Pinterest LinkedIn

Due interpreti indiscutibili dell’Italian Style si incontrano in un entusiasmante viaggio all’insegna dell’eccellenza in un perfetto connubio tra gusto, arte e stile.
Celebre distilleria radicata a Cividale del Friuli da oltre 120 anni, DOMENIS1898 è conosciuta sia per i suoi rinomati distillati sia per il piglio moderno nella creazione di innovativi prodotti. Proprio la volontà dell’Azienda di trovare il connubio perfetto tra gusto, arte e stile ha portato all’incontro con il talento di Romina Dorigo. La stilista ha confezionato sei capi su misura per il fiore all’occhiello dell’azienda: Storica® Nera, la grappa espressione della cultura e della tradizione di una terra unica, apprezzata dagli estimatori di distillati di alta gamma per l’equilibrio del suo bouquet e per il suo gusto morbido.

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

 

“Sono rimasta molto sorpresa dalla chiamata di questa realtà così importante sul nostro territorio e sono stata entusiasta di dedicarmi a questo progetto: una nuova sfida per creare una collezione vestita da Bellezza, Temporalità e Valore per realizzare un binomio perfetto tra grappa e moda.” – dichiara Romina Dorigo, designer dal respiro internazionale che vanta collaborazioni con alcuni tra i brand più conosciuti al mondo, da Armani a Fendi, da Jil Sanders a Dolce & Gabbana, senza dimenticare le numerose pubblicazioni che l’hanno vista tra i protagonisti di Vogue, Vanity Fair e GQ.

Storica® Nera si veste di nuovo e mostra la sublime ricerca della MARAVEE, (N.d.R. meraviglia in friulano) attraverso l’interpretazione della bellezza e della temporalità con dettami ispirati a Caravaggio, Krištof Kintera, Duy Anh Nhan Duc, Azuma Makoto, Jan Fabre, Taryn Simon, Sam Tailor Wood, Pina Bausch, Duane Michaels e Dennis Oppeheim.
Una linea esclusiva caratterizzata da ciò che accomuna e contraddistingue le due realtà friulane: accurata attenzione nella scelta delle composizioni grafiche, artigianalità nelle lavorazioni e sostenibilità nella selezione dei materiali utilizzati.

Grossisti importatori distributori bevande alimentari Banchedati Database excel xls csv Dati Indirizzi e-mail Tabella Campi records Industria Alimentare e Ingrosso

 

Olfatto, gusto e vista si intrecciano in un’esperienza unica: “Enoteca Collection by Romina Dorigo” è la rielaborazione dell’abbigliaggio di Storica® Nera in chiave contemporanea composta da un set di sei bottiglie, autografate e numerate, in edizione limitata, tutte da collezionare.

Il primo set di Storica® Nera ben presto sfilerà indossando la collezione ideata su misura dalla stilista nelle migliori enoteche e sullo shop on-line dell’azienda: shop.domenis1898.com.

DOMENIS1898

Fondata nel 1898 da Pietro Domenis a Cividale del Friuli, DOMENIS1898 ha sviluppato oltre centovent’anni di sapienza e maestria trasmessa nella qualità indiscutibile dei suoi prodotti. Tradizione e innovazione si fondono per soddisfare i palati più esigenti e nascono le eccellenze delle grappe italiane: prodotti quali Storica®, Secolo, DOMENIS® Gold Edition, Special Edition Picolit e Futura. Storica e Secolo sono inoltre disponibili in versione Barrique Millesimata. Per il 120esimo anniversario dalla nascita dell’Azienda viene presentata LA120, subito pluripremiata, così come I III Re, preziose grappe invecchiate barricate incoronate “Sovrane” indiscusse della produzione DOMENIS1898. A fianco delle migliori grappe, DOMENIS1898 porta sul mercato anche alcuni gin, tra cui Cividât, il gin a 42° che al meglio esprime le particolarità del territorio di Cividale del Friuli, e liquori quali Storica Amaro, Storica Verde e Storica Sambuca, tutte eccellenze riconosciute. Dall’Azienda nascono poi TRITTICO, la linea dedicata alla mixology, LADY Domenis, la linea dedicata alle donne, e VEGAN, la linea di prodotti vegani e biologici certificati da Vegan Society e da CCPB.

