Tag

vini Spagna

Browsing

Vamos! Ci viene spontaneo aprire così per andare a provare Señorío, un locale interamente dedicato alla cultura spagnola dove gustare l’alta gastronomia di tutto il paese che ha aperto i battenti a Milano con una grande festa giovedì 15 settembre. L’ambizione è quella di essere molto più di un semplice ristorante, ma un punto di riferimento per il patrimonio gastronomico e vitivinicolo iberico per vivere l’autentica atmosfera spagnola. Design originale e proposta culinaria a base di prodotti 100% Hecho en España, Señorío vuole conquistare i milanesi con un ambiente curato e raffinato. Location in via Bramante 13, il ristorante ha un totale di 70 posti a sedere dall’ American Spanish Bar con ben 180 tipi di bevande alcoliche internazionali, poi la sala ristorante e il dehors privée e Vinoteca, uno spazio indipendente dove sono esposte 3.650 bottiglie.

Aria di novità in casa Freixenet. Il gruppo catalano, leader mondiale nel settore della cava, ha annunciato  il lancio internazionale di una gamma di vini fermi a suo marchio. Chiamati C’est Moi, questa raccolta di tre vini mira a conquistare i millennial. L’obbiettivo dichiarato della cantina di barcellona è di rompere gli schemi di comunicazione classici del vino, così come fece quindici anni fa nel mondo dei vini effervescenti.

Negli ultimi anni abbiamo assistito alla crescita degli spumanti italiani all’estero, soprattutto trainati dal fenomeno Prosecco.

Questi vini si sono affermati un po’ ovunque nel mondo grazie al loro ottimo rapporto qualità-prezzo, che gli permette di posizionarsi un po’ sotto agli Champagne,  aprendo quindi il mondo dell’aperitivo e del brindisi anche alla classe media di paesi come Germania o Inghilterra, fino ad oggi tenuti lontani dalle bollicine dai prezzi dei vini francesi.

Si chiude con la decisione di distruggere le eccedenze straordinarie di vino la convulsa settimana che ha visto tutto il settore vitivinicolo spagnolo e l’amministrazione del Magrama tentare di arrivare a una decisione per alleviare le sofferenze da iperproduzione in Castilla ed Extremadura. Saranno alla fine 4 i milioni di ettolitri che verranno avviati alla distillazione per usi energetici o industriali, misura che verrà accompagnata – secondo i funzionari del dicastero delle Politiche agricole – da un (per ora non ancora precisato) piano strategico per regolare l’offerta in futuro.