Pinterest LinkedIn

Per il settore l’entrata in vigore della tassa (+28% di fiscalità) a luglio 2024 significa una flessione delle vendite del 15,6%, una riduzione degli acquisti di materie prime di 400 milioni e un taglio degli investimenti di 46 milioni. A rischio oltre 5 mila posti di lavoro. Una misura che penalizza il prodotto e non i comportamenti scorretti e vanifica gli sforzi fatti da un settore che negli anni ha tagliato del 41% lo zucchero immesso a consumo. Subito un confronto per intervento definitivo.

Cfr:

 Il rinvio della sugar tax a luglio previsto nella Manovra 2024 dà una boccata di ossigeno alle imprese della Filiera ma posticipa solo di pochi mesi gli effetti insostenibili di una nuova imposta che aumenta del 28% la fiscalità su un litro di bevanda analcolica: l’entrata in vigore produrrà un ulteriore indebolimento del mercato, che dopo un anno all’insegna dell’inflazione elevata e un’estate caratterizzata da volumi di vendite decisamente sotto le aspettative, chiuderà in negativo con una contrazione in volume stimata in -5,4% rispetto al 2022”. Con queste parole Giangiacomo Pierini, Presidente di ASSOBIBE, associazione di Confindustria che rappresenta i produttori di bevande analcoliche in Italia, commenta l’ennesimo posticipo della sugar tax contenuto nella Manovra per il 2024 approvata oggi in Parlamento

Pierini prosegue: “ In questo scenario, la tassa che colpisce le bibite analcoliche, anche quelle prive di zucchero, rischia di produrre un’ulteriore flessione delle vendite del -15,6% nei due anni successivi all’entrata in vigore, una riduzione degli acquisti di materie prime pari a 400 milioni di euro e 275 milioni di minori entrate IVA per lo Stato, come segnalato da Nomisma. A rischio ci sono oltre 5 mila posti di lavoro”.

Per arrivare preparati all’appuntamento con la sugar tax, i produttori dovranno iniziare a lavorare a un adeguamento di prezzi e procedure già dalla primavera. Questo significa congelare ancora una volta la programmazione e tagliare gli investimenti (-46 milioni, secondo le stime Nomisma), penalizzando un settore che negli anni ha ridotto lo zucchero immesso a consumo del 41%, senza bisogno di alcuna tassa.

“L’ulteriore rinvio a luglio 2024 è un segnale della consapevolezza del Governo degli effetti dannosi di questa tassa, priva di risultati diretti sulla salute, come dimostrano le esperienze dei Paesi dove è stata introdotta, salvo poi cancellarla – afferma Pierini -. Siamo consapevoli che cancellare una tassa per la quale c’è già un decreto attuativo è operazione complessa e il suo ennesimo posticipo è conferma della grande attenzione del Governo verso la filiera delle bevande analcoliche. Ciò nonostante, chiediamo con forza un urgente intervento definitivo già nei primi mesi del 2024, così da permettere alle imprese una programmazione adeguata di un anno che sarà incerto e difficile”.

+info: www.assobibe.it

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Annuario Bevitalia 23-24 Bevande Analcoliche Acquista

Scrivi un commento

tre × 2 =

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina