Carlo Carnevale
| Categoria Notizie Birra, Distillati, Liquori | 991 letture

AB InBev si espande ancora: è l’ora dei distillati

Ab Inbev Industria Distillati Consumi Distillati Espande Consumi Usa Mercato Alcolici Usa Inbev Distillati Cutwater

Ab Inbev Espande Cutwater Consumi Distillati Consumi Usa Industria Distillati Distillati Mercato Alcolici Usa Inbev

A cura di

© Riproduzione riservata

Sembrava essere solo questione di tempo, e in effetti il momento è arrivato. Anheuser-Busch InBev, produttore leader mondiale nel settore del beverage, ha infatti definito un’acquisizione a San Diego, California, in netta controtendenza con le sue abitudini. Si tratta infatti della prima annessione di una distilleria, e non di un birrificio come suggerirebbe il portfolio del colosso belga, che apparentemente ha messo gli spirits nelle previsioni del proprio futuro.

 

Scarica gratis la Guidaonline Birre & Birre 2018 Beverfood.com con schede di tutte oltre 2000 marche di birra

 

La distilleria artigianale in oggetto è la Cutwater Spirits, già costola della Ballast Point Brewing & Spirits e da svariati mesi sulla breccia. Non sono stati diramati i dettagli economici dell’operazione, che dovrebbe chiudersi in primavera. Fondata da Jeff Cherney, Earl Knight e Jim Buechler, e sostenuta da investimenti del proprietario di Ballast, Jack White, Cutwater si serve di una mastodontica distilleria da 50.000 metri quadri nel quartiere di Miramar, San Diego, con annesse sala degustazione e cucina. L’offerta dell’azienda consta di quattordici bevande in lattina (16.99$ per una confezione da quattro) e raggiunge trentaquattro stati in distribuzione. Stando ai dati rilasciati, la produzione prevede anche sedici tipi diversi di distillati.

Brendan Whitworth, vice-presidente vendite di AB-InBev in Nord America, ha sottolineato come questa acquisizione potrà aiutare il colosso a competere anche in categorie che non siano relative alle birre, storicamente punto di forza della compagnia: “Continuiamo a essere per lo più una realtà incentrata sulla birra, ma ci assicuriamo di essere presenti e coprire tutte le richieste dei consumatori. Inclusi segmenti di mercato che sono in via di sviluppo”. Grande entusiasmo anche circa le previsioni che riguardano i cocktail in lattina di Cutwater, simbolo di un approccio innovativo e contro corrente.

Drink in lattina – Cutwater

Nell’ultimo anno, secondo le stime della casa di statistiche Nielsen, le vendite dei distillati Cutwater hanno fatto registrare un incremento del 203% in valore; pazzesco il +356% dei drink in lattina nello stesso periodo, tutto giustificato dalla strategia di espansione sui rivenditori al dettaglio: “Siamo andati dove i nostri prodotti erano più richiesti: dove ci hanno cercati, ci hanno trovati”. Una specie di tempesta perfetta che adesso vede come passo successivo l’assunzione di altro personale qualificato per continuare a sviluppare idee e progetti, sulla scia del “team magico che già abbiamo”.

Nel 2016 la creazione dell’azienda, nel 2017 l’apertura dei battenti di produzione con distillatori a colonna, aree per invecchiamento in botte, macchinari per imbottigliamento con capacità da 350 lattine e 70 bottiglie al minuto. “Se i miei colleghi volessero, potrebbero affogarmi nell’alcool”, ha scherzato Knight. Cutwater sarà parte della sezione Beyond Beer di AB-InBev, creata a luglio e già fonrita di brand come Ritas, Bon & Viv, Babe Rosé e HiBall. Non ci sono piani immediati circa la distribuzione: “L’obiettivo attuale è quello di mantenere la rotta corrente e ridurre al minimo gli eventuali impatti negativi di questa operazione. Prossimamente contiamo di affinare le nostre strategie di distribuzione, preferiremmo un’attività stato per stato”.

Fonte: brewbound.com

 

 

© Riproduzione riservata

+ COMMENTI (0)

Gosling Rum - Distribuito da Pallini

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Ab Inbev Mercato Alcolici Usa Distillati Consumi Usa Inbev Industria Distillati Consumi Distillati Espande Cutwater


Annuario Birra Birritalia beverfood

ARTICOLI COLLEGATI:

IWSR Report 2018: ridotto il consumo mondiale di alcol, prevista lieve crescita nei prossimi 5 anni

30/05/2019 - Secondo i nuovi dati della fonte di intelligence settoriale IWSR, nel 2018, i volumi di alcolici in tutto il mondo (attraverso tutti i canali) hanno raggiunto 27,6 miliar...

Grappa Castagner fa cappotto nello scaffale della Gdo

20/05/2019 - In un mercato difficile e competitivo come lo scaffale dei distillati della Gdo, solo con buone idee e innovazione si può fare la differenza. E’ il caso di Grappa Castagn...

L’effetto Willy Wonka: creare una storia dietro ogni sorso

17/05/2019 - Fine Branding Agency è un'agenzia di pubblicità e creazione di contenuti con base a San Francisco, USA. Il manager è John Kelly, guru dell'immagine commerciale in qualsia...

Paese che vai, cannabis che trovi: il CBD nell’alimentare di tutto il mondo

12/03/2019 - Un passo in avanti e due indietro, a causa della sua natura ambigua e troppo spesso collegata ad ambienti criminali. Legale in alcune parti del mondo, condannata in altre...

Gin al caviale: la creazione di uno stellato inglese

12/02/2019 - Venghino, i sofisticati e gli imbellettati venghino. Avete presente quando proprio vi assale quella voglia di champagne e ostriche, che proprio non ce la fate più? Neanch...

Addio al pub, il Super Bowl cambia i consumi: più donne, vino e brunch

01/02/2019 - Mancano pochi giorni a uno degli eventi più attesi e iconici della cultura sportiva e non degli Stati Uniti: il cinquantatreesimo Super Bowl della NFL, la finale del camp...

Da aristocratico a comprimario e ritorno: la rivincita del sedano in mixology

31/01/2019 - Calorie negative. Che già se ci si riflette, qualche antenna si drizza soprattutto nei tempi della smania per tutto ciò che è healthy. I cibi etichettati come a calorie n...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

1 × quattro =