Mariapia De Nicola
| Categoria Notizie Vino | 674 letture

Castellinaldo Barbera d’Alba, ottima sinergia con la ristorazione

Ottima Barbera D'alba Sinergia Castellinaldo Barbera Ristorazione Alba Vini Piemonte

Ristorazione Alba Ottima Castellinaldo Barbera Barbera D'alba Sinergia Vini Piemonte

Se ancora ce ne fosse stato bisogno, anche il Castellinaldo Barbera d’Alba ha ribadito che la ristorazione è il partner ideale per i vini di Langa e Roero. La conferma è venuta dall’iniziativa “Le Tavole del Castellinaldo”, che ha portato i nove attuali produttori di questa speciale Barbera d’Alba a confrontarsi per un mese intero con i commensali di dieci ristoranti della zona di produzione con un’ulteriore digressione anche nella città di Alba.

 

 

In tale ambito, ristoratori e commensali hanno preso in fretta confidenza con la piccola “Carta dei Castellinaldo” ideata per l’occasione e, poco per volta, hanno decretato il pieno successo dell’evento e, di conseguenza, del vino promozionato.

Protagonisti dell’iniziativa sono stati innanzitutto i nove produttori che attualmente dedicano la loro attenzione al Castellinaldo Barbera d’Alba, tutti del paese di Castellinaldo d’Alba, vale a dire Cascina del Pozzo, Cascina Torniero, Cravanzola, La Granera, Marchisio Family, Marsaglia, Morra Stefanino, Selezione Teo Costa e Vielmin.

 

Wine Marketing Agra
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice

 

Altrettanto importante è stato il ruolo svolto dai locali che hanno aderito all’evento: La Trattoria degli Amici e il Ristorante Mongalletto di Castellinaldo d’Alba, dove si è poi svolto anche la serata conclusiva il 1° e il 2 dicembre dedicata agli appassionati di vino e cucina di qualità. A loro si sono accompagnati Il Centro di Priocca, Io e Luna di Guarene, Trattoria Bric e l’Ostu di Dijun di Castagnito, Fuori Tempo di Canale, Di Vin Roero di Vezza d’Alba, Stefano Paganini alla Corte degli Alfieri di Magliano Alfieri e l’Osteria Lalibera di Alba.

Comprese le due serate conclusive, denominate “Il Castellinaldo a Convivio” e dedicate a quegli appassionati che da più tempo condividono la piacevolezza del Castellinaldo Barbera d’Alba, sono state complessivamente stappate e sbicchierate oltre 700 bottiglie di questo vino, confermando da un lato la qualità del prodotto e dall’altra i suoi particolari caratteri, che lo rendono adatto sia a un consumo nei primi anni dalla produzione sia dopo un affinamento più prolungato.

 

 

Le prospettive future

Sulla base delle conferme venute da queste attività promozionali, si aprono interessanti prospettive per questo vino, i suoi produttori e le dinamiche di sinergia all’interno del territorio.

Oggi, “Castellinaldo” è un marchio collettivo che consente una gestione preliminare della produzione, ma per i prossimi anni s’intravvedono interessanti sviluppi, che potrebbero ulteriormente qualificare il prodotto e la sua zona di origine.

Al riguardo, ricordiamo che dal 2016 la zona di origine di questo vino, in base al regolamento del marchio collettivo, coinvolge anche numerose colline dei comuni limitrofi (Vezza d’Alba, Guarene, Castagnito, Canale, Priocca e Magliano Alfieri), quelle che hanno rivelato caratteristiche simili per struttura dei terreni e tradizione produttiva.

Pertanto, la schiera dei produttori del Castellinaldo si potrebbe presto ampliare anche ad aziende dei territori limitrofi, favorendo un’ulteriore presenza del prodotto sul mercato e nel consumo.

 

Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice

 

Contatti stampa:
Studio Montaldo Snc
Tel. 0173.213520
giancarlo@studiomontaldo.it

+ COMMENTI (0)

Recoaro Bio: quando la purezza del bio incontra il lato ribelle del frizzante

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Castellinaldo Barbera Ottima Sinergia Barbera D'alba Vini Piemonte Ristorazione Alba


ARTICOLI COLLEGATI:

Albugnano 549, l’alto Nebbiolo del Monferrato

Albugnano 549, l’alto Nebbiolo del Monferrato

02/11/2018 - Che il Piemonte sia una terra di eccellenze è ormai arcinoto. E finalmente si inizia a parlare di questa regione come brand, una grande, enorme scatola cinese in cui non ...

