Pinterest LinkedIn

© Riproduzione riservata

Il Birrificio Lambrate entra nel mondo delle birre acide con la Sal Aqua. E lo fa in perfetto stile Lambrate, ovvero dalla porta principale con una grande interpretazione di una Gose, ispirata allo stile tradizionale tedesco originario della città di Goslar in Bassa Sassonia.

La presentazione ufficiale lo scorso 28 marzo nel pub Lambrate di via Golgi, con la partecipazione di Kuaska che ha giudicato così la birra. “E’ un passo importante per i ragazzi di Lambrate che hanno realizzato questa birra acidula più che una vera e propria birra acida, devo ammettere che sono rimasto impressionato dall’interpretazione di questa Gose fatta molto bene, fresca e beverina, coriandolo ben bilanciato, ma più in generale devo fare i complimenti ai birrai Fabio e Mattia perché mi hanno stupito le birre in lattina, tutte con schiuma e aromi perfetti. Ancora una volta il Lambrate si conferma al top del panorama della birra artigianale in Italia, con una grande vivacità in questo ultimo periodo con le recenti birre uscite”.

Lo staff del Birrificio Lambrate con Kuaska- foto Luca Galuzzi

Qualche giorno dopo siamo andati a testare con mano in via Adelchi nello storico pub Lambrate, a vedere quale è stata la reazione del pubblico di questa Sal Aqua che sicuramente ha portato una ulteriore novità in casa Lambrate. “Come molti sanno personalmente ero abbastanza scettico su questo tipo di birre- spiega Giampaolo- anche se devo dire che la risposta del nostro pubblico è stata molto positiva. Sicuramente sono birre più da assaggio che per fare serata, ma nessuno sta storcendo il naso, anzi c’è molta curiosità nel provare queste nuove birre, come la Impestout, che per una serie di ragioni di magazzino abbiamo fatto uscire insieme in questo periodo in un’intensa attività di produzione”. In fatto di produzione, con il birraio Fabio Brocca avevamo già scambiato qualche battuta sull’ingresso del Lambrate nel mondo delle acide. “Sono birre che mi sono sempre interessate, c’è un bel movimento che sta dietro alle birre acide e mi sembrava giusto arricchire la nostra gamma con queste birre per cercare di ampliare la platea chi si avvicina ai nostri locali e alle nostre birre. Unico tema il rischio che una produzione di birre acide non contamini tutta la produzione in birrificio, per questi siamo usciti con molta cautela solamente dopo una serie di esperimenti fatti in laboratorio per non rischiare nulla con il resto della produzione” . Continua quindi questo 2018 pieno di novità per il birrificio Lambrate che si appresta a girare in Italia e in Europa nei principali festival, proseguendo nella strada di collaborazioni con birrifici di fama mondiale.

INFO: www.birrificiolambrate.com

© Riproduzione riservata

No.3 London Dry Gin - nuova bottiglia disponibile da Marzo 2020 - esclusiva di Pallini

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Annuario Birra Birritalia beverfood

Scrivi un commento

quattro + 18 =