Pinterest LinkedIn

In una conferenza stampa successiva al summit Russia-Africa, Putin ha affermato che non sono previste nuove disposizioni per il trasferimento temporaneo di attività straniere appartenenti a società di paesi ostili, ma che i casi di “Baltika” (di proprietà Carlsberg) e “Danone Russia” sono stati considerati casi particolari.

Secondo il presidente russo Vladimir Putin, le quote di Danone e Carlsberg sono diventate di proprietà statale poiché i loro manager hanno cercato di intimidire i dipendenti russi, minacciandoli di licenziamento in caso di posizioni politiche e civili contrarie alle loro. Tuttavia, Putin ha sottolineato che le aziende che desiderano rimanere sul mercato russo sono trattate in modo amichevole e non hanno nulla da temere.

Le due aziende avevano in precedenza annunciato l’intenzione di ridurre e vendere la propria attività in Russia e, pertanto, le loro quote in società russe sono state temporaneamente trasferite alla Rosimushchestvo (Agenzia federale per la gestione delle proprietà statali) a luglio 2023.

Nel marzo 2022, il governo russo ha introdotto nuove regole per le transazioni tra società russe e cittadini e aziende di paesi ostili, richiedendo l’approvazione di una commissione. Nel marzo 2023, i controlli sulla rivendita di ex imprese straniere sono stati resi più rigorosi.

Fonte: www.kommersant.ru/doc/6135341

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Annuario Acquitalia 2023-24 Acque Minerali Acquista

Scrivi un commento

nove − sette =

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina