Pinterest LinkedIn

© Riproduzione riservata

Messico e Navigli, la faccia felice di Milano. Parafrasando alcuni versi di una nota canzone potrebbe essere questo il ritornello per raccontare Cactus Joe, il nuovo locale aperto in Alzaia Naviglio Grande 62 con focus sul mondo dell’agave. Un cocktail bar moderno con una straordinaria selezione di distillati di agave, molto più di un’agaveria, con un centinaio di referenze derivati dall’agave, quindi tequila e mezcal, ma anche di prodotti meno conosciuti come raicilla, sotol e bacanora. Un progetto molto atteso, per una proposta moderna dallo stile pulito e diretto, frutto di uno studio verticale di distillati ancora poco conosciuti.

Joe’s Margarita

Dietro questa nuova apertura ci sono Niccolò Caramiello e Stefano Rollo, artefici come soci proprietari del successo del cocktail bar Norah was drunk di Lambrate, il primo absinthe bar di Milano e d’Italia, dopo due anni puntano forte sull’Agave con con Cactus Joe. “A noi piace fare le cose focalizzandoci su un concetto e sviluppando quel filone, dopo il successo con l’Assenzio abbiamo voluto metterci alla prova con il mondo dell’Agave, convinti che ci sia lo spazio in una città come Milano dove mancava un locale di questo tipo. Volevamo fortemente essere sui Navigli, in una posizione strategica in fondo fuori dal caos dove bisogna venirci a cercare, conoscendo bene la zona sappiamo bene i pro e i contro di avere dei locali qui”. Ad accompagnarli in questa nuova avventura, il Bar Manager Samuele Lissoni che si distingue per la contemporaneità delle ricette e delle lavorazioni e Simone Filoni, noto bar hopper milanese, amante di Norah was drunk ed esperto di food and beverage.

Cactus Joe si pone l’obiettivo di fare cultura sui distillati di agave ad un pubblico sempre più ampio, convinti che questa sia la scelta vincente accompagnando gli ospiti in questo mondo magico. “Il fenomeno dell’agave vede il consumo in costante crescita, grazie a prodotti come il tequila, rigorosamente al maschile, e il mezcal. I distillati di agave in Italia non trovano spesso il giusto spazio, ma siamo convinti che non la nostra proposta di Cactus Joe riusciremo a svelare i segreti ai tanti appassionati e anche al nostro network di clienti e contatti che non vede l’ora di venirci a trovare e provare questa esperienze”- racconta Niccolò Caramiello.

Eva

La drink list di Cactus Joe si compone di due parti: una selezione di 5 “agave classics” – classici contemporanei a base di agave studiati secondo lo stile Cactus Joe – e una carta di 14 drink moderni suddivisi in “amaro”, “ sour”, “dolce”, “spicy” e “umami” dove non mancano i riferimenti alla cultura asiatica, frutto di studio ed esperienza del Bar Manager Samuele Lissoni. Nascono così gli “Agave Classics” come il Joe’s Margarita – Tequila Vecindad, Mezcal Ilegal, agave e lime – il Fresh Paloma – Tequila Vecindad, pompelmo rosa, agave, lime, soda, sale Maldon – o il Cactus Negroni – Mezcal Ilegal, xila, bitter -, grandi classici rivisitati in versione Cactus Joe e alcuni signature.

Il menù è stato studiato per offrire la possibilità ai clienti di accompagnare i drink con proposte semplici, artigianali e di qualità, con un richiamo alla tradizione dello street food messicano con l’utilizzo di materie prime selezionate italiane che cambiano stagionalmente. Un aperitivo con snack come mais tostato, chips di verdure croccanti, olive condite, guacamole e nachos viola, oltre a una selezione di tacos con tortillas artigianali nelle versioni Gambero, con salsa al Falernum, arachidi e germogli; Salmone con guacamole, uova di salmone, cavolo cappuccio e sesamo nero; Manzo con salsa capperi e acciughe, tartufo nero, parmigiano e nocciole e Barbabietola con formaggio vegano, menta e fiore di cappero.

Fresh Paloma

Un locale molto cool, dove spicca la bottigliera che scorre tutte le pareti del locale, un ambiente dallo stile rustico-moderno, con tonalità desertiche spiccano tra ferro, legno e cemento, tutti pezzi unici realizzati dal laboratorio Controprogetto, un collettivo di giovani artigiani-designer che utilizza materiali di recupero, ciascun oggetto d’arredo, tra cui sedie, sgabelli, bancone, tavoli e bottigliera sono stati studiati appositamente per Cactus Joe. Martedì 12 marzo un soft opening con una preview dedicata alla stampa, domenica 17 grande festa di inuagurazione, una serata speciale che assicurano i ragazzi di Cactus Joe sarà solo la prima di una lunga serie.

© Riproduzione riservata

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Scrivi un commento

due × 4 =

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina