Pinterest LinkedIn

Secondo Massimiliano Dona, presidente di UNC, ”Il nuovo spot della Coca Cola sul consumo della bevanda a cena e’ da censurare” e, in una nota congiunta con ilfattoalimentare.it, annuncia una nuova denuncia contro il colosso americano depositata dall’Associazione all’AGCM e allo IAP. La motivazione di base è che L’invito a consumare la bevanda zuccherata durante il pasto non contiene alcuna avvertenza sui rischi sanitari di uno sbagliato stile alimentare


Ricerca di Mercato Studio Gira Congiuntura Foodservice 2012 Italia Ristorazione Distribuzione GDO

Ecco il testo del comunicato stampa dell’Unione Nazionale Consumatori”: <<“Ceniamo insieme” (www.youtube.com/watch?v=cotx8y27zoA) è lo slogan del nuovo spot Coca Cola ambientato in una piazza di Napoli, dove un gruppo di persone canta e balla intorno a una tavola imbandita insieme ad un testimonial di grido (Simone Rugiati, chef e conduttore del programma di successo “Cuochi e fiamme” in onda su La7). Il problema dello spot non è la regia o la scenografia, che anzi trasmettono poeticamente l'allegria e il piacere dello stare assieme in una cena tra amici, ma l’invito a consumare la bevanda zuccherata durante il pasto. GuidaOnLine Acque Minerali Beverfood.com

Siamo di fronte all’ennesimo messaggio che propone bibite zuccherate a tavola, una pessima abitudine americana che Coca Cola cerca in tutti i modi di trapiantare anche in Italia. E non è la prima volta che l’azienda ci prova: nel 2011 la pubblicità ‘La formula della felicità’ invitava le mamme a fare pasteggiare i bambini con la bibita a base di caramello. Allora il Giurì censurò il messaggio e la Coca Cola si era prontamente impegnata a non ripetere l’errore. Nei mesi successivi la società venne censurata una seconda volta per una pubblicità mascherata apparsa sulla rivista Donna Moderna (un finto articolo con le foto di Lorella Cuccarini in cucina alle prese con piatti imbanditi e bottiglie di Coca Cola.

Ricerca di Mercato Foodservice Distribution Italy Gira

Nel nuovo spot ambientato a Napoli propone ancora un modello alimentare scorretto avallato da uno chef di grido, con il fine esclusivo di estendere l’utilizzo della bevanda anche per il consumo di pietanze più elaborate. Inoltre, in nessuna delle immagini dello spot sono presenti altre bevande se non la Coca Cola e nessuna avvertenza viene data circa la moderazione del consumo. Premesso che ci piacerebbe sapere quante sono le persone che nei ristoranti dove lavora Simone Rugiati pasteggiano con bibite zuccherate, l’Unione Nazionale Consumatori e ilfattoalimentare hanno inviato una richiesta di censura all’Istituto di autodisciplina pubblicitaria e all’Antitrust auspicando un rapido intervento.>>

+info: Unione Nazionale Consumatori (www.consumatori.it) – Ilfattoalimentare.it (www.ilfattoalimentare.it)

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Banchedati excel csv contatti email aziende beverage e food

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Annuario Bevitalia Bevande Analcoliche Acquista

Scrivi un commento

10 − 5 =