ROMINA DORIGO E IL PROGETTO

Il primo set da collezione di Storica Nera che porta la firma di Romina Dorigo, nota designer friulana. Due realtà legate da uno stretto nesso territoriale si incontrano per creare il binomio perfetto tra grappa e moda. Parole chiave e punto di partenza delle sei opere sono stati i concetti di “up cycling” e “still life”, uniti alla considerazione di una bellezza che può essere vista come deperibile, caduca e soggetta al maestoso e irriducibile tempo. Caravaggio, Brueghel, Pina Bausch, Azuma Makoto, Joel Peter Witkin, Dennis Oppenheim e Peter Greenaway sono solo alcuni degli artisti che hanno ispirato la stilista. Una natura e una bellezza in divenire, questo è quello di cui si può godere ammirando la collezione. Una raccolta intitolata MARAVEE, una parola friulana che significa meraviglia. Meraviglia come i sentimenti che hanno mosso Adam Phillips e la sua ricerca sulla bellezza. Meraviglia come quella dei fiori descritti da Freud mentre passeggia tra i sentieri sul Carso. Un misto tra contemplazione e territorialità.

L’esclusività delle creazioni sta nel contatto tra due realtà attente alle scelte e attente a ciò che le circonda. Un’attenzione mostrata attraverso composizioni grafiche che fondono sostenibilità, arte e moda unite alla culla friulana con i suoi colori, profumi e animi… a volte criptica a volte estremamente generosa, non può che ispirare i cuori e le menti di chi sa ascoltare e vedere. Un unico filo conduttore alla base di tutte le creazioni, l’estetica del memento mori e il significato di bellezza, temporalità e valore ad esso legato. Riciclo e sostenibilità unite a tanta contemporaneità si riversano in un’arte sublime e raffinata come la sartoria. Un ossimoro che si completa in un’armonia stridente e disincantata di abiti bianchi, atmosfere eteree, collage impossibili e linee indagatrici.

Romina Dorigo nasce a Palmanova il 1 Ottobre 1995 tra stoffe, pizzi, jacquard e la passione per la moda ereditata dalla madre. Lo sviluppo delle sue doti avviene attraverso un ricco percorso di studi all’interno di importanti istituti internazionali quali Central Saint Martins di Londra, il Condé Nàst College of Fashion e il Vancouver Community College. Nel 2018 questa giovane designer ha calcato con la sua idea di moda passerelle come la Vancouver Fashion Week e London Fashion Week. Ha conquistato le più famose riviste di settore mostrando le sue collezioni su Vanity Fair UK, House of Coco, Candid Magazine, GQ UK, Vogue Italia e UK.

La visione di Romina Dorigo: la collezione

La parte e il tutto

Una linea, una donna. I grovigli, le sovrapposizioni, tutti quei volumi sbagliati e stropicciati si  sciolgono nella sinuosità di una manica, una nuvola. Sembrano i fiori di Azuma Makoto, petali e foglie costrette che diventano composizioni di maniche, giacche, abiti. Una parte del tutto o solo la sua sfumatura?

 

The human body game

Il mood diventa texture in un gioco di parti umane tra volti di Michelangelo e opere sul fallimento in un gioco di  forze e cadute. Parti che compongono un tutto, in un lancio che si veste da danza.

 

 

The weight of beauty il peso della bellezza

La collezione in questione è volta a rappresentare una bellezza spesso svilita da canoni e dettami che diviene costrizione, catena. Qui la costrizione si fa filamento e parte dall’uomo, la bocca, dal suo giudizio. Un giudizio che lo attraversa e lo incastra. Lo costringe. Lo sguardo e la matita della designer cercano la redenzione: una bellezza che è unicità, espressione, ricordo e non solo estetica.

 

Unica certezza

Un collage di Romina Dorigo rappresentativo e immersivo. Parti di composizioni di Azuma Makoto, studi di volumi in carta con proporzioni estremizzate. Il tratto indagatore, che le definisce e le amplifica. Veli e carte diventano una nuvola, un vortice sinuoso e riccheggiante di motivi, scaglie e grovigli. L’unica certezza è il volto che appare sulla sinistra.

 

The human body game

I tasselli scomposti  di un colosso antico, frammenti anatomici che i giardini archeologici raggruppano in blocchi di marmo a formare la memoria di corpi impossibili, di proporzioni inesatte, di innesti che mai daranno la somma armonica di una figura intera. L’abito compete con il corpo, ne ruba la scena, si affranca fino a mimarne la carne e le forme, fino ad assumere identità propria.

 

Costrizione e convinzione

Legature, costrizioni e strutture. Un tratto, una sfumatura, un colore. Spalle che si fanno increspature fragili, maniche incastrate e incastonate. Tagli asimmetrici e profili  irregolari.

 

 

 

+Info: www.domenis1898.eu  –  info@domenis1898.com

Scheda e news: Domenis1898 Srl

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Nino Negri - 5 Stelle Sfursat

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Scrivi un commento

tredici − tre =