Pinterest LinkedIn

Il gruppo veneto ha realizzato nel 2014 un fatturato di 781 milioni di euro e un Mol di 64 milioni. Il 90% del fatturato è realizzato all’estero con marchi come Puccino’s in Gran Bretagna, Bon Café in Estremo Oriente, Chock full o’Nuts, Hill Bros e Kauai negli Usa, Meira in Finlandia. Il gruppo gestisce anche oltre 400 caffetterie e la produzione di macchine per caffè.

villa-zanetti

Gli Stati Uniti, con 356 milioni di giro d’affari annuo, risulta il mercato n. 1 a mondo. Il secondo mercato per MZBG è la Francia (84 milioni) e poi arriva l’Italia dove con il brand Segafredo, prodotto nella torrefazione di Bologna, fattura intorno ai 72 milioni. Il gruppo conta su 18 stabilimenti e controlla anche delle piantagioni di caffè e una diversificata attività di trading. Recentemente il gruppo guidato da Massimo Zanetti ha acquisito per 85 milioni di dollari Boncafé Group, big nella torrefazione e commercializzazione di caffè “gourmet” nelle aree del Sud est asiatico e del Middle east. In un sol colpo Zanetti-Segafredo ha rafforzato la presenza in Indonesia, Vietnam, Cambogia, Singapore, Tailandia, Malesia, Hong Kong ed Emirati. L’operazione ha comportato anche l’acquisizione degli stabilimenti di torrefazione Boncafé in Tailandia, Singapore e Malesia. A cui pochi mesi fa ha unito un nuovo stabilimento in Vietnam.

 

Databank torrefatori torrefazioni caffè Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

 

Forte di questi risultati, la Massimo Zanetti Beverage Group (MZBG) si appresta a collocare dal 18 al 28 maggio tramite offerta pubblica di vendita e sottoscrizione (Opvs) una parte significativa delle proprie azioni. Ci sarà un aumento di capitale fino a circa 150 milioni per assorbire risorse chiave e continuare lo shopping. L’azionista metterà poi a disposizione per la vendita una quota di azioni. Il flottante sarà del 30% e potrà salire con la greenshoe. La novità è che al listino approderà un gruppo più snello rispetto a solo un anno fa. Sono state scorporate le attività di acquisto e gestione della materia prima, condizionate alla fluttuazioni dei prezzi e quindi più incerte agli occhi degli investitori . L’operazione ha fatto scendere i debiti netti a 210 milioni, incluso il costo dell’acquisizione di Bon Café. L’azienda continuerà a investire sul mercato delle capsule e la quotazione servirà poi per accedere a tutti gli strumenti offerti dal mercato.

 

Fonte: www.corriere.it/economia/15_maggio_15/segafredo-tazzina-caffe-arriva-piazza-affari-5ac2c4c4-faf0-11e4-92e0-2199ef8c8ae2.shtml

 

No.3 London Dry Gin - nuova bottiglia disponibile da Marzo 2020 - esclusiva di Pallini

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Annuario Coffitalia Beverfood Caffè Italia torrefazionii aziende indirizzi

Scrivi un commento

2 + 19 =