Pinterest LinkedIn

Una rete che soffre come non mai. È quella della moderna distribuzione che subisce i contraccolpi della crisi dei consumi e vede restringersi il suo perimetro. Tra aperture e chiusure i negozi a libero servizio sono calati del 3,6% (-544 punti vendita), gli iper dello 0,8% (meno sette unità) e i super dello 0,4%, ovvero una quarantina non hanno più riaperto. In controtendenza solo i discount, i market specializzati nei prodotti economici. È in aumento il numero degli store, +2,9% pari a 134 nuove aperture, e delle superfici di vendita. Questa la fotografia che rivela la vitalità del settore secondo l’ultima “Guida Nielsen largo consumo”.

C’è inoltre una forte mobilità tra le diverse catene: quest’anno oltre 2.300 negozi hanno cambiato organizzazione. La scorsa settimana tra gli ultimi passaggi c’è stato quello di undici store ex Sigma presenti in Sardegna (acquisiti dal Gruppo Isa) che ora fanno capo a Sidis, insegna del network Interdis. Se la regola è quella della “spesa al massimo risparmio” i discount da parte loro alzano il tiro e migliorano il loro assortimento. Sugli scaffali di Lidl nel periodo natalizio vengono offerti prodotti a marchio “Deluxe”, prodotti Igp e Dop che un tempo era difficile trovare. Scorrendo i dati Nielsen relativi a ottobre e confrontandoli con quelli dell’ottobre 2012, si evidenzia, per il secondo mese consecutivo, un trend positivo (+0,6%) nel fatturato di iper e supermarket, ricavi immutati per i discount e una buona performance (+2,2%) dei prodotti del largo consumo confezionato mentre il non food continua la sua flessione e cede il 4,1% a valore.

In particolare le famiglie non sacrificano la spesa per i pets (+4,3%), acquistano alimentari confezionati (+3%) e il fresco confezionato (+1,3%) rinunciando (-5,5%) ai prodotti per la pulizia della casa, l’igiene personale (-4,4%) e i surgelati -3,2%. Per aiutare le vendite le catene ricorrono sempre più alle promozioni che a ottobre hanno sfiorato il 30%. In pratica un prodotto su tre è acquistato per effetto di uno sconto o di un’offerta speciale. Cambia anche il carrello della spesa. Non conoscono crisi i prodotti con un alto contenuto salutistico come quelli bio, senza glutine e gli integrali. I prodotti gluten free acquistati negli iper e super hanno messo a segno una crescita del 15% mentre nel canale discount i valori sono più che raddoppiati. Alto il gradimento dei prodotti bio, che nel corso dell’anno hanno visto un aumento a due cifre intorno al 14%. Buone le performance degli integrali che registrano un +8%.

+info: www.nielseninsights.it/consumer/2013/12/leffetto-crisi-mette-le-ali-ai-discount/Tratto da Il Sole 24 Ore – Dicembre 2013

 

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Scrivi un commento

5 × tre =

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina