l’agenzia creativa Erbacipollina

Cous cous per insalate Bia: un nuovo goal per l’agenzia creativa Erbacipollina

11/06/2019 - Arriva l’estate e Bia S.p.A., che da oltre dieci anni produce interamente in Italia cous cous di qualità, in tutte le sue declinazioni, lancia un nuovo prodotto, il cous ...

La pellicola biocompatibile che potrà rivoluzionare il mondo delle bottiglie di plastica

La pellicola biocompatibile che potrà rivoluzionare il mondo delle bottiglie di plastica

05/06/2019 - Gocce di pellicola sottilissima in grado di adattarsi e rivestire l’acqua o materiali gelatinosi a base acquosa: è la nuova scoperta di un gruppo di ricercatori dell‘Isti...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

15 + sette =