Pinterest LinkedIn

Di seguito pubblichiamo un articolo sul fenomeno dell’utilizzo della grappa nei cocktail di Luigi Odello, docente di analisi sensoriale, direttore di www.grappanews.com e presidente del Comitato Scientifico del Consorzio Nazionale Grappa. Odello esprime qualche perplessità su questo fenomeno che invece vede molti produttori ed esperti più aperti e convinti nell’utilizzo della grappa nei cocktail.

Ho tentato di insegnargli l’ebbrezza della velocità nella corsa a piedi facendogli provare la bicicletta, ma poi lui ha preso la moto‘. Non è che tra qualche anno il mondo della grappa, che ostinatamente cerca di farla utilizzare nel bere miscelato, potrebbe trovarsi a dover parafrasare questo?

Se è vero che la grappa è un’acquavite con un grande contenuto culturale che le deriva dalla tradizione e da una qualificata artigianalità mai sopita e che questo si trasferisce alle sue caratteristiche sensoriali, occorrerebbe che i giovani imparassero a conoscerla tal quale e non travestita. Occorre quindi partire da una narrazione giovane e fresca, sincera e motivante, lontana dalla gergalità da addetti ai lavori e dalla retorica, magari intrisa di gioco e di sfide per farla conoscere e apprezzare. Solo così, pura, si premiano, tra l’altro, gli sforzi fatti negli ultimi quarant’anni per elevarne la qualità.

Se poi è vero, com’è vero, che per dare forza a un cocktails si trovano molte altre fonti alcoliche che costano molto meno, qualcuno mi spiega perché i barmen dovrebbero utilizzare la grappa?
A meno che  non ci sia un’altra logica: contribuire a produrre bevande da sballo perché lì l’alcol non si sente e se ne consuma molto. A questa non voglio credere, i nostri grappaioli di difetti ne hanno tanti, ma il cinismo nelle loro azioni è comparso raramente, per non dire mai.

 

Luigi Odello
www.grappanews.com/

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Scrivi un commento

4 × 4 =

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina