0
Pinterest LinkedIn

Nel 2016, il mercato mondiale dello Champagne conferma lo sviluppo di valore della filiera, grazie alla crescente richiesta di prodotti top di gamma, ma anche grazie al ruolo sempre più importante dei nuovi snodi di crescita dell’export.

Malgrado un leggero calo dei volumi (-2,1%) legato alla debolezza del mercato francese e alla brusca svalutazione della sterlina, il fatturato 2016 rappresenta il secondo miglior risultato di sempre (4,71 miliardi di euro) dopo quello realizzato nel 2015 (4,74 miliardi di euro).

In termini di valore, i mercati tradizionali dello Champagne proseguono una crescita dinamica nei paesi più distanti (Stati Uniti: +4,9%, Giappone: +3%) ma anche in Europa (Germania: +3,4%, Paesi Bassi: +6,3%). L’Europa meridionale conferma la sua ripresa (Spagna: +1,3% e Italia: +6,4%) e l’Europa settentrionale la sua importanza: insieme, Svezia, Danimarca, Finlandia e Norvegia crescono del +3,5%.

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

Infine, numerosi paesi confermano il loro ruolo di snodi della crescita, in tutti i continenti: America (Canada: +9,4%, Messico: +12%), Africa (Sudafrica: +15,1%), Oceania (Nuova Zelanda: +25,4%) e Asia (Corea del Sud: +14,2%); il “mondo cinese” che comprende Cina, Hong Kong e Taiwan mantiene un forte potenziale.

Nella maggior parte dei paesi, si conferma quindi il modello di una crescita dello Champagne trainata dall’export e dalla diversificazione delle cuvée: nel 2016, la regione della Champagne ha esportato l’8,6% di bottiglie di Champagne rosé in più rispetto al 2015, e il 4,6% di cuvée speciali in più. I consumatori di Champagne ricercano cuvée sempre più rare e prestigiose.

Contatto stampa :
Thibaut Le Mailloux
Comité Champagne
+33 3 26 51 19 30
info@champagne.fr

No.3 London Dry Gin - nuova bottiglia disponibile da Marzo 2020 - esclusiva di Pallini

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

13 − 4 =