Federico Bellanca
| Categoria Notizie Distillati, Liquori, Distribuzione - Ristorazione | 5128 letture

Gabriele Manfredi, migrare a Londra per volare più in alto di tutti, con un sogno chiamato oriente…

Manfredi Londra Oriole Migrare The World's 50 Best Bars Chiamato Gabriele Volare Sogno I Maestri Della Mixology Gabriele Manfredi

Oriole I Maestri Della Mixology The World's 50 Best Bars Sogno Volare Manfredi Chiamato Gabriele Migrare Gabriele Manfredi Londra

© Riproduzione riservata


Londra è ormai da anni la capitale indiscussa della mixology mondiale, e parte del suo successo è senza dubbio dovuto al continuo afflusso di talenti che la capitale Inglese chiama a se. Ci sono due motivi principali per i quali un bartender può decidere di trasfericisi: perchè ha molto da imparare o perchè ha molto da insegnare. Gabriele Manfredi è lo strano caso di un professionista partito per il primo motivo e rimasto per il secondo.

Non è un caso che nella lista dei The World’s 50 Best Bars compaia il nome del locale Londinese dove Gabriele ha lavorato fino al 5 agosto, e mai come questa volta si può dire che il nome del locale e quello del bartendere siano sovrapponibili.

L’Oriole infatti è un piccolo uccello migratore, capace di cambiare il proprio mondo e di reinventarsi in terre lontane, e questa descrizione pare corrispondere pienamente a quella di Gabriele Manfredi.

Guida Guidaonline Bibite e Succhi Beverfood bevande analcoliche energy sport drink thè caffè freddi succhi nettari
GuidaOnline Bibite e Succhi Beverfood.com Bevande Analcoliche bibite mixology thè e caffè freddi energy sport drinks Succhi Nettari Bevande Frutta Funzionali Horeca Concentrati

Ti va di raccontarci un po’ la tua storia, da dov’è cominciato il tuo percorso nel mondo del bar e cosa ti ha portato ad andare all’estero?

Io sono originario di Milano, ed è lì che ho cominciato il mio percorso nell’ospitalità, frequentando l’istituto alberghiero Lagrange. Ho iniziato molto presto a lavorare nel mondo del bar, ricordo che già a 14 anni, durante il periodo estivo, mi davo da fare in una piccola caffetteria del mio paese, Limbiate, nella provincia lombarda.

Da lì comincia ad alternare gli studi al lavoro, e durante la settimana, dopo scuola, iniziai a lavorare all’allora Jolly Hotel ( ora NH) dove cominciai a prendere confidenza con il mondo dell’hotellerie. Una volta diplomato, inizia a fare sul serio, cominciando dal Park Bar, bar del rinomato e lussuoso hotel 5stelle Park Hyatt, dove restai per circa 2 anni. Lì ebbi la fortuna di conoscere l’allora bar manager Francesco Pierluigi, che mi spinse più di tutti nel partire e fare un’esperienza a Londra, anche solo per migliorare l’Inglese. All’epoca lavoravo con Mattia pastori e Luca angeli e formavamo una bella squadra e avevamo fatto un bel gruppo molto affiatato tra di noi, perciò quella di partire non fu una scelta a cuor leggero, ma alla fine decisi di ascoltare Francesco, e feci bene visto che anni dopo eccomi ancora qui.

 Londra è ad oggi la capitale mondiale della Mixology. Quali sono ai tuoi occhi le principali differenze  tra Inghilterra e l’Italia?

Una domanda che mi fanno in tanti! Penso che tra le principali differenze ci siano proprio le abitudini dei consumatori. In Italia si consuma molto vino, fa parte della nostra cultura e tradizione, e ovviamente non ci vedo nulla di male, ma questo riduce molto la propulsione dei consumatori a scoprire il mondo dei cocktails. Io ormai abito 8 anni che sono via quindi non faccio più caso a certe cose, ma mi ricordo che uno dei miei primi giorni a Londra (all’epoca lavoravo all’Artesian bar), un cliente si avvicinò al banco e senza neanche aprire il menu ordino un Sazerac. Ne rimasi davvero colpito, per me era un cocktail da esperti, letto sui libri, o di cui si parla tra colleghi. Qui a Londra invece era un’ordinazione come un’altra.

