Pinterest LinkedIn

Quando si è alla ricerca dell’aperitivo sfizioso, leggero ma goloso, perfetto per una piacevole serata estiva, difficilmente si scarterà l’idea di una dissetante birra ghiacciata, dagli aromi intensi e particolari, oppure fresca e saziante. Ma poiché la birra chiama a sé un piccolo spuntino, qualcosa di gradevole con cui stuzzicare l’appetito per la cena, abbiamo pensato di proporvi la ricetta di un goloso plumcake salato, un’ottima soluzione per un aperitivo da condividere, abbinato a una buona bevanda.

Cugino stretto del plumcake classico, la versione salata più conosciuta ha una consistenza fragrante e morbida, impreziosita da un ripieno goloso di prosciutto, olive e formaggio, che rende questa scelta gastronomica molto adatta all’effervescenza dell’anidride carbonica (e quindi a birre particolarmente frizzanti) e all’amaro del luppolo, grazie al quale sarà facile pulire il palato dal gusto deciso delle olive e della scamorza. Se si sceglie una birra dal grado alcolico non troppo elevato, inoltre, si avrà il vantaggio di associare ai sapori morbidi del plumcake salato anche il corpo e la robustezza di una bevanda appropriata.

Con una ricetta semplice, facile da preparare e veloce da realizzare, il plumcake salato si presenta come una soluzione anche molto pratica, perché è possibile prepararlo con varie ore di anticipo senza il rischio di servire un prodotto secco o asciutto: sarà sufficiente coprire il plumcake con una campana di vetro o chiuderlo in un sacchetto adatto a conservare gli alimenti.

Inoltre, scoprirete come quella del plumcake salato sia anche una ricetta decisamente versatile: una volta che si apprende come preparare l’impasto, si possono cambiare gli ingredienti che caratterizzano il ripieno, sostituendo il prosciutto con una verdura per ottenere una versione vegetariana oppure selezionando gli elementi in base ai propri gusti e agli abbinamenti che si preferiscono.

Ingredienti:
(per uno stampo da 30 cm)

  • 3 uova
  • 300 gr di farina 00
  • 100 ml di latte
  • 80 ml di olio
  • 1 bustina di lievito istantaneo (non vanigliato, per prodotti da forno)
  • 100 gr di olive verdi denocciolate
  • 100 gr di prosciutto cotto (meglio se tagliato in fette spesse mezzo centimetro)
  • 100 gr di scamorza
  • 50 gr di provolone
  • 50 gr di parmigiano reggiano grattugiato
  • sale e pepe q.b.

tempo di preparazione: 20 minuti
tempo di cottura: 40 minuti

Procedimento

Per prima cosa si preparano gli ingredienti che caratterizzano il ripieno del plumcake: formaggio, olive e prosciutto cotto. Tagliate quest’ultimo a dadini o a pezzetti, in base allo spessore di ciascuna fetta; lavate le olive e tagliatele a rondelle. Lo stesso vale per scamorza e provolone: tagliateli a cubetti e mischiateli in una ciotola capiente insieme alle olive, al prosciutto e al parmigiano grattugiato.

In una ciotola a parte montate le uova, fino ad ottenere un composto spumoso, e aggiungete una presa di sale e un pizzico di pepe grattugiato. Mescolando, aggiungete alle uova anche il latte e l’olio, poco per volta, a filo. Delicatamente, quando il composto sarà ben omogeneo, fate cadere a pioggia nella ciotola anche la farina setacciata e il lievito istantaneo, che avrete precedentemente mescolato insieme.

Infine, unite al composto anche gli ingredienti caratterizzanti: il prosciutto cotto, le olive e i formaggi e mescolate con cura. Imburrate (o ungete) e infarinate uno stampo da plumcake della lunghezza di 30 cm, versate l’impasto al suo interno, livellando bene la superficie e poi infornatelo nel forno preriscaldato a 180°C, lasciandolo cuocere per circa 40 minuti. Al termine dei primi 35 minuti, verificate la cottura con uno stecchino. Dopo aver sfornato il plumcake, lasciatelo raffreddare nel suo stampo per almeno mezz’ora prima di rimuoverlo; aspettate che sia completamente a temperatura ambiente prima di affettarlo e servirlo.

Un’idea in più

Oltre alla proposta qui descritta, per un aperitivo equilibrato ma diverso dal solito, si consigliano – soprattutto nella stagione estiva – le birre Blanche aromatizzate o le Gose, dalla particolarissima nota salina; ottime anche birre Lambic, una varietà belga tra le più antiche in assoluto, caratterizzate da un’impronta acidula: perfette con stuzzichini e finger food.

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Scrivi un commento

5 × 3 =