Pinterest LinkedIn

Continua a crescere la domanda di drink poco o per nulla alcolici. Secondo quanto rilevato da un nuovo rapporto di IWSR Drinks Market Analysis le categorie no- e low-alcohol sono cresciute di oltre il 7% in volume in 10 mercati globali chiave nel 2022 per superare un valore di mercato di 11 miliardi di dollari.

 

Contatti email indirizzi aziende settore vino, cantine, distillerie Banchedati CSV Excel

 

Si prevede che il consumo della categoria aumenterà di un terzo entro il 2026, con un ritmo di crescita previsto di un CAGR del 7% tra il 2022 e il 2026, in aumento rispetto alla crescita del 5% del CAGR tra il 2018 e il 2022.

Tra i 10 mercati esaminati, Australia, Brasile, Canada, Francia, Germania, Giappone, Sudafrica, Spagna, Regno Unito e Stati Uniti, il valore del mercato dei prodotti senza e a basso contenuto alcolico ha superato gli 11 miliardi di dollari, rispetto agli 8 miliardi del 2018.

 

Contatti email Aziende Beverage And Food Distribuzione Ingrosso Alimentari Banchedati CSV Excel

 

La dinamica categoria no/low-alcohol presenta opportunità di crescita incrementale delle vendite, in quanto allarga la platea dei consumatori sottolinea Susie Goldspink, responsabile del settore no- e low-alcohol di IWSR Drinks Market Analysis: “Poiché sempre più persone scelgono di evitare l’alcol in determinate occasioni – o di astenersene del tutto – il no-alcohol sta aumentando costantemente la sua quota nella categoria no/low”.

I volumi dei prodotti analcolici sono cresciuti del 9% nel 2022, con un CAGR che si prevede si mantenga tra il 2022 e il 2026, e ora rappresentano il 70% del segmento dei prodotti analcolici e a basso contenuto alcolico, rispetto al 65% del 2018.

 

Birritalia 2023-24 Beverfood.com annuario Birre Italia

Annuario Birra Italia Birritalia 2023-24 beverfood.com

 

Si prevede che la birra e il sidro analcolici contribuiranno a quasi il 70% della crescita complessiva della categoria tra il 2022 e il 2026. “Nella maggior parte dei mercati, i prodotti analcolici crescono più rapidamente di quelli a basso contenuto alcolico”, ha dichiarato Goldspink. I Paesi in cui questo non vale, come il Giappone e il Brasile, sono mercati low-alcohol in fase iniziale, con una base di volumi ridotta”.

La Germania rimane il più grande mercato mondiale per la categoria, seguita da Giappone, Spagna, Stati Uniti e Regno Unito.

+Info: www.federvini.it

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Scrivi un commento

tre + cinque =

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina