Carlo Carnevale
| Categoria Notizie Birra, Caffè - Tè - Bevande Calde e Coloniali, Varie, Vino | 1727 letture

Nuove figure per un nuovo turismo. Il food&beverage si rinnova con le ultime professioni

Figure Maurizio Maestrelli Turismo Professioni Made In Italy Bit Borsa Internazionale Del Turismo Food Beverage Ultime Food & Beverage

Figure Made In Italy Ultime Food & Beverage Turismo Food Professioni Maurizio Maestrelli Beverage Bit Borsa Internazionale Del Turismo

A cura di

© Riproduzione riservata

Con la nuova tendenza del turismo enogastronomico, l’intero mondo del food and beverage sta vivendo una piccola rivoluzione. Se è vero che il 75% dei viaggiatori sceglie le proprie destinazioni in base al cibo locale, tutta una serie di nuove figure nel mondo della ristorazione si sta facendo strada. E questo grazie all’avanzare di nuove attività legate alla scoperta di destinazioni e abitudini: in occasione del’edizione 2018 del BIT (Borsa Internazionale del Turismo) da poco conclusa a FieraMilanoCity, c’è stata la possibilità di celebrare il Food Tourism Day, coordinato da Roberta Garibaldi (Università di Bergamo e World Food Travel Association) e animato da 19 relatori in un serrato confronto sul tema.

Scarica gratis l'Annuario Microbirrifici
Annuario Microbirrifici

Uno dei trend più in crescita si è rivelato il turismo della birra, motivato dal nuovo uso di scoprire le produzioni brassicole locali. Garibaldi commenta così: “Negli Stati Uniti ad esempio il 20% dei turisti enogastronomici si è mosso almeno una volta negli ultimi anni per vivere una esperienza legata a questo tema. Qui, come in Italia, riguarda sia i Millennials, sia le generazioni precedenti” (Fonte: World Food Travel Association 2016 e Primo rapporto sul turismo enogastronomico italiano). Le produzioni artigianali e i micro-birrifici sono infatti in crescita in tutto il mondo: +272& negli USA nel quinquennio 2011-2016, +141% in Europa. del 2011 ai 7.266 del 2016 (+141%). L’Italia è oggi il quinto Paese per numero, dopo Regno Unito, Francia, Germania e Svizzera (The Brewers of Europe, 2017). Nel suo rapporto annuale, Assobirra 2017 indica che il numero di queste realtà̀ imprenditoriali, in gran parte giovanili e ad alta intensità̀ occupazionale, si è più che sestuplicato dal 2008 al 2016, passando da 113 a 718. Maurizio Maestrelli, giornalista e organizzatore della @MilanoBeerWeek così commenta: “Che la birra possa costituire un volano per la promozione turistica di un territorio o di una città è provato dalle esperienze, e dai numeri, di eventi come l’Oktoberfest di Monaco di Baviera, il Tour de Geuze nelle Fiandre, le Beer Week nelle città americane. In Italia, sono ormai quasi un migliaio i micro birrifici: hanno il fascino del lavoro artigianale, della ricerca di ingredienti selezionati, delle pratiche manuali che mettono al centro la persona, offrendo al potenziale visitatore un’esperienza affascinante”.

Di conseguenza, si assiste alla nascita di figure nuove e sempre più specializzate, per ricoprire le quali sono necessarie le più disparate e acute doti professionali e personali: ad esempio, l’hospitality manager per aziende food and wine. Elena Pasquazzo, hospitality manager di Rotari Eventi, che ogni anno accoglie 40.000 turisti nella cantina trentina racconta della necessità di saper curare il rapporto umano, prima ancora che quello lavorativo, servendosi di proprietà come l’empatia, la mediazione culturale, la conoscenza delle lingue straniere, lo storytelling. In secondo piano, forse paradossalmente, vengono le competenze di marketing e di turismo, ma anche quelle di scienze gastronomiche e i principi di agraria. L’intreccio tra i vari settori è quindi necessario per poi proseguire con percorsi diversificati di specializzazione. Garibaldi: “Gli italiani hanno espresso nelle nostre ricerche sempre più interesse verso percorsi di visita dedicati al gusto, ecco che vi è spazio per esperti che sappiano trasmettere tutte le sfaccettature della ricchezza enogastronomica”.

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

E il destination manager enogastronomico? Un professionista che coordini tutti gli associati, strutturando in modo organico l’offerta, dice Lucia Barzanò, Presidente della Strada di Franciacorta. “Abbiamo soci con competenze diverse: alcuni necessitano di una semplice organizzazione, altri di una vera formazione. Il destination manager è in grado di interpretare le richieste del nuovo turista, di favorire un cambiamento di mentalità tra i vari soci e di creare un offerta che coniughi le esigenze di entrambi. Può fornire nuove esperienze al viaggiatore, senza però snaturate il territorio. Anzi, valorizzandone la realtà”.

© Riproduzione riservata

+ COMMENTI (0)

Limoncello Pallini - premiato dai consumatori al Quality Award 2019 - inimitabile qualità italiana da 140 anni

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Food & Beverage Bit Borsa Internazionale Del Turismo Beverage Figure Food Ultime Turismo Professioni Made In Italy Maurizio Maestrelli


ARTICOLI COLLEGATI:

Export italiano vino: bene il primo trimestre ma non soddisfatte le aspettative

Export italiano vino: bene il primo trimestre ma non soddisfatte le aspettative

08/07/2019 - Dopo la battuta d’arresto del 2018 torna a crescere, l’export in volume di vino. Nei primi tre mesi del 2019, secondo elaborazioni Ismea su dati Istat, sono stati consegn...

Bortolo Nardini spegne 240 candeline e continua ad evolvere la sua arte distillatoria

Bortolo Nardini spegne 240 candeline e continua ad evolvere la sua arte distillatoria

06/06/2019 - Un compleanno speciale e sicuramente raro. Non capita a tutte le aziende di raggiungere 24o anni. Più che un traguardo, un successo. Distilleria Nardini, la più antica in...

Nuovo Malto Altino, il Pale Ale prodotto con orzo coltivato esclusivamente in Italia

Nuovo Malto Altino, il Pale Ale prodotto con orzo coltivato esclusivamente in Italia

30/05/2019 - Come per l’Eraclea Pilsner, l’orzo utilizzato cresce e matura nell’area di Eraclea in provincia di Venezia per poi essere maltato in Germania. Una delle principali novità...

In attesa della Brexit, il Prosecco vola in Gran Bretegna

In attesa della Brexit, il Prosecco vola in Gran Bretegna

30/05/2019 - La paura in attesa della Brexit fa volare del 18% nel 2019 le esportazioni di Prosecco in Gran Bretagna, dove è corsa agli acquisti per fare scorte del prodotto Made in I...

Mazzetti L’Originale: l’oro nero degli aceti balsamici di Modena

Mazzetti L’Originale: l’oro nero degli aceti balsamici di Modena

22/05/2019 - Mazzetti L'Originale lo riconosci subito. Iconica l'eleganza del suo packaging: etichetta gialla e bottiglia nera. Seduttiva la dolcezza e la fluidità del suo prodotto. U...

Nasce BioEccellenze: food di qualità Made in Italy

Nasce BioEccellenze: food di qualità Made in Italy

22/05/2019 - Dalla volontà di tre realtà storiche della Regione Lazio, ovvero Caffè Haiti Roma, Perino e Perino e Biosolidale, nasce BioEccellenze, con lo scopo di proporre sia in Ita...

Impronte di pizza 2019: i maestri pizzaioli raccontano la propria filosofia sull’impasto e non solo

Impronte di pizza 2019: i maestri pizzaioli raccontano la propria filosofia sull’impasto e non solo

19/05/2019 - Il connubio "bella e buona" non basta più: in fatto di pizza gli italiani si scoprono esperti di ingredienti di qualità e metodi di lavorazione, pur rimanendo fedeli alla...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

due + 17 =