0
Pinterest LinkedIn

Si chiamerà “Emilia Wine” il nuovo polo del vino reggiano frutto dell’integrazione fra le tre storiche cantine sociali di Reggio Emilia, Arceto, Prato e La Nuova di Correggio. La nuova realtà, che è già operativa per la vendemmia in corso, associa oltre 700 produttori e concentra un terzo di tutta la produzione vitivinicola di Reggio Emilia, pari a 350.000 quintali di uve lavorate. “È una notizia di grande rilievo per il nostro territorio”, commentano con soddisfazione i responsabili agricoli delle due unioni provinciali di Confcooperative e Legacoop Alberto Lasagni e Luigi Tamburini. “Questa fusione è la risultante di una cultura sempre più orientata all’aggregazione che sta cambiando il volto della realtà agroalimentare cooperativa reggiana, attraverso concentrazioni fortemente orientate al mercato che hanno investito negli ultimi dieci anni sia il comparto vitivinicolo che il lattiero-caseario”.

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

Tutte le strutture delle tre cantine, che complessivamente fatturano 20 milioni di euro, resteranno in funzione. La lavorazione dei lambruschi verrà concentrata su Arceto, mentre per le altre due si punterà decisamente sul “rossissimo”, uno dei prodotti più richiesti dal mercato per arricchire naturalmente altri vini di grado e colore. Emilia Wine nasce dalla fusione di tre cantine, associate l’una a Legacoop (Prato), le altre a Confcooperative (Nuova di Correggio e Arceto, quest’ultima con doppia adesione). I Presidenti delle tre cantine sono Davide Frascari per Arceto, Italo Veneri per Nuova di Correggio e Renzo Zaldini per Prato. Nei prossimi mesi verrà nominato il Presidente della nuova struttura.

+info: UFFICIO STAMPA FEDAGRI – CONFCOOPERATIVE fiordellisi.a@confcooperative.it

No.3 London Dry Gin - nuova bottiglia disponibile da Marzo 2020 - esclusiva di Pallini

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

1 + 20 =