Tag

Ferrari Trento Doc

Browsing

Un’enoteca 2.0 per accedere a esperienze esclusive e raccontare la visione del Gruppo. Enotecalunelli.it, uno spazio virtuale ispirato allo spirito dell’originaria enoteca, dove non solo era possibile acquistare i vini, ma anche condividere il piacere del bere e del vivere italiano. Proprio da un’enoteca aperta nel centro di Trento da Bruno Lunelli nel lontano 1927 gettò le basi per il Gruppo Lunelli, nel 1952 l’incontro di Giulio Ferrari, che gli affidò la sua cantina.

Ferrari Trento balza all’undicesimo posto come miglior destinazione enoturistica secondo World’s Best Vineyards, la classifica che seleziona le più belle cantine al mondo, fondata da William Reed, storico editore inglese che organizza anche i prestigiosi “World’s 50 Best Restaurants” e “World’s 50 Best Bars”, assolute autorità nel mondo della ristorazione e della mixology.

Ciò che hai ereditato dai padri, riconquistalo, se vuoi veramente possederlo”. Questa citazione di Wolfgang Goethe sintetizza al meglio lo spirito con cui la famiglia Lunelli insieme a tutto il team Ferrari ha festeggiato il traguardo dei 120 anni dell’azienda. Una grande festa andata in scena a Villa Margon per celebrare questo importante anniversario, a cui Poste Italiane ha dedicato un francobollo celebrativo.

“Siamo felici di annunciare che festeggiamo quest’anno il nostro 120° anniversario, un momento importante rafforzando il nostro impegno per la sostenibilità, con il raggiungimento della carbon neutrality a livello aziendale annunciata pochi giorni fa, avendo ridotto e compensato tutte le emissioni dirette che produciamo in cantina”. Camilla Lunelli al Vinitaly 2022 anticipa i programmi dei festeggiamenti per l’importante anniversario delle Cantine Ferrari, con il ritorno in presenza in fiera che di fatto è già…

Alla vigilia dei 120 anni di storia Ferrari Trento ha presentato il suo primo Report di Sostenibilità, assecondando la naturale vocazione alla sostenibilità, da sempre parte del DNA di Ferrari Trento, con un approccio rigoroso e sistematico, che permette di definire e misurare politiche e performance, sociali e ambientali. Sostenibilità intesa come rapporto stretto e indissolubile con il proprio territorio, grazie ai valori che sono alla base della visione imprenditoriale della famiglia Lunelli, condivisi con tutti i collaboratori, una crescita creando anche benessere, sicurezza e bellezza per chi vi lavora e per la comunità circostante, per un impegno sia coerente, chiaro e dimostrabile.

I Capi di Stato e di Governo che si riuniranno per il G20 a Roma, il 30 e 31 ottobre prossimi, potranno apprezzare nel corso dei lavori alcune eccellenze enogastronomiche del nostro Paese; tra queste le etichette del Gruppo Lunelli, che con i Ferrari Trentodoc, i vini fermi di Tenute Lunelli e la Cedrata Tassoni saranno presenti nei brindisi ufficiali e nei momenti conviviali organizzati per l’occasione.

Cosa significa il potere di un brand nel mondo del vino? Riconoscibilità e capacità di attirare consumatori a livello globale, con tanto di misurabilità in un indice,il Global Wine Brand Power Index, redatto da Wine Intelligence. Un’analisi su 25.000 opinioni di consumatori di vino di 25 mercati chiave, per una rappresentazione dei 435 milioni di bevitori di vino del mondo. Nel 2021 è stata pubblicata la quarta edizione di un’indagine che mette in classifica i brand di vino del mondo.

Acqua Lete, da oltre 25 anni a fianco dello sport, corre per la prima volta nel mondo dei motori grazie a una partnership con un brand iconico e riconosciuto a livello globale, Scuderia Ferrari. Acqua Lete diventa infatti event partner del 1000° Gran Premio disputato dalla Scuderia Ferrari, un evento che celebra un traguardo unico per Ferrari, proprio sul tracciato di casa del Mugello.

