Pinterest LinkedIn

Il premio Vignaiolo dell’Anno della guida “I 100 migliori vini e vignaioli d’Italia” del Corriere della Sera, se lo aggiudica Francesca Moretti, Presidente di Terra Moretti Vino, a cui è stato riconosciuto l’impegno a non arrendersi ai mutamenti climatici e a mettere in pratica una costante cura, attenzione e rispetto del territorio, tra sostenibilità e tecnologia. La premiazione si è tenuta martedì 25 ottobre a Milano nella sede del Corriere della Sera, con l’assegnazione dei premi speciali della guida, firmata dal vicedirettore de Il Corriere della Sera Luciano Ferraro, insieme al critico Luca Gardini.

 

La sostenibilità è un principio che da sempre guida Francesca Moretti ed il suo gruppo di lavoro: dalla conduzione biologica di Sella&Mosca, alla certificazione Equalitas per Teruzzi, fino alla messa a punto di un sistema di lavorazione della vigna, firmato Terra Moretti Vino. “Noi abbiamo 6 cantine, che sono situate in 6 regioni diverse, e anche in queste aree abbiamo decine di territori con caratteristiche pedoclimatiche differenti, con una biodiversità unica per ogni vigna – prosegue Francesca – Abbiamo imparato che quel che vale per la Franciacorta non può valere per la Sardegna, pertanto abbiamo messo a punto un sistema di gestione della campagna firmato Terra Moretti Vino, che si traduce in agricoltura di precisione e enologia leggera. In poche parole, per trattare l’uva in maniera più naturale possibile in cantina, è necessario una cura maniacale della vigna, che impieghi la tecnologia come risorsa per essere sempre più sostenibili”.

Per Terre Moretti Vino, adeguare la viticultura ai grandi cambiamenti del tempo, da quelli climatici a quelli tecnologici lavorando a stretto contatto con università, fondazioni, e laboratori accreditati, è fondamentale. “Impieghiamo i cavalli in alcune vigne, mentre in altre stiamo mettendo a punto l’utilizzo di robot e di droni – prosegue Francesca – Da una parte analizziamo i dati del satellite per capire lo stato di salute delle piante, dall’altro adottiamo la dendrochirurgia e la potatura manuale secondo il metodo Simonit&Sirch, per fare in maniera che le piante vivano il più a lungo possibile, abbiano radici forti e profonde e non subiscano stress idrici dovuti alla siccità. Con questo approccio il nostro patrimonio vitato (più di mille ettari in tre regioni) è salvaguardato”.

Presidente di Terra Moretti Vino nel 2020, che conta oggi sei aziende vitivinicole tra Franciacorta (Bellavista e Contadi Castaldi, Toscana (Petra, Tenuta La Badiola e Teruzzi) e Sardegna (Sella & Mosca), cantine che continuano ad innovare nel solco della vision del patron Vittorio Moretti, a cui va la dedica di questo premio dalla figlia Francesca. “E’ lui che mi ha insegnato ad amare la terra, a rispettarla, ad averne cura per lasciare un mondo migliore ai miei figli, ai suoi nipoti. È lui che ha chiamato il nostro gruppo Terra Moretti, che è una promessa, una sfida, un impegno che ci prendiamo insieme nei confronti del futuro”.

INFO www.terramorettivino.com

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Aperitivo No. 3 London Dry Gin - Food is the Key - importato e distribuito da Pallini

Scrivi un commento

13 + quindici =