Pinterest LinkedIn

Per continuare a migliorare la pausa caffè nel mondo OCS e Vending, Lavazza aggiunge un tassello importante al progetto Oasi iTierra!, portando la qualità che lo contraddistingue anche presso Randstad Box a Milano.

 

 

Il progetto, avviato con l’installazione delle prime “oasi” nella biblioteca dell’Università Bocconi di Milano e successivamente a Camera – Centro italiano per la fotografia di Torino, è arrivato anche presso Randstad Box di Milano. Randstad Box è un luogo di coworking e colearning gratuito, un hub fisico di 1700 metri quadri dedicati ad una community prettamente giovane che trova qui un punto di riferimento per orientarsi, formarsi e crescere, sia come persone che come professionisti.

Lavazza conferma così la volontà di voler trasformare il modo in cui viene vissuto il momento di break nel mondo dell’OCS e del Vending, non solo offrendo un prodotto di qualità, ma facendo immergere il consumatore in uno spazio nuovo e ingaggiante, che consenta di distaccarsi dal momento di studio o di lavoro; uno spazio tecnologico e attento alla sostenibilità che possa offrire la migliore coffee experience Lavazza.

È con questi presupposti che è nato Oasi iTierra!, un progetto innovativo che offre soluzioni differenzianti e appaganti per poter godere di un ambiente unico nel suo genere che è stato progettato e pensato per garantire qualità e momenti di socializzazione con attenzione alla natura.

All’interno di queste aree si possono gustare le capsule compostabili* per vending machine Lavazza Blue iTierra! For Planet Espresso Bilanciato, che rappresentano l’unione tra qualità e attenzione alla sostenibilità. Anche nella proposta di prodotto, la volontà è stata quella di optare per una soluzione allo stesso tempo consapevole e di valore. Nelle Oasi iTierra! l’attenzione alla sostenibilità è presente sia nel prodotto offerto sia nella struttura dell’oasi stessa: spazi dal design contemporaneo modulabili e integrabili in qualsiasi ambiente lavorativo, composti a partire da materiali naturali, senza plastica o resine ma utilizzando solo legno, cemento e vetro, materiali che rendono le oasi vere e proprie “aree break verdi” che creano un’atmosfera tropicale, dotate di purificatori d’aria, diffusori di aromi e ricche di piante e verde “vivo”.

 

 

Anche in questo caso Lavazza si è affidata alla società di progettazione integrata Progetto CMR per ideare soluzioni flessibili, efficienti e sostenibili dall’alto valore aggiunto. L’Oasi ¡Tierra! è stata installata presso Randstad Box grazie al coinvolgimento di IVS Group, azienda leader nella distribuzione automatica.

Attraverso l’installazione delle aree break, Lavazza si impegna a piantare più di 1.000 alberi in diverse parti del mondo a supporto di progetti di riforestazione in collaborazione con Tree-Nation. Con la prima Oasi iTierra! a Milano sono già stati piantati 1.300 alberi a supporto del progetto “Eden Reforestation Projects” in Mozambico, mentre con la seconda Oasi ¡Tierra! a Camera Torino sono stati piantati 1.300 alberi a supporto del progetto “Conserve Natural Forests” in Thailandia.

Grazie a Randstad Box di Milano verranno aggiunti ulteriori 1.300 alberi a supporto del progetto di riforestazione “Amazon Windshields” in Bolivia.

A sostegno del progetto Oasi iTierra! Lavazza ha stretto una media partnership con Lifegate, che ha dedicato una puntata speciale del podcast “Lifegate – News dal Pianeta Terra” (ascoltabile su Spotify) ad ognuna delle Oasi ¡Tierra!, le quali diventano per l’occasione anche location d’eccezione della registrazione.

Presso le Oasi ¡Tierra! sono state, infatti, registrate una serie di puntate di approfondimento con ospiti d’eccezione sui 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile previsti da Agenda 2030 delle Nazioni Unite.

Per coinvolgere ed ingaggiare i consumatori, all’interno dell’area, è stato realizzato anche un pannello interattivo che propone diversi contenuti sul mondo Lavazza ¡Tierra! e guida alla sua scoperta, semplicemente inquadrando un QR code.

* CAPSULE COMPOSTABILI certificate per il compostaggio industriale secondo lo standard EN 13432:2000 da TUV AUSTRIA. NON GETTARE LE CAPSULE NEI SISTEMI DI COMPOSTAGGIO DOMESTICO O NELLA NATURA, le capsule necessitano di un trattamento industriale. Getta la capsula nella raccolta dei rifiuti alimentari (umido), se presente. Verifica sempre con il tuo Comune le regole per lo smaltimento dei rifiuti compostabili. Ci possono essere limiti sulla tipologia di prodotti che gli impianti di compostaggio possono trattare.

 

+ info: www.lavazza.it

Scheda e news:
Luigi Lavazza S.p.A.

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Annuario Coffitalia 2022 Beverfood Caffè Italia torrefazionii aziende indirizzi

Scrivi un commento

sedici − 10 =

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina