Pinterest LinkedIn

© Riproduzione riservata

Tempo di aggiornare statistiche e record per lo Champagne, che nel il 2019 ha superato il tetto dei 5 miliardi di euro  di fatturato nel mondo. La cifra esatta è di 5.055.823.326 €, con un aumento del 3,4% rispetto allo scorso anno, secondo i dati ufficiali del Comité Champagne diffusi dalla testata inglese  Drink Business.

Databank excel xls csv Dati Indirizzi e-mail Aziende Beverage Bevande Tabella Campi records

 

Non ci sono ancora numeri ufficiali riguardo all’impatto dell’emergenza sanitaria a seguito della pandemia di Covid-19 sulla situazione dello Champagne, anche se la situazione con i consumi a picco in Europa e negli Stati Uniti pare estremamente preoccupante, con un probabile calo delle vendite e dei ricavi delle Maisons e dei Vignerons che formano l’ossatura della denominazione di bollicine più celebri al mondo.

Il record del 2019 è stato realizzato anche grazie al traino degli USA che sono aumentati a valore del 15% rispetto al 2018,  diventando di fatto il più grande mercato di esportazione per lo Champagne in termini di valore , lasciando al Regno Unito la seconda piazza come mercato export dello Champagne in termini di fatturato, ma primo mercato considerando i volumi. Altri mercati tra i primi 20 principali dello Champagne che hanno mostrato forti aumenti di valore nelle spedizioni di vino nel 2019 sono Giappone, Italia, Spagna, Austria e Singapore.

Parlando della crescita del valore dello Champagne nel 2019 e dell’impatto attuale della pandemia Covid-19, Jean-Marie Barillère, co-presidente del Comité Champagne, ha dichiarato.

“La tendenza a lungo termine dello Champagne in termini di creazione di valore e comprensione delle esigenze dei consumatori e della nostra responsabilità sociale in termini di questioni ambientali significa che siamo sulla buona strada per il futuro. Ora siamo in guerra con un virus, quindi è un mondo diverso, ma lo scenario a lungo termine è chiaro per molte persone in Champagne”.

Sul fronte del suo mercato interno, con la Francia che rappresenta quasi la metà di tutte le spedizioni di Champagne, c’è stato un rallentamento dei consumi a causa di problemi sociali e scioperi con i gillet gialli, e alle nuove leggi sulla vendita al dettaglio che limitano le promozioni, entrate in vigore il 1 ° gennaio 2019. Una norma che impedisce ai supermercati di spostare oltre il 25% delle loro vendite su un’offerta promozionale, con un limite alle riduzioni di prezzo al 34% del valore del prodotto, vietando efficacemente le offerte buy-one-get-one-free.

Tali tendenze negative per le vendite di Champagne in Francia si aggiungono a un trend di calo del consumo pro capite nel paese, nonostante i prezzi relativamente bassi per lo Champagne sul mercato nazionale rispetto ai principali mercati di esportazione in crescita. In totale nell’anno del record di valore le vendite in volume sono scese a meno di 300 milioni di bottiglie.

© Riproduzione riservata

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

1 × due =