Beverfood.com
| Categoria Notizie Birra | 3604 letture

ASSOBIRRA: stabile nel 2012 il mercato italiano della birra

Assobirra Mercato Birra Mercato Italiano Birra

Mercato Birra Assobirra Mercato Birra Italiano

In una situazione economica complessa – nei dati anticipati da AssoBirra al termine dell’Assemblea annuale che ha confermato alla Presidenza Alberto Frausin e che ha visto la nomina alla Vicepresidenza di Piero Perron e Tommaso Norsa – il 2012 si contraddistingue per un mercato stabile, con una produzione che torna a salire (+0,5%) insieme all’occupazione (+4,4% rispetto al 2011) a conferma di un settore vivo, fatto di imprese pronte ad investire e di nuove realtà imprenditoriali che stanno nascendo. Confermati gli investimenti in responsabilità sociale. Preoccupa il calo di vendite in Italia dei primi 6 mesi del 2013, mentre per le aziende associate l’export che torna a crescere resta un fiore all’occhiello.

 

Annuario Birre Italia Birritalia Beverfood.com
Annuario Birra Italia Birritalia beverfood.com

 

A un 2012 nel segno della stabilità ha fatto seguito un inizio di 2013 a due velocità: da un lato le aziende associate registrano una flessione delle vendite in Italia tra gennaio e giugno pari a -3%. Dall’altro lato i dati dei primi 4 mesi del 2013 relativi alle aziende associate parlano di un export che torna a crescere (+2,7%), senza però compensare il calo del mercato interno. In questo contesto i produttori di birra guardano con attenzione alla stagione estiva, che si conferma tradizionalmente la più strategica. Quest’anno il freddo e il maltempo di fine primavera e dell’avvio estivo hanno frenato i consumi di giugno a -8,25%. E, come sottolinea, Alberto Frausin, Presidente di AssoBirra, neanche il caldo afoso e un troppo alto tasso di umidità delle ultime settimane favoriranno il consumo della bevanda al luppolo: “Contrariamente a quello che si potrebbe immaginare, un’estate caldissima e afosa, segnata da picchi di temperature superiori ai 35 gradi, non è l’ideale per i consumi di birra. Se il caldo e l’umidità si fanno eccessivi, infatti, la bevanda regina diventa l’ acqua minerale. I consumi di birra sono favoriti da un clima secco, con temperature comprese tra i 22 e i 30 gradi e una situazione di costante tempo bello e fresco”.

Nel presentare l’Annual Report AssoBirra, al termine dell’assemblea che ha visto la sua riconferma alla presidenza dell’Associazione e la nomina alla vicepresidenza di Piero Perron e Tommaso Norsa, Alberto Frausin spiega: “I dati parlano di un 2012 sostanzialmente stabile, con esportazioni in leggera flessione che hanno visto i flussi spostarsi in piccola parte dall’Europa all’America. In un periodo di mercato come quello attuale, dove i consumi alimentari sono scesi del -3% è un risultato importante, valorizzato ulteriormente da una occupazione in salita e da una rinnovata imprenditorialità anche giovanile. Ma sappiamo che questo equilibrio è molto sottile e la flessione delle vendite emersa nel primo semestre 2013, nonostante il ritorno alla crescita dell’export, lo testimonia. Inoltre, oggi tra IVA e accise siamo uno dei Paesi con la tassazione più alta in Europa e questo è un elemento che rischia di incidere sulla competitività del prodotto”.

