Pinterest LinkedIn

Nel 2015 i volumi globali di cognac hanno raggiunto un nuovo massimo di 13 Mn di casse, in crescita del 3,9% sul 2014, ma a valore il mercato è diminuito, influenzato dai programmi di austerità in Cina e dalla svalutazione del rublo russo.cognac-hennessy

Gli Stati Uniti hanno rafforzato la propria posizione come primo mercato di Cognac in volume nel 2015 con un tasso di crescita addirittura a due cifre rispetto al 2014 e un volume di 4,5 Mn/casse. In diminuzione invece i consumi in Cina che, tuttavia, resta ancora il primo mercato a valore. In calo anche i mercati di Taiwan e Vietnam, mentre in Giappone ci sono stati segnali positivi. In Europa solo il mercato britannico mostra segni positivi mentre negli altri Paesi i consumi sono statici o in declino. Le vendite di Cognac in Russia sono state colpite nel 2015 da tassi di cambio instabili. Cognac rimane un nome di prestigio per i consumatori russi, ma il mercato è diventato più competitivo con l’avvento di whisky di malto e la maggior concorrenza diretta da brandy di buona qualità prodotti in Armenia e in altri stati vicini. L’insieme di queste cause ha comportato un calo di volumi dell’8%.

Senza-titolo-1Per quanto riguarda il quadro competitivo Hennessy di LVMH mantiene la prima posizione con aumenti sia a volume che a valore. Martell di Pernod Ricard occupa la seconda posizione e sta intensificando gli investimenti soprattutto sul mercato cinese. Rémy Martin di Rémy Cointreau in terza posizione ha sofferto non poco per la forte recessione in Cina ma ha organizzato un parziale recupero nel 2015. Courvoisier del Gruppo Suntory ha vissuto un difficile 2015 soprattutto nel Travel Retail, con qualche recupero negli USA e in UK.

Fonte: Sintesi redazionale di www.beverfood.com sulla base del documento The Cognac Category – Everything you need to know – just-drinks Spirits Essentials

Birra Tripel Karmeliet - 7 generation, 3 grain, 1 recipe

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

2 × tre =