Pinterest LinkedIn

La popolazione di bevitori di vino negli Stati Uniti si è ripresa dai minimi dell’era del Covid. Vi è stato, infatti, un aumento del numero di bevitori regolari di vino e una forte persistenza della tendenza di premiumizzazione, con un forte slancio che proviene principalmente dagli under 40. Tuttavia, le sfide a lungo termine riguardanti il calo dei volumi e il calo della conoscenza del vino persistono, spingendo i proprietari dei vari marchi a ripensare le strategie di go-to-market.

Contatti email indirizzi aziende settore vino, cantine, distillerie Banchedati CSV Excel

Ciò, in parte, è dovuto al fatto che i bevitori di vino mensili più giovani ne bevono occasionalmente, nonostante tendono a spendere molto di più nel momento in cui acquistano una bottiglia. Infatti, mentre i volumi totali di vino sono diminuiti negli Stati Uniti nel 2022, il segmento premium-and-above è cresciuto del 6% secondo i risultati preliminari dell’IWSR.

I bevitori di vino più coinvolti guidano la premiumizzazione, una tendenza notevole nel panorama vinicolo statunitense. Gli Stati Uniti stanno diventando sempre di più un mercato del vino su due fronti:

  • Da un lato i consumatori meno coinvolti, spesso più anziani, e maggiormente sensibili al prezzo, stanno riducendo la loro attività o stanno abbandonando del tutto la categoria;
  • Dall’altro i consumatori più impegnati della Generazione X e dei Millennial rappresentano quasi il 60% della spesa totale per il vino.

I cambiamenti demografici appena descritti hanno avuto un impatto significativo sugli acquisti da parte dei bevitori di vino statunitensi, delineandone diversi cambiamenti, tra cui: un forte calo dei volumi del vino fermo e dell’intera categoria; una forte crescita prevista per i prossimi cinque anni per quanto riguarda i segmenti più pregiati, come lo Champagne, e, inoltre, un grande aumento per i vini analcolici. In base a questi dati, infatti, il vino ha iniziato a sfruttare gli attributi di salute e benessere, riducendo gli zuccheri e le calorie.

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web


Il ritorno del settore del consumo del vino fuori casa, in particolare nei bar, ha contribuito ad avvicinare i giovani adulti alla categoria del vino: i livelli di consumo “on-trade” sono ora superiori a quelli precedenti la pandemia. Però, sebbene la spesa per bottiglia in questo specifico settore sia aumentata a due cifre negli ultimi tre anni, è stata, per la maggior parte, superata dall’inflazione.

I dati dell’IWSR suggeriscono, in conclusione, che è attualmente in atto una strategia di conservazione della qualità, poiché i consumatori tentano di allungare il budget familiare con acquisti meno frequenti di vini di qualità migliore.

FONTE: www.theiwsr.com

 

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

3 × 1 =

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina