Pinterest LinkedIn

© Riproduzione riservata

Nestlé, il più grande gruppo mondiale nel food & beverage, ha chiuso il 2023 con un giro d’affari globale di 93 Mrd di Franchi svizzeri in lieve contrazione del 1,5% rispetto all’anno precedente, mentre gli utili sono cresciuti del 20.9% a 11,2 Mrd di franchi svizzeri.

Mark Schneider, CEO di Nestlé, ha commentato: “Un’inflazione senza precedenti negli ultimi due anni ha aumentato la pressione su molti consumatori e ha avuto un impatto sulla domanda di prodotti alimentari e bevande. In questo contesto difficile, abbiamo ottenuto una forte crescita organica e un solido miglioramento dei margini con un aumento del marketing e di altre attività. investimenti per la crescita. La nostra generazione di free cash flow è tornata a livelli storici. Guardando al 2024, stiamo dando priorità alla crescita basata sul volume e sul mix con un maggiore supporto del marchio, mentre aumentiamo il valore per i consumatori attraverso innovazione e rinnovamento attivi, premiumizzazione, convenienza e opzioni più nutrienti. Continueremo a concentrare l’allocazione del capitale sui nostri marchi miliardari in rapida crescita, il che ci consente di garantire una crescita affidabile rafforzando al tempo stesso la fedeltà al marchio. Per incrementare le quote di mercato, le nostre priorità chiave sono soddisfare i consumatori attraverso offerte differenziate e concentrarsi su un’esecuzione superiore. Siamo fiduciosi di avere la strategia, il portafoglio e le capacità giuste per raggiungere i nostri obiettivi per il 2025.”

 

VENDITE DI GRUPPO

Le vendite totali dichiarate sono state di 93,0 miliardi di franchi, con un calo dell’1,5% (anno fiscale 2022: 94,4 miliardi di franchi). Il cambio ha diminuito le vendite del 7,8%. Le dismissioni nette hanno avuto un impatto negativo dello 0,9%. La crescita organica, tuttavia, è stata del 7,2%. I prezzi medi sono cresciuti del 7,5%, riflettendo l’inflazione dei costi negli ultimi due anni. La crescita reale interna è stata pari a -0,3%, influenzata dalla debole domanda dei consumatori, dai limiti di capacità e da una temporanea interruzione dell’offerta di vitamine, minerali e integratori nella seconda metà dell’anno. La crescita reale interna è tornata positiva sia nel quarto trimestre che nella seconda metà dell’anno, sostenuta dai benefici derivanti dall’ottimizzazione del portafoglio, dal miglioramento dei livelli di servizio al cliente e dal maggiore supporto del marchio. Le dismissioni nette hanno diminuito le vendite dello 0,9%, in gran parte legate alla cessione di una partecipazione di maggioranza in Freshly e alla cessione del marchio di alimenti per lattanti Gerber Good Start nel 2022. Per canale, la crescita organica delle vendite al dettaglio è rimasta robusta al 6,5%. Le vendite e-commerce sono cresciute del 13,4%, raggiungendo il 17,1% delle vendite totali del Gruppo. La crescita organica dei canali out of home è stata del 15,9%.

CAFFÈ E ALTRE BEVANDE IN POLVERE

Caffè e le altre bevande in polvere rappresentano la categoria di maggior valore con un fatturato dichiarato 2023 di 24.786 Mni di franchi contro 25.218 Mni del 2022 (-1,7%). Il caffè ha registrato una crescita organica a una cifra, con sviluppi positivi delle vendite tra i marchi, supportati da una forte domanda nei canali fuori casa. Con riguardo specifico a Nespresso il fatturato dichiarato 2023 è stato pari a 6.372 Mni di franchi contro 6.448 del 2022 con una diminuzione dell’1,2%. La crescita organica stimata è invece del 5,3%, con una crescita prezzi del 3,3%. I cambi hanno avuto un impatto negativo sulle vendite del 6,0% a 6,4 miliardi di franchi. Il principale contributore alla crescita è stato il sistema Vertuo, che ha continuato a registrare uno slancio generalizzato. Forte anche la crescita dei canali out of home, con l’ulteriore adozione del sistema Momento, in particolare nel segmento office. L’innovazione ha continuato a risuonare tra i consumatori, compreso il lancio di capsule di caffè compostabili per uso domestico e l’edizione limitata ultra premium Nº 20, una varietà arabica unica. Nel 2023, Nespresso è stata riconosciuta come uno dei 100 marchi di maggior valore al mondo. L’azienda ha continuato a investire nell’implementazione del sistema Vertuo e nel marketing del marchio.

