Beverfood.com
| Categoria Notizie Distribuzione - Ristorazione | 5310 letture

CHI SONO E COSA BEVONO LE ITALIANE: L’INDAGINE REALIZZATA DA CDA SVELA I “RITUALI” DI CONSUMO AL FEMMINILE

Indagine Bevono Italia Realizzata Svela Rituali Consumo Femminile

Consumo Italia Realizzata Bevono Svela Rituali Indagine Femminile

Donne beato chi le capisce! Troppo spesso trascurate dal business delle bevande, chi sono e cosa bevono oggi le donne in Italia? CDA, Consorzio Distributori Alimentari presenta i risultati della prima ricerca italiana dedicata al tema del “bere al femminile”.Nasce così “L’evoluzione del beverage. Una prospettiva al femminile”, il libro realizzato da CDA – il più importante gruppo indipendente di distributori di bevande che da solo rappresenta oltre il 15% del mercato italiano della distribuzione di liquidi alimentari – partendo dai risultati dell’indagine realizzata dalla società milanese Lorien Consulting.


Copertina Annuario Bevitalia 09-10
“Da sempre, partendo dall’idea che si tratti di “mestiere” prevalentemente, se non addirittura esclusivamente maschile, la componente femminile delle aziende che fanno parte del mondo del beverage ed in particolare del canale Horeca (acronimo di Hotellerie, Restaurant e Café, che racchiude l’intero comparto dei consumi fuori casa) – spiega Lucio Roncoroni, Direttore Generale CDA – rappresenta un’opportunità alla quale è stato dedicato pochissimo spazio”.
Eppure oggi le risorse umane al femminile che operano all’interno delle aziende sono sempre di più e la loro presenza risulta quanto mai indispensabile in un futuro in cui proprio le donne avranno sempre più la possibilità di imprimere al mondo e alla società, una direzione più incline ai loro bisogni, alle loro opinioni, ai loro desideri.
“Proprio partendo da questa consapevolezza e dalla certezza che nel beverage nessuno avesse mai pensato ad “un’idea al femminile – continua Roncoroni – abbiamo voluto colmare questa lacuna, dedicando il biennio 2010/2011 ad una serie di progetti al femminile di cui questa ricerca vuole essere il punto di partenza”.

Annuario Birra Infobirra beverfoodLA RICERCA
Realizzata per CDA dalla Lorien Consulting di Milano nel corso dei primi mesi del 2010, su un campione di 800 donne, la ricerca fotografa in maniera quanto più possibile completa il mondo delle donne in Italia e il loro rapporto con il bere, cercando di andare al di là degli stereotipi e analizzandone gli aspetti principali e le abitudini diffuse. Oggi in Italia, le donne superano gli uomini di circa 1 milione e mezzo, con un’età media di circa 44 anni ed una speranza di vita di 84. Penalizzate a livello lavorativo sia per in termini di disoccupazione che di trattamento contrattuale, le donne italiane sono sempre più “mature”: se il 23% della popolazione femminili è tra i 15 e i 35 anni, infatti, oltre il 35% ha invece superato i 55 anni.
“Prima il dovere, poi il piacere” sembra essere il detto preferito delle italiane, con pulizie di casa (61,8%) e spesa (26,9%) ai primi posti tra le occupazioni svolte quotidianamente, mentre oltre il 60% cena fuori meno di una volta alla settimana, così come il 46% delle donne si dedica allo shopping (o anche solo ad osservare le vetrine) meno di una volta alla settimana.
Al primo posto tra le attività e gli interessi preferiti stare con la famiglia (oltre l’80%) e viaggiare (54,5%), se possibile sempre con la famiglia, mentre tra le meno gradite trionfano la politica, la lettura di quotidiani e la Tv.
Un posto speciale spetta invece al rapporto tra la donna e il bere. Le bevande, sempre meno bene complementare rispetto al cibo, sono oggi oggetto di attenta analisi da parte delle consumatrici, che analizzano le etichette, studiano provenienza, apporto calorico ed alcolicità. Scarica Ora!!! Guida beverfood Birre Oltre il 50% delle italiane rientra infatti nella categoria delle “salutiste moderate”, coloro cioè che riescono a conciliare l’attenzione a ciò che mangiano e bevono, pur senza stravolgere le proprie abitudini.
L’acqua, quella naturale in particolare, risulta la “bevanda donna” per eccellenza: l’80% associa infatti proprio l’acqua alla parola bere. Preferita dal 72% delle intervistate, è seguita nell’ordine delle preferenze femminili da caffè (28,6%), acqua gassata (20,3%), succhi di frutta (20%), the e tisane (11,4%). Agli ultimi posti in fatto di gradimento troviamo invece gli alcolici: liquori, cocktail, vino e birra.
Ma l’analisi non si ferma qui. Se è vero che per le donne il bere non è solo “semplice dissetarsi”, ma è momento di vita e di socializzazione, la ricerca di CDA suddivide la popolazione femminile in 4 differenti categorie, individuate combinando due fattori chiave come la socievolezza e l’attenzione alla salute (cluster analysis):

– le attive socialmente rappresentano circa il 21% del totale. Hanno in genere tra i 18 e i 32 anni, escono con gli amici, frequentano locali, fanno aperitivi e serate, bevono alcolico ma leggero e sono informate sulle ultime tendenze. Tra le bevande preferite, le bibite gassate e i cocktail alcolici, che consumano nei locali come pub e discoteche;

– le edoniste sfiorano il 20%. Tra i 41 e i 50 anni, separate o divorziate, con titolo di studio elevato e ottimo livello professionale, amano cenare fuori, associando il bere al cibo. Prediligono vino, liquori e birra di qualità e partecipano a manifestazioni enogastronomiche e corsi. Per loro i luoghi del bere sono soprattutto enoteche e ristoranti;

– le attente sono invece il 20,6% del totale. Hanno in genere tra i 33 e i 50 anni e sono particolarmente informate su ciò che bevono, scegliendo perlopiù bevande naturali e salutari. Amano l’acqua gassata e i succhi di frutta e per loro il bere si concentra tra le mura domestiche e più saltuariamente al ristornate;

– le salutiste rappresentano la quota più elevata, quasi il 40% del totale. Tra i 33 e i 50, sposate con figli, attente alla casa, non bevono affatto alcolici e scelgono per sé e per le proprie famiglie solo bevande naturali. Le loro bevande sono l’acqua naturale e le bevande calde, da consumare in casa, in ufficio, in palestra…
Guida Bevande Frutta BeverfoodE in futuro invece cosa accadrà? La tendenza è quella a di un progressivo invecchiamento della popolazione, di un incremento degli stranieri e di una concentrazione dei giovani nelle città universitarie, fattori che porteranno quindi rispettivamente ad un maggiore salutismo o edonismo di qualità, all’introduzione di nuove abitudini e prodotti e alla nascita di nuovi luoghi chiave in fatti di mode e tendenze.
Il libro si conclude quindi con le storie di 8 donne, 8 volontarie appartenenti alle diverse categorie individuate, che hanno accettato di raccontarsi, descrivendo in particolare il proprio rapporto con il mondo del bere: Michela, Cecilia, Barbara, Debora, Susanna, Paola, Rossella e Sonia.
Ne emerge un quadro complesso, con importanti ed inaspettate curiosità. “Ciò che risulta particolarmente evidente – conclude Lucio Roncoroni – è la differenza tra l’universo dei consumi femminile e quello maschile, non tanto per ciò che si beve, ma per come si beve”. Nel caso delle donne in effetti sembrerebbe più opportuno parlare non tanto di consumi, quanto piuttosto di rituali di consumo al femminile: bere non significa solo dissetarsi, socializzare, trascorrere il tempo libero. L’atto del bere si carica invece di contenuti più profondi, bere è vivere emozioni, passioni, speranze e sogni, è l’affermazione del proprio essere donna. Fondamentale infine è l’aspetto della condivisione: bere fra donne infatti è molto meglio. Questo libro e l’indagine in esso contenuta, rappresentano per CDA non un punto d’arrivo, ma il punto di partenza per una serie di iniziative “al femminile”, che si snoderanno per tutto il 2011, dall’annuale convention del Consorzio alla realizzazione di incontri formativi più mirati, destinati a favorire un progressivo ampliamento del ruolo e della figura femminile all’interno del mercato del beverage. Da sempre particolarmente attento al ruolo delle risorse umane, all’importanza della formazione e della condivisione di momenti formativi in grado di fungere da collanti, il Consorzio ha dato vita sin dal 2005 al progetto “Professional Training Horeca”, un percorso formativo pensato per coinvolgere tutti i membri della filiera del beverage di cui anche quste iniziative faranno parte

Databank excel xls grossisti

+ INFO: Ufficio Stampa CDA RdP Strategia e Comunicazione Srl Tel. 02.74.90.794 – Fax 02.70.00.65.96
rdp@rdp.it; www.rdp.it

+ COMMENTI (0)

Recoaro Bio: quando la purezza del bio incontra il lato ribelle del frizzante

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Indagine Femminile Consumo Svela Italia Realizzata Bevono Rituali

Tags/Argomenti:

ARTICOLI COLLEGATI:

INDAGINE VINITALY: bianco o rosso? Attenti, la scelta del vino svela le vostre vere intenzioni

INDAGINE VINITALY: bianco o rosso? Attenti, la scelta del vino svela le vostre vere intenzioni

31/03/2015 - Bianco e rosso, per la cena? Fate attenzione, la scelta può svelare le vostre vere intenzioni! Il vino rosso infatti coinvolge la sfera emozionale, si beve nei momenti pi...

Vending: dimmi come ti muovi davanti al distributore automatico e ti dirò chi sei

Vending: dimmi come ti muovi davanti al distributore automatico e ti dirò chi sei

10/05/2018 - Esperimento dell'Università Politecnica delle Marche e CONFIDA (Associazione Italiana Distribuzione Automatica) sui comportamenti dei consumatori davanti alle vending mac...