Il settore birrario, nonostante le difficoltà continua a tenere, confermandosi un’eccellenza del nostro Paese e parte integrante di quel Made in Italy agroalimentare che rappresenta un punto di forza dell’economia nazionale. Nel 2012 i 16 stabilimenti (14 industriali e 2 malterie) e gli oltre 500 microbirrifici distribuiti sul territorio nazionale (che confermano il positivo e rinnovato spirito imprenditoriale del Paese) hanno prodotto complessivamente 13 milioni e 482 mila ettolitri (+0,5%), mentre il consumo pro-capite segna 29,5 litri, in calo rispetto al 2011 del -1% e lontano dai livelli pre-crisi. Nota positiva la crescita dei livelli occupazionali del +4,4%. Da segnalare, infine, che dopo anni di crescita a doppia cifra, le esportazioni si stabilizzano, restando leggermente al disotto dei 2 milioni di ettolitri (1.990.000 hl), cifra superata per la prima volta nel 2011. “Questi risultati – prosegue Frausin – testimoniano la vitalità del settore e, se si considera il contesto nazionale e internazionale poco favorevole in cui sono stati ottenuti, penso che possano e debbano renderci ancora più orgogliosi per quanto fatto”.

 

Scarica gratis la Guidaonline Birre & Birre 2018 Beverfood.com con schede di tutte oltre 2000 marche di birra

 

Produzione a +0,5% , ma l’Italia resta decima in Europa. Bene la produzione di malto (+3,1%)

Nel 2012 sono stati prodotti 13,4 milioni di ettolitri di birra (+0,5%). È il secondo miglior risultato di sempre, dopo il picco del 2003. Di questi, circa il 15% è stato esportato, mentre il resto ha soddisfatto il 65,1% della domanda interna di birra. In pratica, 2 bicchieri di birra su 3 del totale consumato in Italia sono stati prodotti nel nostro Paese. Buoni anche i risultati della produzione di malto, risalita a 649.140 quintali (+3,1% rispetto ai 629.681 del 2011), come sempre interamente assorbiti dall’industria italiana. Il settore birrario europeo ha mostrato un andamento più “lento” di quello italiano: la produzione UE-27 più Svizzera e Norvegia segna -0,4% sul 2011. L’Italia si conferma il decimo produttore europeo, in una classifica guidata dalla Germania, seguita da Gran Bretagna e Polonia. Ma precediamo paesi di consolidata tradizione birraria come Austria, Danimarca e Irlanda.

 

Databank Birrifici Birra Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web Aziende Produttori

 

Export stabile nel 2012 dopo la crescita a due cifre. Importazioni in calo (-3,9%)

L’export 2012 conferma un andamento stabile rispetto al 2011. Oggi le vendite fuori dai confini nazionali si fermano a 1 milione e 990 mila, appena sotto l’asticella del 2011. “L’export rappresenta e ha rappresentato un fiore all’occhiello del nostro settore – dichiara Frausin. Tra il 2006 e il 2011 le esportazioni erano cresciute del +160%, nel 2012 registriamo un sostanziale pareggio rispetto all’anno precedente e questo rappresenta un motivo di orgoglio per un prodotto che, laddove possibile, viene realizzato con materie prime nazionali”. Positivi comunque i primi dati parziali (quelli relativi alle aziende associate ad AssoBirra) che parlano di esportazioni in crescita del +2,7% nei primi 4 mesi del 2013. Un dato assolutamente positivo se si pensa che, in un contesto europeo di contrazione generalizzata dei consumi, l’aumento delle esportazioni comporta un aumento della quota di mercato della birra italiana in Europa. Calano, invece, del -3,9% le importazioni, che si fermano a 6 milioni e 144 mila ettolitri. L’Italia resta comunque il mercato con i maggiori volumi di import di birra, complice anche una competizione fiscale sleale da parte di vari paesi europei, fondata su norme nazionali poco rigorose sulla denominazione del prodotto (gradi plato) che permettono di commercializzare a prezzi molto competitivi (e con una tassazione più bassa) birre di minor qualità, che rischiano di mettere fuori mercato gli operatori italiani. La somma degli andamenti dell’export e dell’import ha fatto sì che nell’ultimo anno si sia attenuato (-3,5%) il tradizionale saldo commerciale negativo del mercato birrario italiano, sceso dai -4.305.000 ettolitri del 2011 ai -4.154.000 ettolitri del 2012.

 

Occupazione +4,4%, anche grazie al boom dei microbirrifici

Dati incoraggianti sul fronte dell’occupazione: grazie anche al fiorire dei microbirrifici, ormai presenti in tutte le provincie italiane (se ne stimano complessivamente oltre 500), il livello occupazionale diretto ha visto una ulteriore crescita di circa il +4,4%, per un totale di 4.700 occupati diretti complessivamente nel settore. Se teniamo conto anche dell’indotto allargato si arrivano a contare complessivamente 144.000 addetti (dati Ernst & Young). “La crescita del livello occupazionale – prosegue Frausin – è qualcosa che dimostra che il settore è vivo e in continuo fermento. Negli ultimi anni le nostre aziende presenti sul territorio hanno saputo mantenere posti di lavoro, andando addirittura a crescere grazie anche alla nascita di nuovi piccoli birrifici, parliamo di realtà imprenditoriali spesso nate su iniziative di giovani e anche questo è un bel segnale per il Paese. Inoltre quella della birra, per la natura stessa del prodotto, è un’industria non delocalizzabile che proprio per questo va valorizzata al massimo e sostenuta”. E proprio per sostenere i fenomeni “local”, AssoBirra ha dato vita nel 2012 a iniziative concrete come la creazione dell’Associazione Birra del Lazio e dell’Associazione Birra della Campania , che riuniscono microbirrifici e malterie del territorio impegnati nello sviluppo della coltivazione di orzo e luppolo e di conseguenza nella produzione di birre con materie prime di origine regionale.

 

Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice

 

Scende il consumo procapite che arriva a 29,5 litri, ancora distante dai livelli pre-crisi

I 17 milioni e 636 mila ettolitri di birra commercializzati in Italia nel 2012 (comprensivo delle quantità importate) in calo del -0,4%, che equivalgono a un consumo pro capite di 29,5 litri, pari a -1% rispetto al 2011. E il calo delle vendite in Italia nei primi 6 mesi del 2013 (-3%), fa temere in una tendenza destinata ancora a scendere.Nel 2012 il consumo medio pro capite di birra UE (più Svizzera e Norvegia) è sceso a 71,5 litri (-4,2%), con decrementi più o meno accentuati in tutti i maggiori Paesi consumatori (Repubblica Ceca 144, Austria 107,8, Germania 105, Irlanda 85,6, Lussemburgo 85, Belgio 74, Gran Bretagna 68,5). L’Italia, pur mantenendo l’ultimo posto nella classifica dei consumi, ha ridotto comunque per il quarto anno consecutivo il proprio gap rispetto alla media UE. Anche se – va sempre ricordato – rimane dalle 3 alle 5 volte inferiore a quello dei Paesi in testa alla graduatoria, e al di sotto di Paesi a noi vicini, quali Spagna, Portogallo, Grecia e Francia.

 

I consumi “fuori casa” ai minimi degli ultimi 9 anni

Fa riflettere il calo delle vendite “fuori casa”: l’on trade nel 2012 si ferma al 41% del venduto, ossia ai minimi storici dal 2005 a oggi (nel 2011 era al 41,8%). Di contro, sale (59%) la percentuale di birra consumata in casa, un fenomeno legato alla diminuzione del potere d’acquisto che riduce i consumi “fuori casa” a favore di quelli domestici. Se si analizzano i dati di vendita le tipologie di birra più vendute sono in leggero calo: le Main Stream scendono a 46,9% del mercato (-1,1%) e le Premium si fermano a 30,3% (-7%). Di contro aumentano le Specialità (+4,6%) che arrivano al 13,4% del totale venduto. Sale di quasi il 50% il consumo di birre Private Label (6,4%), mentre restano in sostanziale equilibrio le birre Economy (2,2%) e Analcoliche (0,6%).

 

Databank grossisti Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web Cash & Carry Ingrosso Bevande Gruppi

 

Accise e Iva gravano sul prodotto il 30% in più rispetto al passato

Nonostante occupazione in crescita e una situazione di mercato sostanzialmente stagnante, sono accise e aumento dell’Iva due dei punti critici con cui il settore birrario deve confrontarsi. “Solo negli ultimi 7 anni, c’è stato un aumento della pressione fiscale sulla birra di circa il 30% – commenta Frausin. Nel 2006 il prezzo medio di fabbrica di un 1 litro di birra chiara era pari a 1,10 euro, oggi il costo è salito a 1,40 euro. Tenuto conto della nuova IVA al 21% e delle accise che già gravano sulla birra, l’Italia si attesta tra i Paesi produttori con la pressione fiscale più alta in Europa”. Oggi, quando si compra una bottiglia di birra da 66 cl, al prezzo medio di 1 euro, 40 centesimi sono di tasse, insomma più di 1 sorso di birra su 3 va a finire al fisco. Se il Regno Unito registra una pressione estremamente elevata all’Italia non va meglio. Il nostro Paese somma all’IVA al 21% accise pari a 28,2 euro, ponendoci in linea con Olanda e Francia. In Europa restano molti i Paesi con parametri inferiori ai nostri, come nel caso della Germania, della Spagna, del Belgio, dell’Austria e della Polonia. Una situazione diversa rispetto a quella che si trovano ad affrontare altre bevande alcoliche come ad esempio il vino, che in Italia non è soggetto ad accise. In quei Paesi dove il vino non è tassato la birra si trova a dover sostenere una tassazione di gran lunga inferiore rispetto a quella italiana (vedi Portogallo, Romania, Ungheria, Spagna, Germania, Austria, Repubblica Ceca, Cipro, Malta, Bulgaria, Slovacchia, Svizzera).

La birra italiana, oltre ad essere prodotta, laddove possibile, con materie prime nazionali (sono oltre 629mila le tonnellate di malto prodotte nel 2011) e senza alcun sostegno finanziario da parte dello Stato, contribuisce già oggi in termini di entrate per lo stesso Stato con una somma complessiva superiore ai 4 miliardi di euro annui (tra Iva, accise, tasse, contributi sociali di aziende/lavoratori e tasse pagate dagli altri settori coinvolti a vario titolo). Il solo ritorno derivante delle accise nel 2012 corrisponde a 484 milioni di euro (in crescita del +4,3% rispetto ai 464 milioni di euro del 2011). Infine, il comparto della birra incide sugli altri settori per un cifra stimata da Ernst & Young nel 2010 in 1,137 miliardi di euro destinata all’approvvigionamento di beni e servizi. Di questi, ben 936 milioni di euro vengono investiti dal settore birrario in Italia. I settori che in Italia beneficiano più di tutti dalla produzione della birra sono quelli dell’agricoltura (per un totale di 82 milioni di euro), l’industria del packaging (396 milioni di euro) e i servizi (153 milioni).

 

AssoBirra a favore del divieto assoluto per minorenni

Nel 2012 e nei primi mesi del 2013 AssoBirra ha mantenuto costante l’impegno sul fronte del consumo responsabile. E’ stata lanciata la seconda edizione della Campagna “Se aspetti un bambino l’acol può attendere” (dedicato alle donne in gravidanza e a quelle che stanno provando ad avere un bambino) ed è stato inaugurato il “Guida Tu la Vita. O Bevi O Guidi Experience Tour”, che è partito da Torino e ha raggiunto Genova, Verona e Rimini. Dopo l’estate il tour ripartirà con le tappe di Roma, Salerno e Lecce, con l’obiettivo di mostrare ai ragazzi i rischi che si corrono a guidare dopo aver bevuto. “Oltre a queste importanti campagne – spiega Frausin – ci tengo anche a sottolineare l’impegno del settore birrario a sostegno della normativa che prevede il divieto di somministrazione di alcolici agli under 18. Per noi produttori il tema del consumo responsabile è un fattore fondamentale della nostra attività, ci teniamo a lanciare un messaggio chiaro: quello che vogliamo è un consumatore maggiorenne e consapevole”.