Un dolcetto longevo e di carattere esiste, si chiama Ovada

Un dolcetto longevo e di carattere esiste, si chiama Ovada

08/10/2018 - Ci sono colline di confine in Piemonte in cui un’uva pura e d’animo quotidiano diventa una regina incontrastata. È il dolcetto. Protagonista delle tavole - certo - e dell...

I Colli Tortonesi si arricchiscono (ancora) con un nuovo protagonista, Vigneti Repetto

I Colli Tortonesi si arricchiscono (ancora) con un nuovo protagonista, Vigneti Repetto

30/10/2018 - Arriva sempre, nella vita di tutti, il tempo della “seconda navigazione”. Quando cala il vento a far muovere la nave ci pensano i remi. Ci si spinge al confronto con le p...

“CHE GRANA… IL GRIGNOLINO!”: alla riscoperta di uno storico vino piemontese

“CHE GRANA… IL GRIGNOLINO!”: alla riscoperta di uno storico vino piemontese

20/07/2016 - Al via la terza edizione dell’evento che si propone di contribuire a promuovere e divulgare la conoscenza del vino Grignolino. Il Comune di Grana ospita la manifestazione...

I vini piemontesi di Fabrizio Cravanzola conquistano anche i Francesi

I vini piemontesi di Fabrizio Cravanzola conquistano anche i Francesi

15/11/2017 - Se vendere vino ai Francesi potrebbe equivalere a vendere ghiaccio agli Esquimesi allora Fabrizio Cravanzola è uno di quelli che sono capaci di farlo. Titolare, insieme a...

Espressione Barbaresco, buona la prima!

Espressione Barbaresco, buona la prima!

06/05/2019 - Di norma uno cerca di esser sempre razionale e non troppo “fuori dai fogli” ma Espressione Barbaresco, il primo evento realizzato dall’Enoteca Regionale del Barbaresco, n...

Terroir in purezza: l’Alto Piemonte scalda Milano

Terroir in purezza: l’Alto Piemonte scalda Milano

28/02/2017 - Ci sono delle denominazioni che i sommelier sono abituati a leggere sui manuali. Altre che vengono imparate a memoria, con i vignaioli conosciuti talmente bene che i wine...

Giorgio Rossi Cairo acquisisce nelle Langhe la Cascina Cucco di Serralunga

Giorgio Rossi Cairo acquisisce nelle Langhe la Cascina Cucco di Serralunga

26/01/2015 - La famiglia Rossi Cairo ha rilevato la Cascina Cucco di Serralunga d’Alba, nel cuore delle Langhe. Dodici ettari complessivi, per una produzione di Barolo, Dolcetto d’Alb...

Grandi Langhe 2019: annate, uomini e novità

Grandi Langhe 2019: annate, uomini e novità

04/02/2019 - La chiamano la provincia Granda, e non è un caso che l’evento clou del vino in zona si chiami Grandi Langhe. La prima reunion albese dell’anno, con la scelta di anticipar...

Al via il nuovo disciplinare del NIZZA DOCG. La super Barbera punta al milione di bottiglie

Al via il nuovo disciplinare del NIZZA DOCG. La super Barbera punta al milione di bottiglie

30/12/2013 - È nato il nuovo Nizza docg. Lo ha deciso ieri l’Assemblea dei soci del Consorzio dei Vini d’Asti e Monferrato che ha approvato all’unanimità il rinnovato disciplinare del...

Grand Taste dell’Alto Piemonte: un mosaico dove il Nebbiolo è protagonista

Grand Taste dell’Alto Piemonte: un mosaico dove il Nebbiolo è protagonista

03/04/2018 - “Natura è mistero alla luce del giorno, non permettete che il velo le sia tolto”. Queste le parole di Johann Wolfgang Goethe. Il vino e la sua natura son mistero e fascin...

Viaggio a Gavi, l’isola bianca del Piemonte

Viaggio a Gavi, l’isola bianca del Piemonte

03/11/2016 - L’alter ego bianco del Barolo. Questo è l’obiettivo del Gavi, storico bianco a base di uva Cortese che mira a diventare il vino bianco di riferimento del territorio piemo...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

15 − 10 =