Carlo Carnevale
| Categoria Notizie Food | 1164 letture

Guida Michelin 2019: non c’è due ma c’è il tre… stelle per Uliassi!

Norbert Niederkofler Michelin Chef Cannavacciuolo Uliassi Mauro Uliassi Stelle Stelle Michelin Guida Michelin Guida

Mauro Uliassi Guida Michelin Uliassi Stelle Norbert Niederkofler Guida Chef Cannavacciuolo Michelin Stelle Michelin

A cura di

© Riproduzione riservata

C’è stato tutto quello che ci si poteva aspettare. L’attesa trepidante, la sorpresa, le novità, le riconferme. Addirittura c’è stata una mancanza in realtà così evidente da essere palpabile, di pari passo con un trionfo. La Guida Michelin 2019, svelata da poco all’Auditorium Paganini di Parma, porta con sé una ventata di freschezza premiando numerosi under 35, ma soprattutto il riconoscimento più ambito, forse a sorpresa: le tre stelle.

Ad aggiudicarsele è lo chef Mauro Uliassi, dell’omonimo ristorante di Senigallia, nelle Marche. Aperto nel 1990, Uliassi si staglia sul molo di Senigallia, e fa del pesce l’ingrediente principe del proprio menu, senza trascurare la selvaggina, fondendo tecniche moderne con ispirazione tradizionale. Un prodotto in continuo movimento, portato a un livello superiore grazie alla collocazione a ridosso della spiaggia, alla sala elegante e la  cucina elaborata ed estrosa. Per il secondo anno consecutivo viene quindi attribuito il titolo più importante, dopo che nel 2018 era andato al St. Hubertus del Rosa Alpina di Norbert Niederkofler, a San Cassiano (BZ); sono adesso dieci i tristellati italiani, portando il Belpaese al secondo posto delle nazioni più premiate, con l’8% delle Tre Stelle mondiali.

Mauro Uliassi premiato con le Tre Stelle Michelin

Nessun nuovo due stelle, nessuna novità su Milano. L’intera cerimonia, supervisionata da Gwendal Poullennec, il nuovo direttore internazionale di tutte le guide Michelin (sono 30, dall’Europa all’Oriente agli USA) si è svolta all’insegna dell’emozione, considerando quanto poco, in generale, ci si aspettasse che Uliassi potesse ricevere le tre stelle. Incetta di riconoscimenti per il sud, con Puglia (Floriano Pellegrino del Bros di Lecce e Domingo Schingaro ai Due Camini di Borgo Ignazia, entrambi novità) e Campania (Angelo Carannante al Caracol di Bacoli e Misuriello alla Locanda Severino di Caggiano) sugli scudi. Alessandro Ingiulla di Sàpio a Catania è il più giovane chef della Guida, premiato anche Vitantonio Lombardo a Matera.

Conferme per i big: un ulteriore trionfo per Enrico Bartolini, che si conferma lo chef più stellato d’Italia (6 stelle suddivise su 5 ristoranti) grazie alla nuova stella conquistata nel suo nuovo locale La Locanda del Sant’Uffizio a Cioccaro, gestita dallo chef Gabriele Boffa. Antonino Cannavacciuolo rimane al top, ottenendo una nuova stella per ciascuno dei suoi Bistrot: a Novara con chef  Vincenzo Manicone, e a Torino con chef Nicola Somma. Perdono la stella Ilario Vinciguerra a Gallarate e Antonello Colonna a Roma, mentre interessanti si rivelano i premi speciali della Guida. Passion for wine 2019 al Bib Gourmand Locanda Devetak di Augustin Devetak (San Michele del Carso – GO); Servizio di sala a Casa Perbellini di Verona, due stelle Michelin, con Barbara Barbara Manoni; Qualità nel Tempo a La Bottega del 30 a Castelnuovo Berardenga con Hélène Stoquelet; Premio Giovane Chef a Emanuele Petrosino de I Portici di Bologna, che conferma la stella. Il 4 marzo 2019 verrà assegnato il Premio Chef Donna.

367 le stelle del 2019: 10 tristellati (per i quali vale la pena di un viaggio secondo la Guida, +1 rispetto al 2018), 39 bistellati (vale la pena di una deviazione, -2 rispetto al 2018), 318 monostellati (vale la pena di una tappa, +12 rispetto al 2018).

 

© Riproduzione riservata

+ COMMENTI (0)

Gosling Rum - Distribuito da Pallini

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Stelle Norbert Niederkofler Guida Michelin Mauro Uliassi Uliassi Stelle Michelin Chef Cannavacciuolo Guida Michelin

ARTICOLI COLLEGATI:

Yoji Tokuyoshi: l’idea di una cucina contaminata fra Italia, Giappone e mondo

13/04/2019 - Il più italiano degli chef giapponesi o il più giapponese degli chef italiani? Yoji Tokuyoshi è nato in Giappone ma cresciuto professionalmente come chef in Italia. La cu...

Champagne Pommery accompagna le Stelle della Guida Michelin The Best of

28/03/2019 - Giovedì 28 marzo nello Showroom Experience Pommery in Milan, è stato celebrato il 40esimo Anniversario della Cuvée Louise, la cuvée di eccellenza della storica Maison. Co...

Campari al fianco di ALMA per il futuro: Cena d’Autore con Mixology

20/03/2019 - "Per rendere merito e per fare grande la cucina italiana". Il Maestro Gualtiero Marchesi scalpellò così la prima pietra della sua investitura come rettore di ALMA, la Scu...

Med Cooking 2019: parte il tour per la tutela del mare a Castellammare di Stabia

17/03/2019 - L’obiettivo di MED COOKING 2019 è chiaro: informare, promuovere e tutelare il Mediterraneo. Argomenti che saranno al centro della prima tappa che prenderà il via a Castel...

Gin al caviale: la creazione di uno stellato inglese

12/02/2019 - Venghino, i sofisticati e gli imbellettati venghino. Avete presente quando proprio vi assale quella voglia di champagne e ostriche, che proprio non ce la fate più? Neanch...

L’American Bar dell’eccellenza: al Ceresio 7 cocktail e lifestyle

11/02/2019 - Eleganza contemporanea, servizio, ospitalità. Sempre in perfetto equilibrio sulla linea sottile che separa il troppo dal troppo poco. Il Ceresio 7 è una creatura, prima a...

Altrimènti, l’alternativa sempre giusta firmata (anche) da Eugenio Boer

09/02/2019 - La firma di uno chef sempre più sulla cresta dell'onda, un arredamento pulito ed elegante, la verve di una società brillante e votata alla freschezza. È l'equazione che g...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

quindici − uno =