Beverfood.com
| Categoria Notizie Vino | 5440 letture

ROMANIA: terra di conquista per i produttori vinicoli italiani. Fra questi Antinori

Romania nel bicchiere

Vinicoli Mercato Romania Italia Produttori Terra Antinori Romania Export Vini

C’è ancora spazio per far crescere l’interscambio tra Italia e Romania. E questa volta a fare da traino potrebbero essere i vini. Un mercato su cui Bucarest sta puntando, che registra dati in crescita, con consumi interni e produzione in aumento, importazioni in espansione, e un buon posizionamento dei vini italiani che rappresentano il 40% degli acquisti esteri del Paese. ”E’ solo l’inizio”, commenta ad ANSA Nuova Europa il segretario di Stato all’Economia romeno, Bogdan Pandelica, a margine di un incontro tenutosi a Roma, tutto dedicato ai vini della Romania.

Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice

”Il nostro interscambio – ricorda – vale 11,8 miliardi. E sono certo che anche in questo campo potremo fare di più”. Con quasi 38 mila aziende presenti in Romania, l’Italia è il secondo partner commerciale dopo la Germania. ”Il nostro obiettivo – sostiene Pandelica – è ora quello di far conoscere al pubblico italiano la qualità dei nostri vini”. Perché se è vero che il Made in Italy piace e viene sempre più apprezzato dai consumatori romeni, gli acquisti italiani di vino romeno non hanno certo raggiunto cifre da capogiro. Con 5 milioni di ettolitri l’anno, la Romania è settimo produttore europeo e sesto per superficie vitata in Ue (con 243 mila ettari). ”Lo scorso anno – prosegue Pandelica – il nostro export è salito, arrivando a 16,5 milioni di euro, mentre l’import ha raggiunto il valore di 38 milioni di euro”. Si tratta di un mercato, afferma Marinela Vasilica Ardelean, primo sommelier di Romania 2014, che offre dunque molte possibilità, in continua mutazione sia in termini di palato del pubblico, sia in termini qualitativi.

”In passato – continua Ardelean, che è anche brand manager della cantina veneta Foss Marai – si facevano vini per l’Urss, carichi di alcool e molto dolci. Dalla fine del comunismo, invece, anche grazie ai fondi strutturali europei, c’è stata tutta un’opera di recupero dei vitigni autoctoni e di quelli internazionali”. A bere vino in Romania – che oggi esporta anche verso i Brics – sono soprattutto consumatori che hanno oltre 30 anni. ”Soprattutto per motivi di budget”. Su molti vini importati, infatti, esiste un ricarico anche fino al 300%, il che rende più difficile l’acquisto da parte dei giovani”. Anche i vini italiani iniziano ad essere meglio compresi dal mercato locale, ”ma la qualità di quelli importati rimane purtroppo ancora troppo bassa”, sostiene Ardelean. Sugli scaffali il Made in Italy si trova a dovere competere soprattutto con il Cile, la Francia, Sud Africa e Spagna. Con le sue otto regioni vinicole, 5 vitigni autoctoni e 9 internazionali, la Romania ha attirato anche diversi produttori europei. Tra questi anche cinque italiani. Uno su tutti, Antinori che attualmente produce per il mercato interno”, conclude Ardelean che in ottobre al Merano WineFest presenterà il suo volume dedicato all’abbinamento tra 50 etichette romene da lei selezionate e 50 piatti italiani d’eccellenza.    

Fonte: www.ansa.it/nuova_europa/it/ del 27.06.14

+ COMMENTI (0)

Beer&Food Attraction 2020, Rimini 15-18 febbraio

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Produttori Vinicoli Mercato Romania Romania Terra Export Vini Antinori Italia


ARTICOLI COLLEGATI:

Export vino Italia 2019: nel primo semestre superata la soglia dei 3 miliardi di euro

Export vino Italia 2019: nel primo semestre superata la soglia dei 3 miliardi di euro

14/09/2019 - Nei primi sei mesi del 2019, l’export italiano di vino e mosti ha chiuso i conti in maniera soddisfacente. In totale, il settore in volume ha superato i 10 milioni di ett...

La Cina chiama, l’Australia risponde: così si alimenta il mercato del vino asiatico

La Cina chiama, l’Australia risponde: così si alimenta il mercato del vino asiatico

05/09/2019 - Una potenza già tale, eppure con un margine di miglioramento ancora estremo. Leader in pressoché qualsiasi settore, la Cina sta iniziando a dominare anche il mercato vini...

Focus export vini frizzanti: dati, trend e scenario di una tipicità italiana

Focus export vini frizzanti: dati, trend e scenario di una tipicità italiana

29/08/2019 - Il titolo del dossier pubblicato dal Corriere Vinicolo "Bolle ad Alta Fedeltà", ci anticipa una serie di trend e di dati per la fotografia di uno scenario che è stato ana...

Export italiano vino: bene il primo trimestre ma non soddisfatte le aspettative

Export italiano vino: bene il primo trimestre ma non soddisfatte le aspettative

08/07/2019 - Dopo la battuta d’arresto del 2018 torna a crescere, l’export in volume di vino. Nei primi tre mesi del 2019, secondo elaborazioni Ismea su dati Istat, sono stati consegn...

Wine Monitor : i vini rossi toscani Dop leader nel mercato europeo

Wine Monitor : i vini rossi toscani Dop leader nel mercato europeo

18/06/2019 - Vini rossi Dop della Toscana leader nel mercato europeo. Un valore complessivo delle esportazioni nel 2018 pari a 518,6 milioni di euro, contro i 273,7 del Veneto e i 242...

Osservatorio Federvini Wine & Spirits: i punti chiave del settore

Osservatorio Federvini Wine & Spirits: i punti chiave del settore

12/06/2019 - In occasione dell’ultima Assemblea Annuale Federvini è stato lanciato il nuovo Osservatorio Federvini Wine & Spirits, un ‘think tank’ in grado di monitorare l’evoluzi...

Perlino a Vinitaly: focus sull’export nei mercati mondiali con l’Asti Spumante

Perlino a Vinitaly: focus sull’export nei mercati mondiali con l’Asti Spumante

15/04/2019 - Perlino, realtà storica fondata nel 1905 attiva nel settore spumanti e vermouth, di recente con una sinergia con Dilmoor si è affacciata anche al comparto degli spirits. ...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

15 − dodici =