BIRRE ITALIA: I CONSUMI PRO-CAPITE SI SONO PORTATI AD OLTRE 30 LITRI  – I RISULTATI DELL’INDAGINE MAKNO

BIRRE ITALIA: I CONSUMI PRO-CAPITE SI SONO PORTATI AD OLTRE 30 LITRI – I RISULTATI DELL’INDAGINE MAKNO

11/07/2007 - Secondo i dati dell'ultimo Report Annuale Assobirra (l‘associazione dei birrai italiani), i consumi totali di birra in Italia si sono portai a 17,8 milioni di ettolitri n...

Ricerca sui consumatori: 7 italiani su 10 controllano L’ORIGINE DEGLI ALIMENTI e privilegiano il Made in Italy

Ricerca sui consumatori: 7 italiani su 10 controllano L’ORIGINE DEGLI ALIMENTI e privilegiano il Made in Italy

24/09/2015 - Attenti alla provenienza dei prodotti, privilegiano il Made in Italy e controllano le informazioni sulla confezione per accertarsi della loro origine. Il 73% degli italia...

INDAGINE CONSUMI VINO: fuori casa il vino è donna – Il piacere di bere vino tra le mura di casa aumenta con l’età

INDAGINE CONSUMI VINO: fuori casa il vino è donna – Il piacere di bere vino tra le mura di casa aumenta con l’età

10/04/2013 - Quasi il 44% degli uomini consuma vino tutti i giorni, mentre poco più del 42% delle donne beve 3 volte alla settimana. Se però si scompone il campione per fasce di età o...

Il vino e i millennials: Nomisma e Verallia all’Università di Pollenzo

Il vino e i millennials: Nomisma e Verallia all’Università di Pollenzo

23/03/2017 - Il futuro dell’export del vino italiano negli USA passa dalla conquista dei consumatori Millennials. Scelgono il vino più per la notorietà del brand che per tipologia e p...

Indagine  ISMEA: più 9% nel 2011 per i consumi food & beverage bio in Italia

Indagine ISMEA: più 9% nel 2011 per i consumi food & beverage bio in Italia

08/05/2012 - È un bilancio più che soddisfacente quello che il 2011 ha riservato ai prodotti biologici in Italia. Dalle rilevazione Ismea-Gfk-Eurisko emerge un incremento della spesa...

Indagine AssoBirra – AstraRicerche: la birra in Italia è sempre più una bevanda da pasto

Indagine AssoBirra – AstraRicerche: la birra in Italia è sempre più una bevanda da pasto

25/10/2018 - Un italiano su due beve più birra di 5 anni fa e lo fa perché si abbina perfettamente ai pasti.  La tendenza di mercato emerge dall'indagine "Gli italiani e la birra" con...

UFFICIO STUDI MEDIOBANCA: INDAGINE SUL SETTORE VINICOLO IN ITALIA 2010-2011

UFFICIO STUDI MEDIOBANCA: INDAGINE SUL SETTORE VINICOLO IN ITALIA 2010-2011

16/07/2012 - Abstrat dalla prima parte della indagine sul settore vinicolo dell’Ufficio Studi Mediobanca pubblicata nel primo semestre 2012 dahttp://www.mbres.it - ufficio.studi@medio...

INDAGINE ADOC: SI RIDUCONO LE PRIMECOLAZIONI AL BAR

INDAGINE ADOC: SI RIDUCONO LE PRIMECOLAZIONI AL BAR

04/04/2011 - Prezzi in salita con aumenti ben oltre l'inflazione per la prima colazione al bar. Quest'anno per un caffè e un cornetto si arrivano a spendere quasi 2 euro, il 13,5% i...

Millennial e wine trend emergenti: USA, Italia e Giappone a confronto

Millennial e wine trend emergenti: USA, Italia e Giappone a confronto

15/03/2017 - Umberto Pasqua Presidente di Pasqua Vigneti e Cantine e l’Amministratore Delegato Riccardo Pasqua hanno presentato a Milano i risultati dell’indagine, appena conclusa, su...

Il mercato del caffè nei bar e pubblici esercizi in Italia nel 2011: ancora un calo a volume

Il mercato del caffè nei bar e pubblici esercizi in Italia nel 2011: ancora un calo a volume

13/07/2012 - nota di mercato a cura di Giandomenico De FrancoAmministratore Unico Competitive Data*info@compedata.comSOMMARIO. Nel 2011 le vendite di caffè torrefatto nel canale pubbl...

INDAGINE GFK-EURISKO: DUE MILIONI DI ITALIANI NON BEVONO ACQUA

INDAGINE GFK-EURISKO: DUE MILIONI DI ITALIANI NON BEVONO ACQUA

11/04/2011 - Da un’indagine su un campione di 800 persone rappresentativo della popolazione italiana, realizzata a gennaio 2011 da GfK Eurisko per incarico del Gruppo Sanpellegrino, e...

Indagine Global Corporate Citizenship Nielsen: i giovani sono consumatori socialmente consapevoli

Indagine Global Corporate Citizenship Nielsen: i giovani sono consumatori socialmente consapevoli

04/04/2012 - La metà dei consumatori sotto i 40 anni è disposta a pagare di più per prodotti e servizi di aziende socialmente responsabili Secondo un recente studio Nielsen, a livello...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

diciannove + sedici =