Databank bevande bibite succhi acque Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

Comunque anche da qui noto che anche grazie a tante attività, show, cocktail week e iniziative, il livello italiano si è alzato di molto…spero che si riesca a mantenere e che non scoppi come una bolla di sapone tra qualche anno!

Si è appena chiusa la tua avventura ad Oriole Bar, uno dei 50 migliori Cocktail Bar del mondo, ti va di parlarcene un po’?

Molto volentieri! Oriole nasce da un idea di Luca Cinalli, mio compagno d’avventura da ormai 7 anni.Tutto è partito dall’idea del Nightjar di aprire un secondo locale. Ci è stato dato spazio per esprimerci e  io e Luca insieme progettammo set-up – station- e l’intera operazione. Oriole oggi è un locale basato su ingredienti e ispirazioni che vengono da tutto il mondo, giochiamo molto su questo concetto, unendo elementi del vecchio continente a stili del nuovo mondo e tocchi orientaleggianti, con live music 7 giorni su 7, uno specchio dell’anima di questa città cosmopolita. 

E ora cosa ti aspetta nel futuro?

Ho lasciato oriole il 5 agosto assieme a luca Cinnalli, e i progetti per il futuro non mancano certo. Siamo concentrati nell’apertura del nostro locale a Londra e per il momento siamo impegnati su consulenze in Cina e India !

Oltre che da te, dove suggeriresti di andare a bere a Londra a qualcuno che viene per la prima volta?

Londra offre tantissime possibilità, dipende sempre da quello che si sta cercando. Cito comunque alcuni locali che consiglierei (in ordine sparso e non di preferenza! The mandrake -connought bar-bar termini- Satan’s whiskers-three sheets 

Pensi mai a tornare in Italia?

sinceramente no, ma mai dire mai 

 Al contrario, consiglieresti ad un giovane bar tender di trasferirsi a Londra?

Penso che Londra sia quasi fondamentale nella carriera di un bartender, ti apre la mente, non solo professionalmente! È davvero un consiglio che rivolgo a tutti, fosse anche solo per un breve periodo di 1 anno.

Raccontaci uno dei tuoi cocktail, e la storia di come è nato.

Ultimo romantico:

E un signature che ho presentato al Cafe Torino per Martini, al primo Brooklyn bar convent a New York. Martini mi aveva chiesto un signature che rappresentasse me stesso, e avendo forti legami con Firenze decisi di fare un drink che richiamasse il negroni e il negroni sbagliato, e appunto l’Italia.

ULTIMO ROMANTICO:

-Gin

-bitterwood ambrato   ( quassia bitter wood infusa con Martini ambrato)

-rubino riserva speciale Martini

-liquore di Pino

Il tutto caricato con co2( per dare quel frizzantino che ricordasse lo sbagliato) Servito con un oliva ed una fetta di arancia arrostita.Salute!


Rubrica i maestri della mixology

interviste ai migliori barman esperti di miscelazione

Altri articoli della rubrica

Salvatore Longo, quando la Mixology Siciliana vuol dire qualità, tra Farmacognosia e Zagare

27/06/2018 - Catania è una città straordinaria, una vera e propria gemma non solo del Sud, ma a livello Italiano. Negli ultimi anni, girando per il nostro paese poche città mi hanno p...

Roberto Rossi, da Carpi alla Francia, per portare un pò di Italia nei Cockatil Parigini

28/05/2018 - Quante vite si possono vivere in una vita sola? Questa è la domanda che mi rimane in mente dopo aver terminato l'intervista con Roberto Rossi. La tentazione di adagiarsi ...

Federico Cremasco e il futuro dei Cocktail, dal campo al bicchiere, inseguendo la perfezione

21/05/2018 - Non ho nessun dubbio nell'affermare che i Bartender e gli Chef sono due figure professionali paritetiche che si muovono semplicemente su stati della materia differenti. M...

Flavio Angiolillo e la Rivoluzione: Tutto quello che avreste voluto sapere su Farmily

14/05/2018 - Ci sono un francese un americano e un italiano. Sembra l’inizio di una barzelletta invece si tratta degli ingredienti di una ricetta molto seria (nonostante sia per sua s...

Marco e Tommaso, l’arte di lasciare tutto per inseguire un sogno di nome Franklin’33

07/11/2017 - Chissà quante volte nella storia, due amici a fine serata, magari dopo qualche birra hanno avuto la stessa illuminazione:  “dovremmo aprire un bar tutto nostro!” dice il ...

Paolo Ponzo, l’alchimista della semplicità e la creazione del Cocktail SuperTuscan

09/10/2017 - “A regola d’arte”. Conoscere Paolo Ponzo significa riscoprire il significato che sta dietro a questa definizione. Scordatevi i vezzi e le eccentricità, nessun look hipste...

Emilio Rocchino riscrive la mixology Sarda. Spirits autoctoni e ricorsi storici si mixano a Olbia

02/10/2017 - Non è prerogativa delle grandi città avere grandi Bartender. a Olbia, poco lontano dalle spiagge affollate di turisti della Costa Smeralda, si trova un locale che non viv...

Alessandro Palazzi, dalla provincia al Dukes di Londra, miscelando letteratura, storie e luoghi

21/07/2017 - Ci sono pochi momenti in cui tutte le certezze di un giornalista vengono messe in discussione, ma l’incontro con Alessandro Palazzi è senza dubbio uno di quelli: il momen...

Alessandro Ismaele Avilla, l’arte di raccontare storie nei cocktail, per crescere e far appassionare

03/05/2017 - L’ispirazione può arrivare da qualsiasi cosa. Può essere figlia di un viaggio, di una città, di film o di un piatto. È questo che contraddistingue gli artisti, la capacit...

Mauro Uva mette il Veneto in un cocktail.Con grappa e erbe perdute reinventa la miscelazione italiana

27/04/2017 - Nella ricerca spasmodica della novità, si rischia di perdere i tesori che abbiamo sotto gli occhi. È questa la filosofia che contraddistingue Mauro Uva e il suo progetto ...

I Maestri della Mixology by Federico S. Bellanca - Intervista a Salvatore Castiglione del Fourghetti

Salvatore Castiglione, da Parigi fino al ristorante di Barbieri, per sposare alta cucina e cocktail

20/04/2017 -   Partito dall’Italia nel 2008, Salvatore Castiglione ha conquistato cuore e palato dei francesi per anni prima di decidere di tornare in Patria. Nel 2015 il rito...


© Riproduzione riservata

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

The World's 50 Best Bars Volare Chiamato I Maestri Della Mixology Manfredi Londra Sogno Gabriele Manfredi Migrare Gabriele Oriole


BEER ATTRACTION - 16-19 febbraio 2019 Rimini fiera - specialità birrarie, alle birre artigianali e al food per il canale Horeca

ARTICOLI COLLEGATI:

Il giro del mondo in 50 (best) bar

27/11/2018 - Niente scommesse in ballo, come invece era costretto a tenere a mente il leggendario Phileas Fogg, nato dalla penna di Jules Verne che immaginò un giro del mondo in 80 gi...

Florence Cocktail Week, la Festa Mobile del XXI secolo, mix di storia, internazionalità e fantasia

02/05/2017 - Negli anni ’20 Ernest Hemingway raccolse le memorie della sua gioventù parigina in una serie di capitoli. Il titolo scelto per l’opera, pubblicata postuma, è a suo modo l...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

3 × due =