Pinterest LinkedIn

Presentate le ultime evoluzioni della CCM, insieme al nuovo sistema di decorazione delle capsule COLORA CAP e alle soluzioni per il controllo qualità di capsule e preforme. Sugli scudi anche l’innovativa FORMSLEEVE + proposta da Sacmi Verona, e la formatrice TF 12 di Sacmi Packaging. Tecnologia Made in Sacmi sugli scudi alla fiera Interpack di Düsseldorf. La fiera triennale, in programma nella città tedesca dall’8 al 14 maggio 2014, vedrà la presenza di Sacmi con uno spazio espositivo di 540 mq (hall 8, stand 8AE03), dove i visitatori potranno conoscere più da vicino le soluzioni sviluppate per la filiera beverage&packaging.

 Tra le macchine esposte la CCM a 32 cavità, pressa a compressione per la produzione di capsule in plastica che si caratterizza fra l’altro – come l’intera gamma CCM – per le basse temperature in cui avviene il processo di estrusione del materiale, con notevoli vantaggi sul fronte dei consumi di energia e della produttività. Corredata con un innovativo stampo ‘COOL+’ progettato per rendere il processo di raffreddamento ancora più efficiente, la CCM32 produrra’ in fiera chiusure per bevande gasate ad un tempo ciclo vicino ai 2 secondi rendendo questa soluzione la più competitiva al mondo per la produzione di capsule. Un Controllo Qualità Sacmi CVS3000 a due telecamere integrato nella CCM garantisce al 100% la qualità del tappo prodotto.

 Pioniere, a livello globale, di una vera e propria innovazione di prodotto e di processo in materia di chiusure – ad oggi il 40% del mercato beverage, a livello mondiale, sfruttano la tecnologia della compressione Made in Sacmi – l’azienda coglie l’occasione della più importante fiera europea dedicata al mondo del packaging anche per esporre COLORA CAP, il nuovo sistema di stampa digitale su capsule che consente di stampare immagini ad alta definizione, direttamente in linea, senza necessità di stoccaggio delle capsule e con la possibilità di cambiare in tempo reale la decorazione attingendo direttamente da file grafici: un vantaggio competitivo importante, per la committenza, sia dal punto di vista della flessibilità produttiva – la macchina consente di realizzare ogni tipo di decorazione sui tappi, ad esempio per campagne promozionali, eventi, premi ecc – sia rispetto alla gestione del magazzino, con la possibilità di stampare in pochi minuti, anche su piccoli lotti, immagini in HD sui tappi. Il Controllo Qualità Sacmi CVS3000 posto prima e dopo la COLORA CAP garantisce che solo i tappi senza difetti siano decorati e che solo quelli con la giusta e senza difetti di immagine vengano inviati all’imbottigliamento.

 Dal closures al labelling, Sacmi vola a Düsseldorf con le ultime proposte impiantistiche di Sacmi Verona. Profondamente innovata nel 2013, l’offerta Sacmi per il labelling trova oggi il proprio top di gamma in FORMSLEEVE+, la nuova etichettatrice modulare con caratteristiche uniche di versatilità nel processo produttivo e flessibilità nella scelta e nella gestione dei materiali. Le caratteristiche progettuali dell’etichettatrice consentono infatti la formazione del tubo sleeve direttamente in macchina con liquidi naturali, partendo dalla bobina, con una riduzione dei costi delle etichette di oltre il 20%. A garantire la qualità del prodotto il LVS360 che grazie al suo innovativo software permette di srotolare l’immagine 3D delle 4 telecamere in un’immagine 2D permettendo un’ispezione al 100% dell’etichetta.

 Sul fronte controllo qualità, Sacmi presenta in fiera i sistemi di visione PVS e CHS. Progettato per essere installato direttamente in linea, a fianco della pressa, il sistema PVS si caratterizza per la capacità di testare notevoli quantità di preforme – fino a 36mila l’ora – a intervalli temporali definiti, restituendole al ciclo produttivo qualora rispondenti ai parametri qualitativi impostati o, in caso contrario, inviando un allarme all’operatore: una soluzione efficiente per azzerare le potenziali difettologie riducendo al minimo, grazie all’elevata automazione e affidabilità del sistema, la necessità di fermi linea. A fianco del PVS, Sacmi propone il nuovo sistema CHS per il controllo delle capsule, dotato di un sistema di telecamere ad alta definizione (serie CVS 3000) capaci di ispezionare con la massima affidabilità ogni lato del tappo, anche in questo caso, incrementando l’efficienza della linea e la qualità complessiva dell’output.

 A completare il quadro, per una fiera che nella passata edizione ha visto ben 160mila visitatori e 2.700 espositori provenienti da 59 Paesi, la formatrice TF 70 modulare progettata in Sacmi Packaging e particolarmente apprezzata dal mercato per la flessibilità nella produzione di tutti i formati di plateaux.

Caratteristica distintiva della macchina, appunto, la modularità, che consente di ottenere partendo dai diversi moduli base – magazzino, pressa e angolo – la nuova formatrice TF 70, attualmente la soluzione più competitiva e performante sul mercato per la produzione di vassoi ad angolo. Tra i punti di forza della soluzione – oltre alla notevole produttività, fino a 50 pezzi al minuto grazie alla doppia catena di alimentazione e ai vari accorgimenti tecnici – proprio la possibilità di lavorare in linea con il nuovo impilatore, riprogettato da Sacmi per supportare l’elevata produttività della nuova macchina e gestire così in parallelo due plateaux, fino a una lunghezza massima di 800 mm, e di comporre pile senza limiti di altezza.

Ridotte esigenze di manutenzione, facilità d’uso, rapidità di cambio formato: queste le ulteriori caratteristiche delle nuove soluzioni Sacmi che, in questi anni, stanno facendo la differenza rispetto ai competitor.

 

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Aperitivo: No. 3 London Dry Gin  - Food is The Key - distribuito in Italia da Pallini

Scrivi un commento

2 + due =