Pinterest LinkedIn

Come evidenziato dalle più autorevoli analisi degli specialisti, la crisi del settore è dovuta da un eccesso di offerta e più precisamente da una crescita di produzione mondiale, la quale risulta essere superiore all’aumento dei consumi. In particolare, è stata l’Unione Europea a registrare il maggior incremento, con la fine del regime delle quote latte.

LX1221-tradex

Per favorire la ripresa, la Commissione UE ha definito i dettagli del pacchetto di aiuti (500 milioni di euro) a sostegno dei produttori di latte e degli allevatori di animali da carne. Al comparto lattiero caseario vanno 150 milioni, le domande saranno ammesse in ordine di presentazione fino ad esaurimento fondi. L’incentivo europeo dovrebbe sortire un effetto di bilanciamento.

Un primo segnale positivo è degli ultimi mesi del 2016, il prezzo dei carichi di latte è salito del 48% passando dai 24,74 centesimi di euro della fine di aprile ai 36,60 centesimi al litro della fine dell’estate e raggiungendo i valori degli accordi annuali del 2015.  A questo si aggiungono i buoni risultati dell’export dei principali formaggi DOP.

In questi ultimi anni l’industria casearia è cambiata con l’avvento di nuovi trend nell’ingegneria di prodotti a base di latte.

Uno studio dell’Università di Melbourne ha analizzato la storia e lo stato attuale di alcuni prodotti lattiero caseari, esplorando le tendenze future. Gran parte dei progressi fatti ha riguardato la capacità di produzione, meccanizzazione, automazione, igienizzazione e sicurezza all’interno dello stabilimento, ma anche l’attitudine alla trasformazione, l’estensione della shelf life (durata/conservazione del prodotto) e l’introduzione di nuove tipologie di prodotto che portino varietà e convenienza per il consumatore.

Sono state fatte anche scoperte significative per quanto concerne la qualità, molte delle quali derivanti da una migliore conoscenza delle proprietà funzionali degli ingredienti e dell’impatto sulla struttura e consistenza. Non meno importanti sono i progressi incentrati su temi di attualità quali l’efficienza energetica e sostenibilità ambientale.

Per ulteriori informazioni: Tel. 0331/75.64.11 – 0331/75.64.42
scrivi a: marketing@tradexsrl.com  oppure visita il sito: www.tradexsrl.com 

+ info: Tradex Srl
via Bettolino, 27
21013 Gallarate (VA)
Tel. 0331/75.64.11
marketing@tradexsrl.com
www.tradexsrl.com

SCHEDA WEB PERSONALIZZATA E ALTRE NEWS TRADEX

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Banchedati excel csv contatti email aziende beverage e food

Scrivi un commento

uno × 3 =