Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Una volta disattivato l'AD Block se vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina
Pinterest LinkedIn

Il Parlamento europeo, durante la sessione plenaria, ha dato il via libera ad una risoluzione sull’Alcohol Strategy che servirà come linea guida per la successiva politica della Commissione europea in materia.

piedone-annuari-agra-2014-bordino-nero

La nuova strategia comunitaria in materia di alcool parte dal presupposto di non considerare il consumo in contrasto con un sano stile di vita. “E’ una vittoria importante per l’Italia che si è scontrata con una cultura, prevalentemente nordica, che associa il consumo all’abuso di alcolici”, spiega ad Affaritaliani.it Nicola Caputo, eurodeputato del Partito democratico. “E’ emblematico il fatto che in Italia, patria del vino, ci sia il consumo di alcool pro capite più basso d’Europa”.

Il provvedimento chiede alle aziende produttrici di segnalare il contenuto calorico delle bevande, come avviene per qualunque altro tipo di alimento, in modo da fornire ai consumatori tutti i dati necessari a scegliere correttamente il proprio tipo di alimentazione. Inoltre chiede di impegnarsi per scoraggiare il consumo nelle donne incinte e nei minori.
“Siamo anche riusciti a far passare un emendamento che dà la possibilità alle aziende vinicole italiane di poter usufruire dei fondi europei per la comunicazione”, continua Caputo. “In caso contrario i produttori non avrebbero potuto promuovere le loro etichette”.

+INFO: www.affaritaliani.it/affari-europei/alcool-strategy-strasburgo-salva-il-vino-italiano-365192.html

No.3 London Dry Gin - nuova bottiglia - The Art of Perfection - esclusiva di Pallini

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

cinque × cinque =