Pinterest LinkedIn

Nuovo importante investimento della famiglia Lunelli, proprietaria dello storico marchio trentino Ferrari dopo il recente ingresso nella holding di Eataly. È la notizia clou di cui tutti parlano nel giorno di pre-apertura del Vinitaly: i Lunelli hanno acquisito il 50% di Bisol, storica cantina di Valdobbiadene leader nella produzione di Prosecco Superiore. L’ingresso nell’azienda veneta è avvenuto grazie a un aumento di capitale e non ne è stata resa nota l’entità. “È un’operazione molto articolata”, spiegano Matteo Lunelli e Gianluca Bisol (cfr foto a lato). I vigneti rimangono in capo alla famiglia Bisol e l’azienda proseguirà nel segno della continuità: Gianluca Bisol mantiene infatti le cariche attuali di presidente e direttore generale. “Vogliamo rispettare e mantenere forte l’identità dell’azienda – spiega Matteo Lunelli che assume la carica di vicepresidente – l’acquisizione del 50% tramite aumento di capitale è figlia di un rapporto di stima reciproca e consentirà di realizzare piani di crescita ambiziosi”.

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice

Le sinergie potranno essere molteplici ma senza fretta, la cosa principale – sottolineano i due giovani imprenditori – è la condivisione dei valori. “Sarà una formula vincente per entrambi”, spiega Bisol, snocciolando i numeri del Prosecco che a livello complessivo ha ormai superato i 300 milioni di bottiglie prodotte e continua a macinare record. Anche lo scorso anno è stato chiuso con un +20% a coronare un intero ventennio di crescita continua. Bisol, marchio di di riferimento per il Prosecco Superiore ha un fatturato che sfiora i 18 milioni (+15%) con il 73% della produzione destinato all’export. Il gruppo Lunelli ha un consolidato intorno ai 65 milioni (51 milioni derivanti da Cantine Ferrari storico produttore del metodo classico trentino) che grazie alla nuova acquisizione arriverà a toccare gli 80 milioni.

“Con questa operazione – sottolinea Lunelli – potremo raccontare al mercato la diversità delle bollicine italiane, Ferrari ha la più lunga tradizione nel metodo classico e Bisol rappresenta una storica eccellenza del territorio. Dobbiamo fare capire all’estero la ricchezza di questa diversità”.L’afflusso di capitali consentirà all’azienda veneta importanti investimenti, primo tra tutti quello sulla nuova cantina. “E saranno determinanti le sinergie sui mercati esteri – rileva Bisol – metodo classico e Prosecco hanno due mercati complementari, possiamo continuare a crescere insieme”. Matteo Lunelli non ha dubbi. “Siamo il gruppo di riferimento delle bollicine italiane, abbiamo l’ambizione di creare un gruppo dell’eccellenza del bere made in Italy – afferma – con Bisol abbiamo affinità e amicizia. E poi siamo entrambe aziende di famiglia con lunga tradizione e condividiamo alcune strategie di fondo, come l’attenzione sempre maggiore per la sostenibilità”. Il primo progetto in cantiere del nuovo gruppo è la realizzazione di una nuova cantina: un progetto ambizioso sulle colline di Valdobbiadene che verrà realizzato entro il 2015, richiederà un investimento di 10 milioni di euro e consentirà 20 assunzioni. Attualmente in fase di definizione la location in cui il progetto prenderà corpo. «L’ingresso nel capitale di Bisol», rileva Lunelli, «è coerente con il nostro progetto di creare un gruppo dell’eccellenza del bere italiano. Da tempo valutavamo di entrare nel mondo del Prosecco e abbiamo trovato in Bisol l’azienda ideale: un marchio storico e prestigioso che ha un forte legame con il territorio».

+info: food24.ilsole24ore.com/2014/04/matrimonio-tra-bollicine-la-famiglia-lunelli-spumanti-ferrari-entra-con-il-50-nel-marchio-bisol-leader-del-prosecco/

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Vuoi un caffè sostenibile? Scegli Fairtrade!

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

otto + diciannove =