0

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Una volta disattivato l'AD Block se vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina
Pinterest LinkedIn

© Riproduzione riservata

Il bartending nostrano riparte… dalla Toscana! Nonostante l’estate sia ormai solo un ricordo, il mese di settembre non vuole proprio smettere di regalare spettacolo e divertimento agli spirits lovers e agli addetti ai lavori. Col Centro Italia, senza alcun dubbio, grande protagonista.

Non solo a Firenze, dove si sta svolgendo la quinta edizione della “Florence Cocktail Week”, ma anche a Prato, la cui proposta notturna in questi ultimi anni si è evoluta sempre di più all’insegna di una mixology di qualità. Proprio come quella di “Caveau Enoteca Gastronomica” in via Settesoldi, locale inserito non a caso nella “Tuscany Cocktail Week” che questa settimana ha ospitato una prestigiosa masterclass sul “Gin 2 punto 4”, condotta da due guest di lusso quali Mauro Mahjoub e Jorge Alberto Soratti. Sono stati esattamente loro, d’altronde, a lanciare l’anno scorso questo Craft Spirit Premium 100% italiano, prodotto in Abruzzo nella distilleria Jannamico e distribuito da Spirits & Colori (organizzatore dell’evento in collaborazione con Spirit Brands Firenze).

Un gin nato dall’amicizia trentennale tra i due bartender di fama mondiale, realizzato attraverso un metodo innovativo che prevede la distillazione a bagnomaria delle otto botaniche trattate singolarmente e la miscela (o bland) dei vari ingredienti. Il risultato? L’esaltazione estrema di sapori decisi, riconoscibili e dall’accostamento inusuale: l’asprezza del ginepro, la delicatezza del coriandolo, la dolcezza del nocchio, il calore dell’abete rosso ma anche il pungente aroma del timo e la freschezza degli agrumi (arancia e bergamotto).

Perché “Gin 2 punto 4”? Siamo partiti con la ferma intenzione di creare un nuovo sapore capace di stupire. Abbiamo sperimentato diverse ricette i cui ingredienti venivano man mano raccolti e catalogati in ampolle per distillati. Infine, grazie alla nostra esperienza nel creare e miscelare cocktail, abbiamo individuato nelle ‘provette’ numero 2 e 4 gli ingredienti perfetti per raggiungere il sapore e l’aroma desiderati”, ci hanno raccontato i due soci produttori del “Gin 2 punto 4” proprio a margine della lezione.

I tanti presenti all’evento pratese hanno potuto degustarlo tanto in purezza quanto in miscelazione, con una proposta di “Martini” e “Negroni” alla masterclass pomeridiana e interessanti pairing durante la cena a degustazione serale. Tutti sapientemente e accuratamente preparati dal “Re del Negroni” nonché imprenditore di successo a Monaco di Baviera (e non solo), Mauro Mahjoub, e dal pluripremiato barman argentino, proprietario del Cocktail Bar “Black and White” di Macerata, Jorge Alberto Soratti. Oltre che, ovviamente, dal Bar Manager Luca Lotrecchiano, socio di “Caveau Enoteca Gastronomica” al pari del Sommelier Piero Drago e dello Chef Stefano Anfuso. Per una giornata che chi ama il Gin non poteva davvero perdersi!

© Riproduzione riservata

No.3 London Dry Gin - nuova bottiglia - The Art of Perfection - esclusiva di Pallini

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Scrivi un commento

5 − quattro =