Pinterest LinkedIn

Coca-Cola HBC Italia ha presentato il Rapporto Socio-Ambientale 2008 che dà conto dei risultati raggiunti e di quello che c’è ancora da fare in termini di gestione del rapporto di lavoro, politiche ambientali, presenza etica sul mercato e partecipazione attiva alla vita delle comunità in cui l’Azienda è presente. Diventato nel tempo una costante, a testimonianza di un’attenzione non episodica alle questioni dello sviluppo sostenibile, il rapporto è stato quest’anno affiancato da un abstract che ne racchiude gli elementi più salienti, pensato per raggiungere, con un impiego di carta contenuto, il più vasto pubblico possibile.


Dal Rapporto emerge, in particolare, come nel 2008 i consumi idrici siano diminuiti di circa il 22% rispetto al 2007, mentre il 10% dell’acqua utilizzata è stato reimpiegato all’interno degli impianti per altri usi secondari prima di essere definitivamente avviata al trattamento finale di depurazione. Nell’ambito del programma Water Saving, sono poi stati velocizzati i processi di produzione ed implementati nuovi sistemi di controllo di estrazione dell’acqua dai pozzi, consentendo una riduzione del 39% degli scarichi idrici rispetto al 2007. Miglioramento e accelerazione dei processi consentiranno a Coca-Cola HBC Italia di chiudere il 2009 con un utilizzo di 1,8 litri d’acqua per ogni litro di bevanda prodotta, contro i 2,2 dei tre anni precedenti e con una riduzione delle risorse idriche necessarie all’imbottigliamento di un litro d’acqua minerale dagli oltre 6,5 litri del 2004 ai 2,1 di oggi.

L’interesse per le tematiche connesse al risparmio idrico, tuttavia, non si ferma qui: l’Azienda ha infatti avviato il Water Programme, una serie di iniziative volte a promuovere la tutela dell’acqua, come “Acquando”, manifestazione che si è svolta nelle località sedi degli stabilimenti di Coca-Cola HBC Italia, “Missione ecoTribù”, programma didattico rivolto ai bambini della scuola primaria, la pubblicazione del racconto e del cartone animato “Il mistero dell’acqua scomparsa” e il progetto “La Tana della Lontra”, pensato per spiegare ai ragazzi la vita e le abitudini di questo animale, indicatore naturale dello stato di conservazione dei corsi d’acqua. Sul fronte energetico, l’ottimizzazione dei processi produttivi e l’utilizzo di tecnologie avanzate ha comportato una riduzione dei consumi del 3%, con un risparmio di almeno 330.000 Euro nel 2008 e la previsione di un’ulteriore riduzione del 3% nel 2009, con una stima di risparmio di altri 300.000 euro complessivi.

Nel corso del 2008 anche i sistemi di refrigerazione hanno subito modifiche: l’installazione di nuovi impianti frigoriferi a basso consumo energetico ha determinato una riduzione dei consumi pari al 35%. Entro la fine del 2009 è, inoltre, previsto l’acquisto di nuove frigovetrine dotate di un dispositivo “ecobox” in grado di regolare il consumo energetico delle stesse. Infine, nei primi mesi del 2009, sono stati avviati, presso lo stabilimento di Nogara (VR), i lavori per la realizzazione di un impianto di cogenerazione in grado di produrre energia elettrica e, contestualmente, energia termica e refrigerante, permettendo un’importante riduzione dei costi energetici legati all’attività produttiva e una riduzione delle emissioni di CO2. Nel 2010 inizierà la costruzione di altri due impianti presso le sedi Oricola (AQ) e di Gaglianico (BI).

Le innovazioni investono anche il settore imballaggi: le modifiche apportate al packaging delle bevande (il nuovo collo delle bottiglie di Coca-Cola da ½ litro sarà più corto di 4 mm) consentiranno infatti di utilizzare 80 t di Pet in meno ogni anno, con un risparmio di quasi 100 mila euro. Dati in ragione dei quali Coca-Cola HBC Italia stima di raggiungere, nel biennio 2009-2010, un decremento del Pet utilizzato per l’imbottigliamento pari a 1.800 t con un risparmio complessivo di 1 mln di euro l’anno.

per accedere alla copia integrale del rapporto:
www.coca-colahbc.it/documenti/cchbci%20rapporto%20socio-ambientale%202008.pdf

+info. : Ufficio stampa Coca-Cola HBC Italia Daniela Serra Tel. 348.7978058 – d.serra@cchellenic.com Marta Pozzoli – Tel. 02 27077274 cel.3357416662 – marta.pozzoli@cchellenic.com SEC Relazioni Pubbliche e Istituzionali Maria Anna Vismara – Tel. 02-624999.1 cel. 338-9940968 – vismara@secrp.it

INFOFLASH/COCA-COLA HBC ITALIA
Nel 1995 The Coca-Cola Company, leader del mercato mondiale dei soft drink, decide di gestire direttamente i propri processi operativi acquisendo le 11 società di imbottigliamento rimaste nel territorio del Nord e del Centro Italia. Dalla fusione di queste società di imbottigliamento nasce Coca-Cola Bevande Italia Srl, che assume nel 2005 la denominazione di Coca-Cola HBC Italia Srl . Coca-Cola HBC Italia, attiva in seno a Coca-Cola Hellenic (la capogruppo con sede in Grecia), è oggi il più grande imbottigliatore e distributore di prodotti a marchio The Coca-Cola Company in Italia. Dal 2005 a oggi l’azienda ha ampliato la propria presenza nel mercato delle bevande analcoliche. Nel corso del 2006 la holding Coca-Cola Hellenic, insieme a The Coca-Cola Company, ha acquisito l’azienda imbottigliatrice di acque minerali Fonti del Vulture. Inoltre, in linea con la strategia di diversificazione delle proprie attività, nel 2007 Coca-Cola Hellenic ha acquisito Eurmatik, diventando così un operatore nel mercato della distribuzione automatica di bevande calde e fredde e di prodotti alimentari. Infine nel 2008 Coca-Cola Hellenic ha acquisito Socib, azienda che si occupava dell’imbottigliamento di bevande gassate per The Coca-Cola Company con competenza per il Sud Italia. Coca-Cola HBC Italia aggiunge così cinque regioni del Sud alle aree in cui era già operativa. Oggi le attività di Coca-Cola HBC Italia vengono svolte presso sei stabilimenti per la produzione di soft drink, a Nogara (VR), Gaglianico (BI), Oricola (AQ), Corfinio (AQ), Marcianise (CE) ed Elmas (CA). Altri due impianti dedicati all’imbottigliamento di acqua minerale sono situati a Rionero in Vulture e a Monticchio (PZ).

Se volete ricevere con regolarità la segnalazione di tutte le nostre news sul settore del beverage, iscrivetevi gratuitamente alla nostra bevernews. –> ISCRIZIONE

CONSULTA LA NUOVA SEZIONE DOCUMENTAZIONE: —-> bevande analcoliche

LE ALTRE BEVERNEWS DELLA SEZIONE: —-> bevande analcoliche

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Annuario Bevitalia Bevande Analcoliche Acquista

Scrivi un commento

4 + tre =