Pinterest LinkedIn

Proseguono a pieno ritmo e secondo i tempi stabiliti i lavori di Cantina di Soave, i quali vedranno il completamento nel 2018 e prevedono l’ampliamento e la totale riorganizzazione della sede principale di Viale della Vittoria, a Soave. Interventi significativi hanno interessato anche gli altri siti produttivi aziendali, in particolare è stata completamente rinnovata l’area di conferimento uve e vinificazione della cantina di Cazzano di Tramigna, in zona Valpolicella DOC.

 

 

Per quanto riguarda invece nello specifico il quartier generale di Viale della Vittoria, l’intervento si estende su una superficie di oltre 11 ettari e interessa la sede in maniera trasversale, a partire dalla fase di conferimento uve per arrivare all’imbottigliamento, allo stoccaggio, alla logistica, agli uffici amministrativi.

Scendendo nel dettaglio della parte produttiva, il nuovo impianto, una volta realizzato, permetterà alla Cantina di realizzare circa 80 milioni di bottiglie l’anno, vale a dire tra il 50 e il 60% dell’intera produzione conferita dai soci viticoltori, in altre parole quasi tre volte l’imbottigliato attuale. Il fine è quello di portare avanti lo sviluppo commerciale, con particolare attenzione al mercato estero, proseguendo il percorso virtuoso che ha portato Cantina di Soave ad essere presente con i propri vini in più di 60 Paesi. L’investimento previsto è uno dei più rilevanti del nostro settore produttivo nel panorama nazionale dell’ultimo decennio: questo primo stralcio di lavori prevede lo stanziamento di 75 milioni di euro. La lungimiranza nella gestione aziendale degli ultimi anni ha previsto accantonamenti importanti al fine di garantire alla Cantina la liquidità necessaria al progetto. L’importo sarà infatti autofinanziato, dato che, allo stato attuale non esiste nessun tipo di contributo per questo genere di opere.

Uno sviluppo sostenibile

 

È doveroso considerare come questo ambizioso progetto sia tutt’altro che fine a se stesso, ma abbracci tutto il territorio circostante con molte ricadute positive sulla comunità. Sono infatti importanti anche gli investimenti in opere pubbliche, oltre 7 milioni di euro, di cui potranno beneficiare tutti e che interesseranno principalmente la viabilità e il verde.
L’ampliamento della sede principale vedrà non solo un rinnovamento della struttura sotto il profilo tecnologico, ma anche un totale riassetto dei flussi generati dalla stessa attività produttiva. Attualmente l’accesso avviene unicamente attraverso l’ingresso di Viale della Vittoria che rappresenta il principale ingresso al centro urbano, con inevitabili ripercussioni sulla congestione delle vie di comunicazione.
Cantina di Soave ha fortemente voluto alleggerire l’accesso al paese, dirottando il traffico dei mezzi pesanti sulla nuova circonvallazione SP37 Strada dei Ciliegi, contribuendo così a migliorare la qualità della vita di chi vive e frequenta abitualmente questa zona. L’intento è quello di modificare positivamente la percezione del paesaggio all’interno del paese, significative in tal senso sono anche le opere che riguardano il verde pubblico. La collocazione delle aree verdi e degli annessi parcheggi è stata infatti studiata al fine di riqualificare tutto il fronte est della Cantina, migliorando così l’impatto visivo di chi accede al centro urbano.
Verranno create inoltre delle superfici verdi, sia orizzontali che verticali, all’interno del perimetro della sede di Viale della Vittoria, le quali avranno il compito di influire positivamente sulla qualità dell’aria e dell’ambiente, riducendo la riverberazione dei raggi solari e intervenendo sul microclima.

 

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

 

L’attenzione per l’ambiente

 

Significativi gli accorgimenti finalizzati al risparmio energetico: tutti i nuovi edifici, infatti, e quelli preesistenti, verranno dotati di un cappotto esterno che garantirà una migliore prestazione energetica e una riclassificazione dell’intero complesso in classe A.

La copertura verrà completamente coibentata e, su parte di questa, verranno montati 437 pannelli fotovoltaici, pari ad una superficie di 717 mq, i quali garantiranno la produzione di energia rinnovabile utile al funzionamento del magazzino meccanizzato.

Inoltre è stato studiato un nuovo sistema per la gestione delle acque meteoriche. Le acque dei tetti verranno convogliate in apposite “vasche di calma” e poi rilasciate nel sottosuolo attraverso delle trincee drenanti. Ciò fa sì che l’acqua piovana pulita venga introdotta nel terreno, e quindi nelle falde acquifere, e non venga dispersa nella fognatura. Lo stesso accadrà per le acque del piazzale-parcheggio, le quali confluiranno nelle medesime trincee dopo essere state decontaminate da opportuni disoleatori, i quali avranno il compito di rimuovere eventuali residui di idrocarburi e altre sostanze che potrebbero inficiare la qualità dell’acqua.

«Non esiste progresso senza attenzione per l’ambiente – spiega Bruno Trentini, Direttore Generale di Cantina di Soave – da questa consapevolezza deriva l’impegno profuso per la tutela e la salvaguardia dello stesso. Gli imponenti lavori di ampliamento che interessano la sede principale di Viale della Vittoria, a Soave, sono stati tutti pianificati in ottica green, a riprova di come la Cantina sia attenta al proprio territorio e alla comunità».

 

+INFO: www.cantinasoave.it

Maddalena Peruzzi
Ufficio Stampa e Comunicazione
Cantina di Soave
+39 045 6191250 / +39 345 8930961
maddalena.peruzzi@cantinasoave.it

 

Scheda e news: Cantina di Soave S.A.C.


No.3 London Dry Gin - nuova bottiglia disponibile da Marzo 2020 - esclusiva di Pallini

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

dodici − otto =