Pinterest LinkedIn

Champagne per brindare a un (re)incontro, sarebbe il caso di dire, per il lancio di Fleur de Miraval, lo Champagne rosé firmato dalla (ex) coppia Brad Pitt e Angelina Jolie. Se il gossip parla di una nuova fiamma per Brad Pitt, l’intesa in ambito vinicolo di quella che un tempo era una delle coppie più ammirate di Hollywood sembra andare a gonfie vele. Già in affari enoici con la famiglia Perrin con il marchio Miraval in Provenza, dal 15 ottobre lanceranno uno Champagne Rosé, con un nuovo progetto Fleur de Miraval, esclusivamente allo dedicato al Rosé.

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

Non si tratta secondo Brad Pitt che si è speso in prima persona nella creazione di questa avventura, di un nuovo vino delle celebrità, ma di un progetto vero che mette insieme esperienza, abilità e passione. L’idea nasce dall’unione delle due famiglie Pitt-Jolie e Perrin, che avevano già avvicinato il mondo del vino a quello delle arti con Miraval Côtes de Provence Rosé nel 2012 e la famiglia Péters con radici nello Champagne da sei generazioni, situata a Le Mesnil-sur-Oger dove produce Champagne dalle proprie uve dal 1919. Oggi Rodolphe Péters gestisce la tenuta di 50 acri, 40 dei quali sono vigneti Grand Cru principalmente intorno a Le Mesnil-sur-Oger nel Côte des Blancs. Uno Champagne venduto in circa 70 paesi in tutto il mondo, Rodolphe è da tempo un fan dei vini di Château de Beaucastel ed è vicino alla famiglia Perrin.

“Questo progetto è prima di tutto un’impresa artistica, perché produrre ottimi vini è una forma di creazione artistica”, spiega Famille Perrin. “Conosciamo Rodolphe Péters da tanti anni e come lui siamo appassionati dei grandi vini del mondo. Abbiamo voluto creare un tipo diverso di Champagne Rosé che unisse uve Chardonnay mature con uve Pinot Nero giovani”.

Un blend di uve Chardonnay di età diverse costituisce il 75% della cuvée finale Fleur de Miraval, il restante 25% proviene da giovani uve Pinot Nero, che conferiscono al vino il suo colore rosa tenue con note accese di ribes rosso e lampone rosso energizzano la delicata mineralità, salinità ed espressione iodata delle uve Chardonnay. Il vino viene quindi affinato sui lieviti nelle cantine di Le Mesnil-sur-Oger per tre anni sui lieviti prima di essere commercializzato, ogni bottiglia Fleur de Miraval è laccata in modo che il vino non sia mai esposto alla luce fino al giorno in cui la bottiglia viene aperta.

“Fleur de Miraval Rosé è il culmine di cinque anni di lavoro, ricerca e degustazione svolti nella massima segretezza”, aggiunge Rodolphe Péters. “È anche un vino molto esclusivo in quanto per questa prima edizione sono state prodotte solo 20.000 bottiglie”.

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

2 + quindici =