Tutto nel segno del dieci il nuovo ristorante N10 Experience, che ha aperto i battenti a Milano in viale Montegrappa, manco a dirlo al civico 10, in data 10/10. Scelta non casuale, dare risalto al N.10, il numero di maglia di Alessandro Del Piero quando giocava, uno dei soci famosi che hanno messo capitali nel ristorante. Si parla di una quota circa al 10%, ma di fatto si è costruito attorno al suo nome buona parte della comunicazione del locale. Il più atteso al giorno dell’inaugurazione dedicata alla stampa food e sportiva era proprio l’ex bandiera della Juventus, che però ha dato buca. Gli impegni lo hanno trattenuto a Los Angeles, città dove vive e dove nel 2018 ha aperto il suo primo ristorante, nemmeno un collegamento lasciando a bocca asciutta i cronisti che si erano assiepati per vedere una parabola alla Del Piero anche in campo ristorazione.

Per chi ha buona memoria, le prime edizioni di Identità Golose erano qualcosa di molto diverso rispetto alla grande kermesse di cucina che siamo abituati a vedere oggi. Sembra ieri invece sono già passati tre lustri. Per l’edizione numero quindici in programma a Milano dal 23 al 25 marzo al MiCo Milano Congressi alcune novità e grandi classici. Tanto per iniziare il fatto che per la prima volta Identità Golose avrà luogo in primavera. Hanno spostato in là di un paio di settimane la data, anche se di fatto in questo 2019 l’inverno almeno a Milano sembra non essere arrivato.

Vino e moda sono due ambasciatori del made in Italy in giro per il mondo. Negli ultimi anni stanno nascendo e aumentando progetti comuni tra questi due universi. Sicuramente sotto questo punto di vista il sodalizio di lunga data quello tra Ermenegildo Zegna e Cantine Ferrari rappresenta più che una semplice collaborazione. Un’unione di intenti condita da amicizia e valori comuni, aziende familiari che da oltre cento anni fondono tradizione, ricerca e innovazione nei loro prodotti iconici. Un’intesa che nasce da lontani e che da quest’anno si arricchisce di una linea dedicata. “Ferrari Made To Measure for Ermenegildo Zegna”, una limited edition di Trentodoc, con due etichette create appositamente, la Riserva 2009 e la Cuvée, emblema di una collaborazione tra due aziende simbolo di eccellenza italiana nel mondo.

Il mondo degli sparkling è in fermento, sempre di più i consumi e i gusti si stanno spostando in questa direzione. Tra le denominazioni più in voga un posto in prima fila sicuramente lo merita il Trentodoc. Nel corso della kermesse Trentodoc in città a Milano abbiamo avuto l’occasione di conoscere da vicino questa denominazione storica per la spumantistica italiana e mondiale. Dobbiamo infatti pensare che la Doc è stata istituita nel 1993, all’epoca fu la seconda denominazione al mondo dedicata alla spumantistica dopo lo champagne. Una storia quindi relativamente giovane quella delle bollicine trentine. Roberto Anesi, fassano di Canazei, miglior sommelier Ais 2017 vincitore del Premio Trentodoc, ci ha portato in un viaggio dentro questa storia di bollicine.

Bisol 1542 sceglie una nuova veste grafica e il Vinitaly per il lancio ufficiale del nuovo corso del Prosecco Superiore. Si tratta di fatto del primo atto concreto dall’entrata di Bisol nel Gruppo Lunelli, acquisizione avvenuta quattro anni fa. Un legame importante di due famiglie nel mondo delle bollicine, come spiegato da Matteo Lunelli, Amministratore Delegato del Gruppo Lunelli che ha evidenziato tipicità e differenze.

Un mosaico di millesimi. Ma anche un vino nudo, senza costruzioni e difese, ma solo con le cime del Trentino a fare da sfondo, che esprimono l’essenza vera dello Chardonnay di montagna. Una nuova perla, perché le bollicine in fondo non sono altro che delle perle incastonate nel vino. Queste alcune delle definizioni utilizzate da Matteo Lunelli, Presidente e AD di Cantine Ferrari, per descrivere Ferrari Perlé Zero, nel corso dell’anteprima alla Permanente di Milano.

L’Osteria La Francescana di Massimo Bottura si aggiudica solo il 2^ posto nella The World’s 50 Best Restaurants 2017, la competizione mondiale che ogni anno incorona i migliori ristoranti e chef del pianeta e che ha per giuria oltre 1000 tra i massimi esperti del settore (critici, giornalisti, chef, addetti ai lavori) provenienti da 26 aree geografiche differenti. Ora il primato spetta all’Eleven Madison Park di New York guidato da Daniel Humm e Will Guidara.