 

IL SETTORE DELLA BIRRA IN ITALIA

  • 13.482.000 ettolitri prodotti in Italia nel 2012
  • 1.990.000 ettolitri esportati nel 2012
  • 17.636.000 ettolitri di birra commercializzati in Italia nel 2012 (-0,4%)
  • Oltre 144.000 posti di lavoro complessivi, fra diretti, indiretti e indotto allargato
  • Oltre 500 unità produttive, fra impianti industriali (14), malterie (2) e micro birrifici (oltre 500)
  • Oltre € 4.000.000.000 di entrate annue per lo Stato (tra Iva, accise, contributi, ecc.)
  • € 484.000.000 di sole accise incassate dallo Stato italiano (+4,3% sul 2011)
  • € 1.000.000.000 investiti ogni anno in Italia nell’acquisto di beni e servizi
  • 29,5 (-1%) litri di birra procapite bevuti in Italia nel 2012 (variazione su 2011)
  • 71,5 (-4,2%) litri di birra procapite bevuti in Europa nel 2012 (variazione su 2011)
  • 41% birra venduta in Italia nel mercato “fuori casa”
  • 59% birra distribuita in Italia nella GDO e nell’alimentare tradizionale

+ info . Ufficio stampa AssoBirra INC – Istituto Nazionale per la Comunicazione Matteo de Angelis 06.44160834 – 334.6788708 – m.deangelis@inc-comunicazione.it Simone Silvi 06.44160881 – 347.5967201 – s.silvi@inc-comunicazione.it

www.assobirra.it

 

 

+ COMMENTI (0)

Grappe Castagnner provale tutte

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Assobirra Italiano Mercato Mercato Birra Birra

Tags/Argomenti: ,

Annuario Birra Birritalia beverfood

ARTICOLI COLLEGATI:

Mercato Birra Italia: importazioni & esportazioni

Mercato Birra Italia: importazioni & esportazioni

27/10/2019 - Secondo Assobirra nel 2018 le esportazioni sono cresciute del +6,6% (3.045 milioni di ettolitri) segnando un ulteriore record. Anche in questo caso, l’incremento è sensib...

Pasta & Birra: gli abbinamenti ideali con le varie tipologie di birre

Pasta & Birra: gli abbinamenti ideali con le varie tipologie di birre

23/10/2019 - Birra e pasta: cosa hanno in comune questi due prodotti? Entrambi  sono eccellenze dell’industria alimentare italiana che i nostri connazionali apprezzano e consumano sem...

Nuovo annuario Birritalia 2019-2020: l’informatutto sul mondo della birra

Nuovo annuario Birritalia 2019-2020: l’informatutto sul mondo della birra

17/10/2019 - Beverfood.com Edizioni ha pubblicato il nuovo annuario settoriale BIRRITALIA 2019-20 che, con 348 pagine ricche di dati, immagini e informazioni sui birrai e le birrerie,...

AssoBirra Monitor: i consumi italiani di birra crescono anche nel primo semestre del 2019

AssoBirra Monitor: i consumi italiani di birra crescono anche nel primo semestre del 2019

01/08/2019 - Secondo AssoBirra Monitor, il report quadrimestrale delle vendite registrate dalle imprese aderenti all'associazione, le vendite di birra nei primi sei mesi dell'anno son...

Il quadro competitivo nel settore birraio internazionale

Il quadro competitivo nel settore birraio internazionale

30/07/2019 - Nel mondo operano diverse migliaia di birrifici sparsi in tutti i continenti, tra cui moltissimi di piccola dimensione (microbirrifici). E tuttavia i grandi gruppi, con p...

Benoit Bronckart nuovo Amministratore Delegato di AB InBev Italia

Benoit Bronckart nuovo Amministratore Delegato di AB InBev Italia

25/07/2019 - Anheuser-Busch InBev (AB InBev), leader al mondo nella produzione e commercializzazione della birra, con brand quali Corona, Beck’s, Leffe e Stella Artois, ha nominato Be...

Il mercato della birra in Francia nel 2018: oltre 1.600 birrifici

Il mercato della birra in Francia nel 2018: oltre 1.600 birrifici

22/07/2019 - Il mercato francese della birra conferma il suo dinamismo nel 2018 grazie all'innovazione.  La Francia è il 3° più grande paese europeo in termini di birrifici con 1600 b...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

19 + otto =