NESTLÉ WATERS

Water ha registrato una crescita organica a una cifra media, guidata da S.Pellegrino e Acqua Panna.  A seguito di un piano di trasformazione in Francia, Nestlé sta rivedendo le pratiche operative nelle sue attività di acqua minerale naturale in diversi paesi. Considerando la sicurezza alimentare come obiettivo primario, le pratiche in alcuni dei suoi siti di produzione potrebbero non essere in linea con il quadro normativo applicabile. Nestlé si rammarica della situazione e si sta attualmente impegnando con le autorità competenti per garantire che le sue pratiche operative siano pienamente conformi. L’azienda sottolinea che i suoi prodotti a base di acqua sono sempre stati e rimangono sicuri da bere. Inoltre, la composizione minerale unica dei suoi marchi di acqua minerale naturale è sempre stata coerente con l’etichetta.

Leggi anche: Scandalo Acqua Minerale in Francia: violate le norme sul trattamento delle acque

UTILE NETTO E UTILE PER AZIONE

L’utile netto è aumentato del 20,9% a 11,2 miliardi di franchi. Il margine di profitto netto è aumentato di 230 punti base al 12,1% su base riportata e di 240 punti base a valuta costante. L’aumento è dovuto principalmente a minori svalutazioni di beni, a una diminuzione delle imposte dichiarate e a maggiori ricavi da società collegate. Di conseguenza, l’utile per azione è aumentato del 23,7% arrivando a 4,24 franchi su base riportata. Il programma di riacquisto di azioni di Nestlé ha contribuito per l’1,2% all’aumento degli utili per azione, al netto dei costi finanziari.

All’Assemblea generale il Consiglio d’amministrazione proporrà un dividendo di 3 franchi per azione, con un aumento di 5 centesimi. Se approvato, questo sarà il 29esimo aumento consecutivo del dividendo annuale della società. Negli ultimi 64 anni la società ha mantenuto o aumentato il dividendo in franchi svizzeri. Nestlé si impegna a mantenere questa pratica consolidata di aumentare ogni anno il dividendo in franchi svizzeri

 

 

INDICAZIONI PROSPETTICHE

Prospettive per il 2024: il gruppo prevede una crescita organica delle vendite intorno al 4% e un moderato aumento del margine di profitto operativo del trading sottostante. Si prevede che l’utile sottostante per azione in valuta costante aumenterà tra il 6% e il 10%. Gli obiettivi a medio termine per il 2025 sono pienamente confermati: crescita organica delle vendite a una sola cifra e un margine di profitto operativo di negoziazione sottostante compreso tra il 17,5% e il 18,5% entro il 2025. Utili sottostanti per azione in valuta costante in aumento tra il 6% e il 10%.

 

Ricevi le ultime notizie! Iscriviti alla Newsletter


 

IL BUSINESS COME FORZA POSITIVA: IL PIANO NET ZERO

Nestlé ha ottenuto una riduzione netta del 13,5% delle sue emissioni di gas serra (GHG) rispetto al valore di riferimento del 2018, pur continuando il suo percorso di crescita nello stesso periodo. Avanzando verso Net Zero, l’azienda ha superato il picco di carbonio nel 2019 e ha disaccoppiato con successo la sua crescita dalle emissioni. Nestlé è sulla buona strada per raggiungere una riduzione del 20% delle emissioni di gas serra entro il 2025.Per la prima volta l’azienda garantisce trasparenza anche sulle riduzioni di gas specifici. Ad esempio, ha ottenuto una riduzione del 15,3% del metano rispetto al valore di riferimento del 2018. Questa riduzione significativa è stata possibile grazie all’attenzione di Nestlé sui prodotti lattiero-caseari, in quanto principale fonte di emissioni di metano.

Nestlé sta rendendo le proprie operazioni più efficienti dal punto di vista energetico e sta aumentando l’uso di elettricità rinnovabile. Alla fine del 2023, il 91,9% dell’elettricità nei suoi siti produttivi globali proveniva da fonti rinnovabili. L’obiettivo è raggiungere il 100%. L’azienda continua inoltre a ridurre le emissioni della propria catena del valore (Scope 3). Collabora con i suoi fornitori e gli agricoltori da cui si rifornisce per aiutarli ad affrontare le emissioni e a passare all’agricoltura rigenerativa. Alla fine dello scorso anno, il 15,2% delle materie prime di Nestlé proveniva da agricoltori che adottavano tali pratiche. L’ambizione dell’azienda è arrivare al 20% entro il 2025. Ha inoltre ridotto l’uso di combustibili fossili in settori quali l’imballaggio e la distribuzione dei prodotti.

 

Fonti: www.nestle.com

© Riproduzione riservata

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Annuario Acquitalia 2023-24 Acque Minerali Acquista

Scrivi un commento

5 × cinque =

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina