0
Pinterest LinkedIn

© Riproduzione riservata

Un’idea green per mantenere le misure di sicurezza anti-Coronavirus? Arriva da Pistoia, in Toscana, dove Giorgio Tesi Group ha lanciato i suoi speciali “distanziatori verdi”. Rose, glicine, bambù, vite, lauro e more, personalizzabili e resistenti a caldo, vicinanza al mare e persino carenza d’acqua: questa linea di piante a spalliera è pensata proprio per risolvere in modo naturale il problema del distanziamento sociale che si creerà nelle aree esterne durante l’estate ormai alle porte.

Tra le aziende vivaistiche leader in Europa per produzione di piante ornamentali, dimensione e superficie coltivata, Giorgio Tesi Group ha voluto dare così il suo contributo per la ripartenza del nostro Paese dopo il lungo lockdown degli ultimi mesi. Una ripresa da effettuare ovunque in piena sicurezza, compresi bar, ristoranti, spiagge e tutte le altre attività ricettive. Anche attraverso piante rampicanti, spalliere fiorite, arbusti fruttiferi componibili su misura e adattabili alle nuove esigenze della ristorazione e degli stabilimenti balneari.

Non poteva che nascere a Pistoia, capitale del vivaismo, questo spunto ecologico per vivere l’estate in fase 2: una linea di piante – da anni in produzione – ampliata e resa personalizzabile a seconda delle specifiche esigenze, per creare “pareti” ricoperte per esempio di rose e glicine. Non a caso, alcuni stabilimenti balneari italiani hanno già avviato i contatti per installare questo tipo di “distanziatori sociali”, con particolare interesse suscitato anche in Francia e Germania. Il progetto dei distanziatori verdi, infatti, è stato lanciato a livello nazionale e pure internazionale, per la precisione in tutti e 60 i Paesi in cui Giorgio Tesi Group esporta le piante coltivate nei suoi vivai in Toscana. Una soluzione non solo più friendly per turisti e clienti della ristorazione, dunque, ma anche sostenibile dal punto di vista ambientale.

In vista della riapertura di bar, ristoranti, stabilimenti balneari e di tutte le altre attività ricettive – ha detto Fabrizio Tesi, Legale Rappresentante della Giorgio Tesi Group –  abbiamo pensato di lanciare l’idea di utilizzare una linea di piante realizzate ad hoc per favorire in modo naturale ed ecosostenibile il problema del distanziamento sociale fra le persone nelle aree esterne, rendendoci disponibili anche a studiare e realizzare progetti personalizzati. Si tratta certamente di un’idea alternativa rispetto alle tante proposte che offre il mercato, perfettamente in linea con il nostro claim aziendale ‘The Future is Green’ e quindi positiva sia per l’ambiente che per le persone. Ma rappresenta anche una grande opportunità per rendere le nostre città ancora più verdi”.

© Riproduzione riservata

No.3 London Dry Gin - nuova bottiglia disponibile da Marzo 2020 - esclusiva di Pallini

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Scrivi un commento

tre × 1 =