Pinterest LinkedIn

© Riproduzione riservata

Si festeggia oggi lo Champagne Day 2022, appuntamento globale per brindare insieme e celebrare il mito delle bollicine più famose del mondo che radunano la comunità mondiale degli appassionati, in fisico e virtuale. Un evento nato nel 2009, lo Champagne Day cade il quarto venerdì di ottobre di ogni anno e sono davvero molteplici i modi per partecipare a questa giornata. Un cin cin romantica a cena, una ricorrenza organizzata in famiglia o con gli amici. Tanti anche gli eventi organizzati da ristoranti, enoteche e wine bar, alcuni dei quali possono essere selezionati sul sito ufficiale che il Comité Champagne ha dedicato alla giornata champagneday.champagne.fr/it/). Immancabile come sempre anche la presenza sui social al grido #ChampagneDay, l’hashtag per condividere la propria esperienza, noi di Beverfood.com vi vogliamo dare sette chicche tutte da assaggiare.

 

Confidences 2009 Maison Chassenay d’Arce

Uno champagne nuovo nel catalogo di Meregalli, uno dei distributori che importa bollicine di qualità. Blend a maggioranza di Pinot Noir, con aggiunta di Pinot Blanc e Chardonnay, riposa sui lieviti 9 anni maturando una personalità piena di sfaccettature, una bottiglia di grande impatto. Una cuvée che mette in evidenza il lavoro perfezionista e minuzioso di diverse generazioni di viticoltori. Le uve provenienti da vecchie vigne rilasciano succhi più densi e ricchi, preservando la finezza caratteristica del terroir della valle dell’Arce. Elaborato con la vendemmia 2009, il vino presenta un’intensità e una concentrazione portate ai loro più alti livelli. Oggi giunta nella sua pienezza, la cuvée Confidences evita tuttavia ogni ostentazione e la sua potenza resta civilizzata.

 

Champagne Fut de Chene 2000 Collection Henri Giraud

Lo Champagne che evolve nel tempo, per chi vuole aspettare. Il Fut de Chene 2000 Collection è la sboccatura tardiva, dopo quasi 20 anni di affinamento sui lieviti, del classico Champagne di Henri Giraud. Il Fut de Chene è stato prodotto millesimo dal 1990 al 2000 e, dopo il 2000, la cuvée millesimata è stata rinominata Argonne ed è nato il Fut de Chene MV. Lo Champagne è stato degorgiato nel 2020, dopo quasi 20 anni di affinamento in bottiglia. Annata 2000, inizialmente difficile in Champagne con grandine, pioggia e temperature sotto la media fino a fine luglio, mentre per fortuna agosto e settembre, con condizioni secche e soleggiate, hanno portato a maturazione le uve. In Italia con Ghilardi Selezioni.

Champagne Street Art Teo KayKay NFT

Gli Champagne di Pellegrini S.p.A. si mescolano con la street art. Bottiglie grande formato degli otto produttori distribuiti ufficialmente in Italia dall’azienda bergamasca che diventano delle vere e proprie opere d’arte: Jacquesson, Agrapart, Guiborat, Veuve Fourny, Pouillon, Francis Orban, Jean Velut, Rémi Leroy. Le esclusive creazioni, firmate dal milanese Teo KayKay, primo artista al mondo ad aver applicato la tecnica dei graffiti allo Champagne, sono state presentate durante Modena Champagne Experience e anticipano l’arrivo sul mercato di bottiglie ancora più esclusive: la Pellegrini Collectors Edition, bottiglie da collezione presto disponibili e certificate con tecnologia blockchain e NFT.

Champagne Cuvée n°21 Collet

La cooperativa più antica dello Champagne, dove è anche possibile fare una bella visita a un museo dedciato, propone cuvée 21, per celebrare il centenario di Maison Collet. Affinamento di almeno 7 anni con un dosage di 6 g/l. Il colore è giallo dorato con riflessi brillanti, al naso esprime affascinanti aromi d’acacia, miele e burro fresco. Al palato ha una grande intensità e una grande eleganza. La Cuvée n°21 svela tutta la sua potenza in un pasto a base di risotti, capesante al tartufo o gamberoni, un prodotto nel catalogo di Onesti Group.

Champagne Brut Rosé Cuvée Théophile

Champagne Brut Rosé Cuvée ThéophileElaborato dalla Maison Louis Roederer riproduce fedelmente quello della Champagne “Théo”, che ha avuto il massimo splendore negli anni trenta quando le grandi Maison di Montparnasse si occupavano anche di opere d’arte. 1/3 Pinot Nero, 1/3 Chardonnay e 1/3 Meunier da vigne giovani, provenienti da Mareuil-sur- Ay. Un Brut Rosé elaborato partendo dalla Cuvée Théophile alla quale si aggiunge un 5-20% di vino rosso. 50% di fermentazione malolattica. Affina per due anni, seguiti da un riposo di almeno 6 mesi dopo la sboccatura, per raggiungere la maturazione perfetta. Il dosaggio è di 9,5 gr/l. Colore rosa arancio con riflessi salmone, effervescenza finissima e regolare che accompagna al naso profumi di frutti rossi, note di polline e più tipici di pane fresco, brioche, pan pepato e moka. In bocca è rotondo, fruttato e di bella ampiezza, con una struttura dolce e cremosa, in Italia con Sagna.

Champagne Blanc De Blancs Frerejean Frères

I ragazzi di Compagnia dei Caraibi hanno iniziato la loro avventura nel vino con lo Champagne Frerejean Frères. 100% Chardonnay da vigne Premier e Grand Cru della Cȏte des Blancs, dalle parcelle di Cramant, Avize & Grauves. Il 50% di questo Champagne è composto dall’assemblaggio dei vini del 2010, 2011 e 2012, che contribuiscono allo sviluppo di un’aromaticità generosa e complessa. Affina a lungo e viene sboccato tardivamente. Il Blanc de Blancs sviluppa aromi di agrumi, mango, frutto della passione, papaya, seguito sul palato da un’intensità bilanciata, mineralità e leggera acidità, donando struttura ed eleganza. Perfetto come aperitivo, per brindare allo Champagne Day.

Champagne Brut Reserve Billecart-Salmon

Champagne Brut Reserve Billecart-SalmonIn questi giorni Velier ha festeggiato i cinquant’anni di collaborazione con Billecart-Salmon, per questa occasione vi proponiamo il Brut Reserve, un assemblaggio immutato dal 1945, composto da uve 40% Pinot Meunier, 30% Pinot Noir, Chardonnay 30% provenienti da 28 comuni diversi. La Maison fa maturare il vino in bottiglia “sur lies” per almeno 30 mesi prima del dégorgement, in una rete ramificata ed estesa di cantine di gesso e risalenti al XVII e XIX secolo. La temperatura è costante, attorno ai 12°C, e qui le bottiglie di Brut Reserve restano a riposare per un periodo fino ai 5/6 anni per la bottiglia classica da 0,75, 8 anni per i grandi formati.

 

© Riproduzione riservata

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Banchedati excel csv contatti email aziende beverage e food

Scrivi un commento

5 × 5 =