Pinterest LinkedIn

Nell’ambito dell’indagine conoscitiva su “Made in Italy e la valorizzazione e lo sviluppo dell’impresa italiana nei suoi diversi ambiti produttivi”, Giangiacomo Pierini, Presidente di ASSOBIBE, associazione di Confindustria che rappresenta i produttori di bevande analcoliche, ha illustrato  alla Commissione Attività produttive della Camera lo stretto legame esistente tra produttori di bevande analcoliche e il territorio, e ha sottolineato l’impatto socio-economico e la valenza di un’industria fortemente impegnata nell’innovare prodotti noti della tradizione italiana – come chinotti, cedrate, aranciate ecc. – da sempre fatti in Italia e apprezzati nel mondo.

 

 

Un’innovazione che si traduce in ricette riviste per soddisfare nuove esigenze, con versioni a ridotto o nullo apporto calorico (-28% di zucchero in dieci anni, nel pieno rispetto dei protocolli volontari siglati in due occasioni con il Ministero della Salute), senza bisogno di ricorrere a una tassa.

Con l’occasione, ASSOBIBE ha inoltre segnalato la necessità di eliminare lacci e lacciuoli che limitano lo sviluppo del comparto, tra cui tasse come sugar e la plastic tax che bloccano gli investimenti stante l’entrata in vigore tra pochi mesi.

“Nonostante la difficile congiuntura economica post pandemia, il settore non ha ridotto i piani in ricerca e sviluppo di nuovi prodotti, formati e ricette, così come si sono mantenute costanti le attività a sostegno della transizione ecologica – dichiara Giangiacomo Pierini -. Per questo auspichiamo che non si penalizzino realtà industriali che in Italia producono da decenni o secoli, generando valore economico e sociale sui territori dove imbottigliano e vendono. Occorre arrivare a un’abolizione definitiva di sugar e plastic tax e, come per tutti i settori, facilitare una riduzione dei costi di produzione. E ancora, occorre garantire il rientro in possesso del materiale post consumo ai produttori di bevande, semplificare l’impatto burocratico sia a livello nazionale sia per le attività di export e contrastare le misure contenute nella bozza di Regolamento europeo sugli imballaggi che impongono un’omologazione a sistemi dei Paesi del Nord Europa, vanificando gli sforzi fatti in Italia sinora, che ci hanno resi un esempio virtuoso in Europa per la raccolta e il riciclo post consumo”.

 

+info: www.assobibe.it

Scheda e news:
ASSOBIBE Associazione Italiana Industria Bevande Analcoliche

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Annuario Bevitalia 23-24 Bevande Analcoliche Acquista

Scrivi un commento

quattro × 5 =

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina