Pinterest LinkedIn

La birra e la sostenibilità hanno almeno due aspetti in comune: 1. sono sulla bocca di tutti e 2. stanno particolarmente a cuore ai nostri partner.
Rothaus, il birrificio federale del Baden-Württemberg, e la Klosterbrauerei Andechs, birrificio dell’omonimo monastero benedettino in Baviera, non solo ci mostrano che la sostenibilità è molto più di un semplice slogan, ma anche come essa possa contribuire a generare del plusvalore per la regione e come questa tendenza di grande attualità sia fortemente radicata nei valori tradizionali dell’arte birraria.

 

Birritalia Beverfood.com annuario Birre Italia

 

Klosterbrauerei Andechs: la sostenibilità è sacra

Sul Sacro Monte della Baviera, sita a poche decine di chilometri a sudovest di Monaco di Baviera, si fa ancora della vera birra monastica. I frati e i sacerdoti del monastero di Andechs pregano e lavorano seguendo rigorosamente la Regola di San Benedetto da Norcia, la quale istruisce i monaci a servire da modello in tutte le loro azioni, sia nella loro funzione clericale sia in quella imprenditoriale. Oltre al loro impegno sociale, che tra l’altro consiste nel servire circa 250 pasti caldi al giorno e fornire assistenza medica a circa 1.750 persone all’anno, anche il loro impegno per l’ambiente è in linea con la Regula Benedicti.

“Per la nostra comunità monastica è importante usare le risorse naturali in modo sensato e responsabile. Negli ultimi anni abbiamo quindi di nuovo investito massicciamente nel nostro birrificio del monastero per rendere la produzione ancora più ecologica”, afferma frate Leonhard Winkle, cellerario del monastero.

Sostenibilità e lungimiranza certificate

Già dal 2000, il birrificio del monastero di Andechs si avvale della certificazione ambientale EMAS (Eco-Management Audit Scheme), uno dei sistemi più severi al mondo per la gestione ambientale sostenibile. Il birrificio ha investito diversi milioni di euro ed è stato in grado di ridurre il consumo di energia del 10% dal 2010, nonostante i lavori di ristrutturazione e l’introduzione della Weissbier analcolica nel medesimo periodo.

Le misure concrete per migliorare le prestazioni ambientali della fabbrica di birra includono l’impianto di recupero di CO2, l’impianto di refrigerazione ad ammoniaca ottimizzato dal punto di vista energetico, il magazzino per le sostanze chimiche e il nuovo impianto di imbottigliamento. Inoltre, il birrificio monastico usa solo luppolo aromatico della regione di Hallertau, promovendo allo stesso tempo il commercio locale e minimizzando l’impatto ambientale attraverso brevi tragitti per il trasporto. Il risultato è un vero “piacere per il corpo e lo spirito” senza gravare inutilmente sull’ambiente.

Tuttavia, i monaci non sono soliti riposare sugli allori, e così un altro pacchetto di misure è già in atto per i prossimi anni. Questo include, tra l’altro, il risparmio di energia e di refrigerante abolendo i contenitori refrigerati e il collegamento al sistema di glicole esistente, così come il rinnovo dei bacini di acqua di scarico, compreso il sistema di pompe.

Rothaus: la sostenibilità come concetto globale

Le birre prodotte da Rothaus

Una fitta foresta di abeti scuri, un verde lussureggiante a perdita d’occhio, dove le colline dell’Alta Foresta Nera si intervallano a dolci valli, sulle quali al mattino si poggia con delicatezza una coltre di nebbia. Nel bel mezzo di questa scena bucolica si trova Rothaus, il birrificio federale del Baden Württemberg, collocato a ben 1.000 m s.l.m., nonché il birrificio più alto della Germania.

Il nesso importante tra Rothaus e la propria terra si evidenzia già a partire dalla selezione delle materie prime, poiché vengono utilizzati esclusivamente ingredienti locali. L’acqua particolarmente dolce proviene da 7 sorgenti di proprietà del birrificio, il malto è fatto con orzo locale e il luppolo aromatico proviene dalle zone di Hallertau e Tettnang. La stretta collaborazione con gli agricoltori della regione crea un valore aggiunto locale e promuove la sostenibilità.

La natura non fa da guida a Rothaus solo in termini di estetica ed ingredienti, ma influenza direttamente anche il gusto finale del contenuto delle bottiglie. Rothaus rinuncia alla pastorizzazione delle proprie birre perché è convinta che solo in questo modo si possano creare birre naturali e autentiche che rispecchiano il vero gusto della Foresta Nera.

Sostenibili al 100% entro il 2030

Come birrificio federale, Rothaus ha visto per decenni come suo dovere quello di preservare le risorse naturali del paese attraverso pratiche commerciali responsabili e sostenibili. Infatti, Rothaus è stata una delle prime aziende ad aderire all’alleanza federale per il clima, il cosiddetto Klimabündnis Baden-Württemberg. Alla Rothaus, l’impegno per la protezione dell’ambiente segue un concetto globale che si estende a tutte le fasi della produzione.

“Per i nostri clienti, i nostri valori si riflettono in tutto ciò che facciamo: qualità, continuità, credibilità e regionalità – questo è ciò che Rothaus rappresenta. Per noi, la sostenibilità totale è la logica conseguenza delle nostre azioni e della nostra responsabilità per l’ambiente. Tutti noi dovremmo contribuire attivamente alla tutela del clima”, dice Christian Rasch, amministratore unico del birrificio federale.

In termini concreti, questo significa per Rothaus che il birrificio intende operare in modo completamente sostenibile entro il 2030, vale a dire che l’obiettivo è quello di risparmiare più COdi quanta ne venga emessa durante l’intero processo di produzione. Un volume totale di investimenti di circa 40 milioni di euro è previsto per questa impresa, che sarà finanziata con i fondi propri del birrificio.

 

Guidaonline Birre & Birre 2022 con oltre 1700 marchi di birra. Scarica Ora il pdf gratuito!!!

 

Passi verso la sostenibilità totale

La tabella di marcia già avviata verso la sostenibilità totale include, tra l’altro, i seguenti tre obiettivi principali:

  • installazione di un impianto fotovoltaico / solare termico con una superficie di 9.000 m²
  • costruzione di un impianto di trattamento anaerobico delle acque reflue per risparmiare circa 100.000 litri di olio combustibile all’anno
  • conversione completa del parco rotabile in veicoli elettrici con l’obiettivo finale di risparmiare circa 500 tonnellate di COl’anno

Come azienda profondamente legata alla Foresta Nera e a tante aziende ed enti regionali, Rothaus incoraggia anche i suoi partner di fornitura di materie prime ad operare in modo sempre più sostenibile e ad unirsi al birrificio nel suo impegno per un operato perfettamente compatibile con l’ambiente.

Il Ministro delle Finanze Dr. Danyal Bayaz dice: “La protezione coerente del clima ha un senso ecologico ed economico. Possiamo dimostrarlo come un paese industrializzato – e quindi diventare un modello per gli altri. Rothaus sta intraprendendo questa strada e ha il pieno appoggio dello Stato”.

Fonte: Sostenibilità a tutta birra : Birre Kiem – Alto Adige

Scheda e news: K. Kiem Srl/ GmbH

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Smile-Box Maniva PH8 - Fa bene anche a chi non beve Acqua Minerale Alcalina Maniva

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Annuario Birra Birritalia beverfood

Scrivi un commento

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina